mercoledì 20 ottobre 2010

Lavoretti da Sileni

Steve Jobs si sarebbe scagliato direttamente contro Samsung, Dell, Rim e Google. Risparmiando, per lo meno, sua propria madre.

"I loro produttori impareranno la dura lezione: i loro tablet sono troppo piccoli! noi alla Apple ce l'abbiamo grosso."

In fondo, il rallentamento nelle vendite di iPad potrebbe essere attribuito da un lato ai problemi di produzione, dall’altro a una forma di attendismo da parte dei consumatori, scartano invece l'ipotesi "niente multitasking, niente porte usb, niente webcam frontale, ehm.. ci prendi per il culo?".

Jobs dice una cosa incredibile: afferma che quando sente parlare di sistema aperto pensa a Windows. E quando sente parlare di chiuso, pensa a Linux?

Tesse le lodi dell'App su iOS, una piattaforma della quale esistono solo due versioni sulle quali testare le applicazioni: tutte e due sono sue.

Secondo Steve, la contrapposizione tra sistema aperto e chiuso serve solo a sviare l’attenzione dal reale problema: cos’è meglio per gli utenti, la frammentazione o l’integrazione?
Secondo me, la domanda di Steve serve solo a sviare l'attenzione: cos'è meglio per Steve, vendere o non guadagnare?

14.1 milioni di iPhone e 4.2 milioni di iPad venduti.
Mangiate merda! milioni di mosche non possono sbagliare!

5 commenti:

  1. io mi chiedo invece, ma a capito lui stesso a cosa serve sto cavolo di iPad??

    Io mi sforzo, vedo persone che ci "picchiettano" su 'sto tablet in modo anche frenetico (la cosa divertente è vedere i segni delle dita contro luce!!!!)... ma non ho capito cosa cavolo picchiettano!!!
    Ho chiesto a dei miei amici che l'hanno comprato e mi hanno risposto tutti felici: "boh... è bello e figo!!!"...

    Gli ho risposto: "si come qualcosa piantato nel ...."
    Mah... degrado..........!!!!!!

    RispondiElimina
  2. se non fosse per il prezzo assurdo ipad qualche piccola comodità la da (le stesse che di base da un netbook touchscreen)

    RispondiElimina
  3. @Phoenix Fire
    Anch'io comunque penso che il concetto di "pad" sia interessante, e indubiamente affiancherà i netbook o i laptop. È un'invenzione comoda e intuitiva.

    Però al giorno d'oggi l'ipad è carente di tante cose, e lo Steve lo vuole far passare come chissà cosa. Ora come ora è un'elettrodomestico giocatolo un bel po' costoso. Secondo me.

    Lo dico proprio perché se dovessi scegliere tra un pad di apple e uno di samsung (per fare un'esempio) dove samsung ha una webcam frontale che mi permette di usare software voip e posso anche collegare una chiavetta usb tranquillamente sul dispositivo, penso che avrai intuito la mia scelta.

    @artic80
    Non è tanto l'inutilità. È il fatto che l'ipad al giorno d'oggi non è altro che un'ipod touch gigante. E tutto questo a un prezzo assurdo.

    A pensarci bene, il rapporto qualità/prezzo non c'è. E non mi frega cosa possa fare uno coi suoi propri soldi, non giudico gli utenti in sé, dico che Jobs è ridicolo quando vende frutta.

    Questo post ha del vero, se guardi i link, jobs ha veramente detto che quando pensa "sistema open" gli viene in mente Windows. E questa è l'emerita stronzata. Tuttaviala sua domanda è molto interessante.

    Lui sta dicendo che Android non è vincente perché è frammentato. Ma Android è "frammentato" proprio perché è Open. (e neanche tanto, ma non ci dilunghiamo)

    Ora, con la sua domanda sta comunicando - e facendo enfasi - sul fatto che la frammentazione non sia il meglio per gli utenti. Sta dicendo che "per gli utenti" è meglio l'integrazione.

    E certo, messa così, potrei anche dargli ragione e dire: beh in effetti io preferisco l'integrazione. Ma a quale prezzo?

    E poi, da quando uno che ti vende un elettrodomestico che ti fa pagare 10 volte in più il costo di produzione si interessa di cos'è meglio per gli utenti?

    Io credo che lui, da buon markettinaro, non fa altro che pensare cos'è meglio per la sua azienda. E quello che lui chiama "frammentazione" non porta altro che miglioramento, porta pluralità, caos, scelta.

    Con i sistemi chiusi, specie con i sistemi come Apple, non sei cosi libero di scegliere. Prendi come viene, e paghi. Sotto questo punto di vista Windows è più maleabile di MacOSx. Ma non è "open".

    Pensateci bene, è la stessa cosa che dicevo ad agosto con questo post: Niccolò Copernico e l'user-friendly:
    A volte, quello che ti vogliono spacciare per user friendly, per intuitività e facilità d'uso, è solo una scusa per renderti meno libero nelle scelte.

    Ma tanto copriamo tutto con una domanda fuorviante e una prerrogativa di dire cos'è meglio per gli utenti. -.-

    RispondiElimina
  4. Apple è contro la libertà di scelta a prescindere perchè sa che su certe cose se uno sceglie non prenderebbe i suoi prodotti poichè costano quanto un rene e un polmone al mercato di organi :D

    RispondiElimina
  5. Apple è contro la libertà di scelta a prescindere perchè sa che su certe cose se uno sceglie non prenderebbe i suoi prodotti poichè costano quanto un rene e un polmone al mercato di organi :D

    Che oltretutto con la crisi hanno aumentato pure il prezzo!! quei bastardi di traficanti illegali!

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.