martedì 25 gennaio 2011

In nome di Mark, Ubuntu e lo Spirito Santo, Amen!

ubuntu in chiesaDomenica sono stato a messa ed è stato bellissimo.

Il parroco ci ha letto qualche passo del Vangelo di Marktteo che ho deciso di riportarvi. Sì, lo farò perché non posso esprimere a parole la mia commozione, il mio agape per questo umile dono, questa distro che aiuta i poveri e i bisognosi, e anche talvolta i bambini, certo.

Ma bando alle chiacchiere cari fedeli miei.  È con sommo spirito ubuntiano che io condivido il Verbo con voi.

Marktteo 21,18-22

"La maledizione del CD di Debian"

18 La mattina dopo, mentre rientrava in città, ebbe voglia di installare linux sul suo netbook. 19 Vedendo un cd di Debian sulla strada, gli si avvicinò, ma non vi trovò altro che pacchetti liberi e gratuiti senza nessun cenno a ubuntu software center, e gli disse: «Non si possa mai più installare da te». E subito quel cd si disintegrò.  20 Vedendo ciò i discepoli rimasero stupiti e dissero: «Come mai il cd si è disintegrato immediatamente?». 21 Rispose Gesuttelworth : «In verità vi dico: Se avrete fede e non dubiterete, non solo potrete fare ciò che è accaduto a questo cd, ma anche se direte a questo pinguino: Levati di lì e gettati nel mare, ciò avverrà. 22 E tutto quello che chiederete con fede nella preghiera, lo otterrete».


Fonti:
Le foto sono cortesia di Paolo Sammicheli
Il vangelo è scortesia della Santa Chiesa

14 commenti:

  1. Semplicemente geniale. :) Grazie della buona risata prima d'andare a letto! Finirai per fare concorrenza a OMGecc così, ragazzo! ;)

    RispondiElimina
  2. Ed io Miscredo!!!! Ma andassero a farsi benedire!!!!
    Gran bel Post!!!!

    RispondiElimina
  3. anche io mi unisco in preghiera la mia miscredenza è nulla rispetto a quella del coniglio :D

    RispondiElimina
  4. Ho trovato uno che miscrede a ubuntu molto più di me....

    RispondiElimina
  5. già l'ho letta da un'altra parte...

    OLD

    RispondiElimina
  6. Signori devo confessarvi un malessere interiore. Dopo aver letto il commento numero 5 cercai come un disperato su tutta la internetsfera un briciolo, un barlume, un segnale che mi potesse indicare il perché delle parole del nostro fedele Anonimo N°5.

    E fu così che trovai la risposta. Un libro sconosciuto a me ma conosciuto da Openbox come vedo, si chiama "Bibbia"... se non sbaglio.. Ho trovato una copia spudorata del passo che vi ho citato. Sembra uno scherzo ma il passo è intitolato Matteo 21,18-22 "La maledizione della pianta di fico"

    A breve il mio avvocato intraprenderà qualche azione contro la associazione chiamata Chiesa. Vi terrò aggiornati su come andrà a finire. Non possono macchiare il nome di Gesuttleworth.

    RispondiElimina
  7. Se queste cazzate vi fanno ridere siete sfigati forte

    RispondiElimina
  8. @Anonimo
    ommiodio un troll! ragazzi guardate un troll! :D

    capitano di rado da queste parti.. senti vuoi qualcosa da bere?

    RispondiElimina
  9. Andrew (bandreabis)20/04/11, 13:54

    Che la sfigaggine sia con noi.
    Dalla Tana del Coniglio non si esce più!

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.