giovedì 23 settembre 2010

Compra i Codecs per Ascoltare Il Gattino Virgola!

Siamo chiari, mi sono rotto di parlare della Distro del Parroco. Spero questo sia uno degli ultimi post del genere. Ormai ho detto tutto quel che penso.  Quindi o faccio morire il blog oppure cambio argomento... ma, nel mentre cerco di dargli un nuovo verso, cazzo, quei ragazzi combinano sempre qualcosa di nuovo e mi danno la carica per scrivere ancora...

Questa volta, Canonical, dopo Ubuntu One e Ubuntu One Music Store, adesso vende programmi direttamente dal Software Center.

A me la cosa non piace. Credo che cose come queste uccidano lo spirito del software libero che fa andare avanti LUG, Forums e tante altre iniziative libere. E ora spiego il motivo.

Perché

Non tanto perché sia contrario alla vendita del software – storgo comunque il naso – ma perché il problema è che questi tipi di software promuovono codecs non liberi. Cose di cui non possiamo, ma vorremo tanto, farne a meno. E di questo passo, il farne a meno non avrà mai luogo.

Mi baso su quel che leggo qui:
Fluendo DVD Player
”License Proprietary”
Certo, di mezzo ci sono i brevetti che in Stati Uniti fanno questo software indispensabili, ma allora, non so, vendilo solo negli Stati Uniti.

Danni collaterali

Parliamo però delle conseguenze a livello ”morale” che avrebbe la diffusione di software come questo in massa. Partiamo dal presupposto che molte persone potrebbero essere interessate a programmi come Fluendo. Intendo, i futuri utenti che passeranno da Windows a Ubuntu.

Ora, il fatto che questo tipo di software a pagamento venga diffuso su GNU/Linux, a mio parere, scoraggerà quegli sviluppatori che si davano tanto da fare per creare software all’altezza ma completamente free, che appoggiavano il software libero perché aspiravano ad un futuro in cui non dovremmo patire per i codecs.

Se io sviluppo un software alternativo e vedo che lo usa tanta gente sarò contento. Se invece vedo che mano a mano, alla fine, la gente sceglie sempre le cose a pagamento che appoggiano codec proprietari, forse smetterò di programmare il mio programmino. E anzi, peggio ancora, magari mi ci metto pure io, a questo punto, a fare del software del genere.

Ancora un'altra volta Ubuntu si avvicina alla massa, ma si scorda di promuovere il messaggio di Software Libero.

3 commenti:

  1. i codecs per ascoltare il gattino virgola tanto, non finiranno mai sui repo di Debian ;)

    sulla chiusura del software, bhe si è harakiri.
    mi auguro che Ubuntu se ne penta amaramente.
    Ubuntu one che roba è? ho visto un coso lì....che fa non so cosa....ma per me resta un coso :D che starà lì inutilizzato.
    faccio statistica oppure no? così io cerco di scoraggiare gli amicici di canonical.

    (sono ripetitivo pure io, dico sempre le stesse cose nei commenti..si possono mettere foto di donnine poco vestite con mentalità open source? XD giusto per variare :P )

    RispondiElimina
  2. "Se invece vedo che mano a mano, alla fine, la gente sceglie sempre le cose a pagamento che appoggiano codec proprietari, forse smetterò di programmare il mio programmino."

    Perché la gente dovrebbe preferire le cose a pagamento?
    Anzi, trovandosi di fronte a due applicazioni, una open e l'altra a pagamento, potrebbe essere più invogliata a provare quella open, e quindi tenerla se lo soddisfa.

    In fin dei conti il modello di sviluppo non pregiudica la qualità di un software: ci sono applicazioni proprietarie migliori di quelle open e viceversa. A Canonical hanno solo dato modo di attingere ad entrambe le fonti.

    RispondiElimina
  3. @Damage92
    Premetto che sono considerazioni personali. Ma da quello che vedo e capisco, purtroppo la gente sceglie e vede le cose a pagamento come "migliori".

    Non è un pregiudizio, basta guardare le reazioni e i commenti a uTorrent per Linux. Ce n'era davvero bisogno? Con tutti i programmi liberi che ci sono?

    Per persone che usano Gnu/Linux da un po' è normale che si cerchi prima la versione libera. Ma con i primi arrivati succede il contrario.

    Cerchi il programma che usavi su windows, se lo trovi sei più propenso a usarlo, se non lo trovi sei più propendo a adattarti.

    @TopGun
    Ma per donnine poco vestite ci sono ben altri siti! :D

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.