mercoledì 2 settembre 2015

È normale che non vi piaccia il nuovo logo di Google: vi fa pensare a Trenitalia

Proviamo a togliere i colori dal logo di google e osserviamo bene il video di presentazione. La "o" e la "g" sono due lettere composte con pezzi semplici, hanno lo stesso cerchio e l'unica differenza è l'asta della "g" che si pronuncia in basso:


Di fatti la "a" che vedete subito nel video è una "g" senza quel prolungamento, o meglio è una "o" con una stanghetta:

lunedì 31 agosto 2015

Le feste sulla rete sono in declino

Forse basterebbe soltanto la seguente immagine per argomentare al meglio questo titolo:



A parte i due "partner" gestiti sempre dagli stessi organizzatori, gli altri sponsor che hanno effettivamente a che fare con la rete sono soltanto 6 o 7 (su 19).

A distanza di un anno la Festa della Rete ha perso circa 23 sponsor.1

giovedì 30 luglio 2015

La teoria delle finestre rotte è reazionaria, e alla lunga ci farà molto male.

Nove anni fa, nell'Aprile 2007 ci fu un dibattito a Londra a causa di un muro di Banksy cancellato "per sbaglio". Un lavoratore della London for Transport ridipinse completamente di nero il muro in cui Banksy aveva raffigurato una scena di Pulp Fiction con delle banane al posto delle armi.



Sebbene il comune si fosse indignato assieme ai cittadini ammettendo l'errore, e cercando scuse come "avevamo chiesto che rimuovessero altri graffiti, non quello di Banksy", la London for Trasport (la loro ATAC, per capirci) non si è fatta scrupoli nel rivendicare l'accaduto e, anzi, ha dichiarato tramite il suo portavoce che rimuovere il graffiti era necessario poiché "creano un'atmosfera di abbandono e degrado sociale che incoraggia il crimine".

Vi ricorda qualcosa?

martedì 23 giugno 2015

Gli influencer colpiscono ancora

Premessa: questa è la seconda parte del post sull'Universo Costanzo uscito un mese fa, chi non l'avesse letto è invitato a farlo per capire di cosa si parla.
--------------------------
universo-costanzo-seconda-parte-influencer-colpiscono-ancora-socialITA-expo
- grazie @ffffjd per la foto

lunedì 18 maggio 2015

L'Universo Costanzo - La via lattea delle marchette italiane

Qualsiasi esperienza non affiancata da strumenti critici, finisce per essere considerata naturale, con la conseguenza che non la scegliamo davvero, ma la subiamo; così la società finisce per dividersi in produttori e consumatori acritici di comunicazione visiva.
~ R. Falcinelli, Critica Portatile al Visual Design

Osservate bene questa immagine e pensate cosa rappresenta per voi.

universo-costanzo-marchette-italiane-pubblicità-socialcom15-socialITA

Per me questa foto, che chiamerò l'Universo Costanzo, rappresenta l'Orsa Maggiore della rete "italiana", e per rete italiana intendo proprio una sfera con limiti molto labili che racchiude gli utenti di questo stivale nella sua maggioranza: coloro che risiedono in Italia e fanno uso della rete prevalentemente in lingua italiana.

Vi starete chiedendo cosa c'entra Maurizio Costanzo con la rete italiana. Poco o nulla, ma l'Universo Costanzo e le sue costellazioni rappresentano una logica televisiva-commerciale. Una logica fatta di pubblicità. Ora, il punto a cui voglio arrivare è questo: la websfera italiana sottende sempre di più, e in modi ormai imbarazzanti, ad una logica televisiva. In parole povere, siete e siamo circondati da marchette, marchette inconsapevoli, marchette nascoste, marchette ovunque.