giovedì 20 gennaio 2011

Intervista a Richard Stallman sul Manifesto

richard stallman giovane
Sappiate solo questo, non ho ancora finito di leggere l'intervista di ieri a Richard Stallman sul Manifesto, ma appena mi sono imbattuto nella prima domanda non potevo non condividerla qui con voi:
"Dopo trenta anni, ritiene che la diffusione di software libero abbia avuto effetti «collaterali» non previsti?

Sono avvenute molte cose non prevedibili allora. Ad esempio, non potevo certo prevedere che alcune persone, in nome di alcuni ideali alla base del software libero, abbiano dato vita a imprese basate su programmi open source per fare profitti..."
Ecco perché a Canonical, a Google e a tanti altre aziende in fondo non li sta a cuore il Software Libero, e vogliono portare il software nelle case di tutti per altri motivi. Ed ecco invece perché la Microsoft, e anche Apple, sono dei "nemici" - detto senza ricorrere all'odio - per chi si batte o condivide queste idee:
"...Allo stesso tempo non potevo certo immaginare che la Microsoft avrebbe spinto aziende, governi e stati ad adottare i suoi programmi e che poi li abbia mobilitati contro l’adozione di programmi informatici free. "
Ah Stallman, che altro dire?

PS: avete visto la foto?? senza la barba era pure un bel ragazzo :D

10 commenti:

  1. c'è poco da aggiungere... magari non saranno proprio "nemici", ma "amici che si approfittano". E forse è anche peggio.

    RispondiElimina
  2. p.s. Ti faccio i miei complimenti, mi piace molto il tuo modo di scrivere diretto e tagliente. Bravo.

    RispondiElimina
  3. Anche la diffusione di conoscienza dovrebbe essere gratis, ma lui si fa pagare molto ma molto bene per le sue interviste e per presentarsi ai congressi.

    RispondiElimina
  4. @Anonimo

    conoscienza??? almeno impara l'italiano...

    RispondiElimina
  5. Ma cosa stai dicendo! Si fa ospitare in casa per non andare in albergo e la maggior parte dei soldi vanno alla FSF! Poi anche lui dovra mangiare!

    RispondiElimina
  6. Ragazzi... Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza.

    vedete, è canoscenza non conoscenza o conoscienza... su!

    E cmq, se non sbaglio ho letto che Stallman si fa pagare quando coloro che lo accolgono possono pagare, quando invece non possono non chiede niente indietro. E mi sembra giusto che se va a Cambridge o un'università europea li chieda dei soldi e anche tanti. Se invece va in perù penso che non chieda niente, o al massimo una somma molto minore.

    @YattaTux:
    Arigatoo gozaimasu! :)

    RispondiElimina
  7. Comunque non credo che "alcune persone, in nome di alcuni ideali alla base del software libero, abbiano dato vita a imprese basate su programmi open source per fare profitti" sia da intendere in maniera del tutto negativa, visto che ha sempre detto che i programmi possono essere tranquillamente a pagamento. Potrebbe essere anche inteso come "la mia idea ha avuto più successo di quello che speravo" oppure "ho trovato -quasi alleati- insperati"

    RispondiElimina
  8. @Anonimo
    Questo l'ho pensato anch'io, ma - prendendo per affidabile la traduzione - la domanda ci aiuta a capire meglio. Infatti la parola "effetto collaterale" ha una accezione negativa, sia in medicina che in informatica. Inoltre tenendo in considerazione altre dichiarazioni di Stallman, si può affermare che probabilmente quell'accenno era negativo. (dopotutto pure Apple usa compilatori Free se non sbaglio http://developer.apple.com/tools/gcc_overview.html)

    RispondiElimina
  9. se non esistessero aziende come google (canonical è un discorso molto a parte) che utilizzano il software open per fare profitto, il software open non si sarebbe diffuso così tanto. Chi lo usa ne mantiene anche il codice, pulisce i numerosi bug, ne aumenta la sicurezza, a volte anche le prestazioni. Dico a volte perchè alcune migliorie le tengono solo per loro (es: facebook con l'acceleratore per php che non ho ancora capito se verrà rilasciato).
    PS: in google ogni dipendente ha del tempo libero sancito dal contratto per collaborare a progetti opensource

    RispondiElimina
  10. @Anonimo io credo che ci sia una sorta di simbiosi. Senza la filosofia del Free Software non c'è Open Source. Ma - tranne Debian - molte distro non riuscirebbero a fare a meno dell'aiuto di certe aziende.

    Poi c'è infatti il problema della "condivisione mancata". Quando si tengono tutto per loro.

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.