martedì 18 gennaio 2011

Mark ma che stai a di'??

Recentemente Shuttleworth è stato intervistato da OSSBlog.it, ecco cosa penso di alcune sue risposte:
Shuttleworth-intervista-ubuntuDicono che Ubuntu prenda dal mondo dell’open source più di quanto non renda.
Ogni persona che entra in questo mondo porta il suo contributo, come minimo il suo punto di vista. Quando abbiamo iniziato, l’universo dell’open source era pieno di brillanti persone che scrivevano codice eccezionale. Era chiaro che Linux sarebbe stato il futuro dei kernel. Non c’era bisogno di fare altro. Quindi ci siamo focalizzati sull’utente finale, cercando di distribuire software affidabili e belli, concentrandoci su ciò che la gente usa. Abbiamo documentato tutto e creato un ecosistema di supporto.
Già... Ma quindi? No, perché mi sembri un po' fuorviante, non hai risposto bene. Prendete più di quanto rendete, si o no?  e lasciamo perdere che in realtà state facendo migliorie solo per Ubuntu, non per "Gnu/Linux" in generale.
Parliamo di Ubuntu Maverick Meerkat, la release 10.10 rilasciata il 10.10.2010. Cos’ha di speciale?
E’ la prima con Unity, la nostra nuova interfaccia grafica. Abbiamo investito molto per semplificare e rendere efficiente il desktop. E’ stata ottimizzata per i netbook, ma funziona molto bene anche sul mio laptop.
Funziona molto bene? Io l'ho provata e, sinceramente, funziona male. L'avete rilasciata ad ottobre e va lentissima, molto lenta. È una presa in giro non ammettere che lo sapevate, ma l'avete rilasciata lo stesso, probabilmente per far dei vostri utenti dei beta tester. Proprio come fa Microsoft quando rilascia Windows e poi manda i service pack. Ora il vostro "service pack" arriverà ad Aprile con Unity basata su Compiz. Bella roba.
Quali sono le cose di cui siete più orgogliosi? 
Wow, molte! Oltre a Unity, soprattutto il lavoro fatto attorno al cloud computing, che rappresenta il modo in cui nascono i nuovi progetti basati su server.
Su server che non potranno essere usati coi vostri prodotti, visto che proprio la parte che riguarda i server in Ubuntu One è closed. Per non parlare del danno potenziale che il cloud computing porta al Free Software, ma stando a cosa pensa il vostro direttore di vendite non vi frega niente, anzi siete contenti.

Su Apple

[...]La grande lezione di Apple è focalizzarsi sulla semplicità, e la vogliamo predicare a tutto il mondo dell’open source. Ci sono elementi nella nuova interfaccia di Ubuntu simili a quelli della Apple: il menu nel pannello superiore e il launcher per le applicazioni.[...]
Ti sei scordato di nominare:
E sicuramente dimentico qualcos'altro. Attenti poi a confondere semplicità con omologazione (Niccolò Copernico e l'user-friendly)
Siamo stati i primi a introdurre le notifiche che non interferiscono col tuo lavoro e gli indicatori delle categorie nel pannello. E con Unity abbiamo massimizzato i piccoli schermi dei netbook.
Avete massimizzato i piccoli schermi? ma se c'è una cazzo di barra laterale, gigante e il panello sopra non sparisce mica. O.o  E poi, unity è lentissimaaaa, finché non rilasciate la versione nuova, unity resta lenta e inusabile. Le notifiche non sono idee così originali, dai, le ho viste su un mac, quando usi audium compaiono e sono presapoco identiche. Ultimamente credo che molti usano la parola innovare alla leggera. (La Canonica innova? cos'è l'innovazione?)

Su Stallman

Attenzione a quel che segue:
Apple è il nemico, come dice Stallman?
No, è solo un rivale. C’è una grande differenza fra nemico e rivale. Gli esseri umani sono facili all’odio e non vedo perché dargli un motivo di odiare. Abbiamo opinioni differenti: noi crediamo che il free software porti a prodotti migliori , economie più sane, maggiore innovazione e divertimento. A noi non interessa odiare per vincere, ma solo fare un buon lavoro.
Vorrei farvi notare come il nostro Shuttleworth versione antropologa esca fuori. Prima lega il concetto di nemico all'odio (cosa non necessariamente vera), e dice che questo sentimento è tendenzialmente verificabile nella natura umana (ma và), dopodiché implica che Stallman inciti all'odio. Ma lo fa in modo implicito. Come ha già fatto in passato, parlando di tribalismo e argomenti antropologici (Shuttleworth, Gnome ed Elio e le Storie Tese).

Che altro dire, Shuttleworth è un uomo di affari, le questioni del software libero gli stano a cuore fino a un certo punto. Ma purtroppo finché svenderanno la loro distro come qualcosa di "umano" queste cose saranno poco evidenti.

8 commenti:

  1. 92 minuti di applausi (a te non allo zio mark xD)

    RispondiElimina
  2. Ottima critica, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Non sono molto daccordo su alcune cose...
    1- Quello che ha fatto Ubuntu per l'open source in effetti è poco, se non nulla. Però ha reso molto più popolare Linux. Quindi non possiamo dire che non ha fatto proprio niente...
    2- Unity io lho provata personalmente sul mio portatile e andava bene. Non mi piace come si interfaccia col sistema (preferisco un desktop "classico").
    Sul netbook non lo so, non ne ho uno quindi non posso dire nulla... Di sicuro sarà meno reattivo...
    3- Qui son d'accordo con te =) Ok predicare il verbo di Apple, pian piano però qui ci si avvicina a un clone di OSX...
    4- Secondo me invece per i netbook unity è una gran interfaccia... Sui netbook che ci fai? navighi in internet, ascolti musica, chatti... che altro? Compili KDE? Guardi un film in full HD? Usi Photoshop? Non credo...
    I siti web non si sono adattati agli schermi 16:9. Sono molto "verticali". I Blog, Facebook, Twitter, Google, per esempio, non usano quasi nulla della larghezza del monitor...
    E anche quelli che lo fanno di solito hanno sempre almeno un cm di bordo dove non cè nulla... Quindi una barra laterale la puoi mettere tranquillamente...
    Sempre meglio che una seconda barra sotto come è di default in gnome, no? =)
    5- Stallman o lo ami o lo odi XD
    A parte gli scherzi... Stallman è un estremista della libertà digitale e bisogna soppesare bene quello che dice.
    Ma Shuttleworth fa un ragionamento che mi fa schifo ("A noi non interessa odiare per vincere"), non significa nulla... Odio e amore non centrano nulla con il software o con un azienda... Sono frasi per far sembrare che lui è il Bene e Stallman il Male... Non sopporto chi fa queste mosse per raccogliere consensi.

    E si... come dici tu è un'uomo d'affari che deve mandare avanti un azienda... Prima i soldi poi il resto... Ma questa è la vita... =)

    RispondiElimina
  4. @Santiago
    Sei troppo forte! :)
    E io aspetto ancora sul muretto... Con la nuova furbata delle Qt e con la sua rinomata natura altruistica ora si alienerà anche il mondo KDE*, oltre quello GNOME, e mi sa che la mia non sarà un'attesa lunga.

    *Lui sembra conoscerlo meglio di me: http://aseigo.blogspot.com/2011/01/qt-acceptance-growing-next-colaboration.html

    RispondiElimina
  5. Ciao coniglio, come già detto questo è il mondo del marketing e della pubblicità, l'utente finale in molti casi (o quasi sempre) si adatta a quello che gli offrono, se lo fa piacere e ci si abiutua, come per il software come per la vita o il lavoro. Alcuni si fermano a riflettere e se possono cambiano, o almeno ci provano...
    In questo caso Ubuntu ha raggiunto una tale popolarità che quello che fa il signor Mark va bene o almeno molti se lo fanno andare bene e dicono: "tanto è gratis".
    Io personalmente contunuerò ad usare Ubuntu finché mi piacerà o lo troverò interessante, poi magari cambio, almeno fin quanto il software libero rimarrà tale.
    Ciao! ^_^

    RispondiElimina
  6. Interessante leggere la risposta di Aron Seigo a ciò che dice Mr.Ubuntuhttp://aseigo.blogspot.com/2011/01/qt-acceptance-growing-next-colaboration.html

    RispondiElimina
  7. Ragazzi appena posso leggo il post di Seigo ;) me l'avete linkato in due. Grazie a tutti dei commenti, scusate ma ultimamente posto al volo e vado di fretta per motivi personali.

    @Anonimo
    "E si... come dici tu è un'uomo d'affari che deve mandare avanti un azienda... Prima i soldi poi il resto... Ma questa è la vita... =)"

    Eh, questa però è una visione un po' materialista, e al di là di ciò quando si tratta di promozionare il prodotto, questo bisogno di soldi, lo nascondono bene. Lo fa Apple e lo fa Canonical, con tutti i richiami ecumenici. È questo quello che non mi va molto giù.. non tanto il fatto che voglia fare soldi.

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.