lunedì 7 marzo 2011

Perché Apple incanta la gente?

apple-innovare-tecnologia
Sarò molto chiaro, non mi interessano le differenze tra l'iPad 1 e 2. Certo, fa ridere che ti vendano un aggeggio quasi uguale, sì, fa anche ridere che ci sia gente che difenda un prodotto commerciale senza formare parte dell'azienda. Fa un po' piangere, invece, sapere che esiste chi bacia il suo iPad e applaude Jobs come se fosse il salvatore di questo cazzo di mondo.

(In?)credibilmente , Apple è riuscita ancora a farsi vedere, a far parlare di sé, e a far dire ai suoi fans che questa nuova invenzione, la smart cover, è qualcosa di "super woow", di geniale, di innovativo, che Apple ci sa fare.

Possiamo liquidare tutto dicendo "è marketing, Apple è geniale in questo tipo di cose" sì, potremmo. Oppure, possiamo cercare di andare oltre la solita minestra.

Reazioni primitive

Nel 1964 Marshall McLuhan scrisse il libro "Undestanding Media", in cui analizza i nuovi media e trae conclusioni illuminanti. Ecco una delle sue tesi, ancora valida a 100 anni della sua nascita:
Ogni nuova tecnologia (comprese la ruota, il parlato, la stampa), esercita su di noi una lusinga molto potente, tramite la quale ci ipnotizza in uno stato di "narcisistico torpore". Se non abbiamo gli anticorpi intellettuali adatti, questo capita appena ne veniamo in contatto, e ci porta ad accettare come assiomi assoluti, le assunzioni non neutrali intrinseche in quella tecnologia. [...]

Il che è fottutamene esatto, pensateci: Apple ti lusinga (think different). Di conseguenza ti ipnotizza (guardi il touch, guardi la velocità, mordi la mela) dopodiché, ti fa accettare i suoi assiomi (questo prodotto è rivoluzionario, è la prima volta che vedi questo, noi innoviamo).

In Novo

Quella parola. Innovare. Ho già scritto qualcosa sull'innovazione, ma non mi sono mai soffermato nel suo significato.

Etimologicamente deriva dal latino innovare e significa "creare qualcosa di nuovo". Tuttavia, ai nostri tempi, il significato ha - purtroppo - assunto un'altra dimensione. Dimensione dettata dal mercato. Oggigiorno innovare - per molti - significa "portare qualcosa di nuovo". Non solo farla ma anche diffonderla, imporla.

Sotto questo punto di vista, anni fa, la azienda innovatrice è stata Microsoft. Ha portato Windows e imposto il concetto di PC dekstop. Un desktop da scrivania. Anche se il concetto sia stato creato da Apple, tutti sappiamo che Microsoft arrivò a vendere prima. La azienda di Bill Gates venne criticata. "ha rubato le idee".

Domanda: Apple ha creato il touch? il concetto di tablet? No. Hanno soltanto preso queste invenzioni e le hanno diffuse grazie a tanta pubblicità, tempismo e chiusura del loro hardware/software. Un prodotto blindato ma bello. Chi è la nuova Microsoft ora?

Dal mio punto di vista, Apple - sopratutto in questo caso - non innova ma rinnova. Ha sostituito una cosa vecchia con una nuova. Ma l'assurdità, in tutto ciò, è il fatto che a decidere quando qualcosa diventa vecchio o nuovo, è la stessa Apple.

Incantesimo e paradosso

Certo, se vediamo il video promozionale e sopratutto, se siamo distratti, affermiamo: cavolo, questo semplifica e migliora l'utilizzo dell'Ipad.

Ora, se invece siamo attenti, possiamo cogliere qualche dettaglio, neanche tanto superfluo:
  • è un materiale plastico o in fibra, con 2 calamite
  • te lo vendono a 39/60$ ma i costi di produzione saranno di, quanto? 2$?
  • è un bisogno al quadrato. Ovvero, prima hanno creato la necessità di un tablet (l'ipad), e poi hanno inventato la necessità di avere un aggeggio come quello.

Sembra paradossale, anzi lo è, perché si parla di tecnologia all'avanguardia, ma si tratta fare leva su un impulso primitivo nell'uomo: lo stupore, la meraviglia, con i quali ti incanta.

Continua la citazione di prima
[...] Se invece riusciamo a evitare di esserne fagocitati, possiamo guardare quella tecnologia dall'esterno, con distacco, e a quel punto riusciamo non solo a vedere con chiarezza i principi sottostanti e le linee di forza che esercita, ma anche i mutamenti sociali diventano per noi un libro aperto, siamo in grado di intuirli in anticipo e (in parte) di controllarli.


"Noi crediamo che con l'ipad 2 il futuro sarà migliore, sopratutto il futuro della nostra azienda" ;)

25 commenti:

  1. Si sa per una mela è successa l'ira di dio :D

    RispondiElimina
  2. bel post, ora adiamo ad appicciare il fuoco a tutti gli apple store!

    RispondiElimina
  3. @Marco
    Resta ancora il dubbio se Apple è il serpente o Eva ;)

    @picchiopc
    hhahahha ma no, al massimo prima fatti qualche risata leggendo in giro le difese degli apple fanboy :D

    Grazie dei commenti

    RispondiElimina
  4. L'immagine del "narcisistico torpore" e' fantastica per descrivere l'acquisto ossessivo compulsivo dei prodotti Apple.

    PS: Se la Apple proponesse un prodotto simile a questo http://www.youtube.com/watch?v=ct1_r_61sk8 riuscirebbero a venderlo lo stesso.

    RispondiElimina
  5. Sono sempre stato molto critico nei confronti di Apple, vedi qui http://dariocavedon.blogspot.com/2010/09/le-itelevisioni-di-apple.html e poi anche qui http://dariocavedon.blogspot.com/2010/05/un-pesiero-divagante-su-ipad-e-icosi-in.html. :-)

    Dario

    RispondiElimina
  6. @idl3
    L'iMotivator è un'applicazione interessante :). Secondo me, Mark ci fa un pensierino per il Pinguino Psichedelico, o giù di lì. Magari lo chiama uMotivate, non si sa mai che quel tribale di Steve gli venga a parlare di revenue, percentuali, ecc. A lui, poi, che come un ente senza scopo di lucro finora ha fatto solo beneficenza per il bene di Linux!

    @Santiago
    Quest'articolo mi fa venire voglia di comprare un iPad2 solo per piallare l'HD, installarci Windows7, tenerlo sempre spento, e tagliarci le arance. Questo blog non mi fa bene... :)

    RispondiElimina
  7. La citazione me la appunto, è veramente interessante :) Oh, ma poi vuoi mettere un dispositivo con un processore ARM dualcore, 60k applicazioni che non lo sfruttano e neppure il multitasking vero e proprio? C'è tanta gente che dice 'Symbian è vecchio', ma in realtà l'unica differenza vera e propria con iOS è la GUI, se ci pensi. Sul piano funzionalità c'è un bel pareggio, quanto meno.

    RispondiElimina
  8. la furbata è che prima a 60 dollari erano costretti a venderti la dock, ora ti vendono un pezzo di plastica con due calamite xD

    geniali!

    a -monpai- ke

    RispondiElimina
  9. @idl3
    infatti ci sta a pennello :)
    Quel video è bellissimo :D ero indeciso tra questo che ho postato o quello che hai linkato ;)

    @Dario Cavedon
    Wey Iced! che fai Spammi? :D scherzo. Il primo link l'avevo già letto, invece il secondo no. Mi è piaciuta la relazione tra il grande Fratello e Apple :)

    @lelamal
    lo sai che all'uMotivator non ci avevo pensato? =P

    @Nedanfor Sto studiando McLuhan da poco, quando ho letto per la prima volta quel paragrafo mi sono venute in mente un sacco di paragoni o posti in cui si può applicare quella "massima". Non solo per la Apple!

    In futuro penso che tornerò a parlare di quell'autore, è molto interessante quel che dice a proposito dei contenuti e dell'informazione. Te lo consiglio ;)

    @AmonPke
    Wey Amon! benvenuto ;)
    Comunque, se la metti in quei termini, allora sì, la loro idea è stata veramente geniale hahahah

    Magari con la Dock spendevano pure di più!

    RispondiElimina
  10. La Apple, purtroppo, ha ottenuto l'egemonia sul mercato solo basandosi sullo "stile". Dal mio punto di vista non ha mai creato nulla di talmente innovativo da poter sconvolgere le nostre menti o che funzioni così bene da non considerare prodotti "concorrenti". Basti pensare al macbook Air...per carità un ottimo aggeggino, ma oltre 1300€ per un netbook che non è fornito neanche di presa ethernet e che non ha avuto costi di produzione così elevati mi sembrano un pò eccessivi. Io con il mio eeepc da meno di 300€ con Ubuntu sotto ci faccio girare l'impossibile....e non ho problemi per un LAN PARTY :)
    P.S.: scusate il linguaggio un pò da ghetto

    RispondiElimina
  11. Se tutti voi che dichiarate di essere immuni al fascino di Apple, Android e telefonini vari smetteste di parlarne contribuireste progressivamente a spegnere quel fuoco che alimenta a gratis, perché a meno che non prendiata una mazzetta nessuno vi paga per fargli pubblicità, il folklore e la curiosità attorno a queste aziende e ai loro prodotti.
    Come vedi basta veramente poco impegno...

    RispondiElimina
  12. @Danielsan
    capisco, in parte, quello che vuoi dire. Ma il problema non si risolve smettendo di parlarne.

    È vero che ormai, nella comunicazione di massa, si è arrivati un punto per cui il contenuto viene a meno e dà spazio al luogo. Un chiaro esempio di questo lo dimostra il presidente del consiglio. Di cui, non importa quel che si dice, basta che se ne parli.

    Ora, io uso gnu/linux, tra i miei tanti interessi c'è l'informatica, internet, software libero e tecnologia in generale. È evidente che con la Apple prima o poi sbatto la faccia.

    Penso che questo accomuni gli stessi lettori che hanno commentato qui. Cioè, suggerire di non parlare di Apple, così come suggerire di non tenerla in considerazione, è come chiedere ad uno studente di Scienze della Comunicazione di non usare Facebook. È qui l'inghippo. Secondo me.

    RispondiElimina
  13. @Danielsan.
    Mi correggo, secondo paragrafo, volevo dire: "... dà spazio al mezzo".

    @Neoben:
    il tuo linguaggio è fuori luogo! su questo blog si accettano solo parolacce, quindi la prossima sparane una suvvia. :D

    A parte tutto, secondo me Apple, se si tratta di imporre un prodotto, lo fa. Come dice Idl3, riuscirebbe a vendere anche un'ipad come quello del video. Certo concordo sul fatto che il mac air non ha avuto un successone. Fortunatamente.

    RispondiElimina
  14. @Santiago

    Ci sono tanti blogger che lo fanno senza troppi patemi.

    Puoi usare la dialettica per nasconderti dietro a un alibi ma allo stesso tempo sei libero di fare quello che preferisci.

    Puoi meravigliarti di un fatto e contemporaneamente alimentarlo con delle opinioni, è la tua idiosincrasia non la mia.

    Tu vivi felice come io ho espresso il mio pensiero.

    E come diceva il buon Eraclito "panta rei"...

    RispondiElimina
  15. @Santiago
    Hai ragione. Cercherò di redimermi....e che cazzo!

    RispondiElimina
  16. Ragionando in astratto la tesi non fa una grinza, ma se la trasponi in questo mondo reale, figlio della rivoluzione industriale, nessuno riuscirebbe più a vendere nulla, non esisterebbe un mercato, le aziende, ammesso che potessero reggersi in piedi, proporrebbero un prodotto innovativo nel senso latino del termine dopo biblici tempi di ricerca.
    In fondo anche Newton fu innovativo per i suoi tempi, ma riconobbe di essersi appoggiato sulle spalle dei giganti.
    Un modo per dire che non si inventa niente, ma si evolve da...
    Quindi se è vero che tablet e schermi touch esistevano già, il merito di Apple è quello di aver scoperto una formula più accettabile, appetibile e quindi nuova rispetto a quel che già c'era.
    In fondo, come scrive anche uno stimato semiologo russo di cui mi sfugge il nome, l'arte è la capacità di reinventare sempre quel che ci circonda in modo creativo.
    Piuttosto, Apple, come molti altri soggetti che intendono reggersi in questo "porco mondo che c'ho sotto ai piedi", si serve (meglio/peggio? in malafede/buonafede?) degli strumenti di cui dispone.
    Nelle aziende esistono i budget, intesi come risorse limitate di denaro nell'arco di tempo.
    Il budget è un paletto che limita quel che puoi mettere o non mettere nel tuo prodotto per tenerlo sul mercato ad un prezzo ragionevole.
    Il prezzo ragionevole non è quello "giusto", ma quello che la gente è disposta a pagare per avere il prodotto/soddisfare, il bisogno.
    E per creare un bisogno e informare le persone che esisti per soddisfarlo devi essere visibile.
    Il marketing è un modo per farsi vedere, per spiccare nel gruppo, come farebbe un pavone fra le galline o due cervi che si scornano per accoppiarsi con una femmina.
    E per farti vedere devi essere creativo.
    In un mondo "prono", Cupertino, paradossalmente, non avrebbero nemmeno bisogno di promuovere il suo prodotto, esibire confronti, snocciolarne le caratteristiche che lo rendono migliore di o più economico, perchè la gente non avrebbe scelta comunque.
    No?
    Esiste una promozione perchè c'è un mercato ed una competizione.
    E qualcuno riesce a servirsi dei suoi strumenti meglio di altri.
    Il marketing di Motorola è forse buono?
    Lo Xoom è più "innovativo" di iPad solo perchè è Android Honeycomb?
    Samsung e HTC fanno una politica economica equa e solidale?
    Forse Google è buona solo perchè il suo motto è Don't be evil?
    E Microsoft è il male assoluto perchè Ballmer è una scimmia che salta su un palco o perchè così ha detto RMS?
    Amen :)

    RispondiElimina
  17. @Danielsan
    Io non mi faccio nessun patema però. La risposta che ti ho dato prima era forse un modo gentile per trasmettere l'idea che, a me, di come, cosa o quale sia l'argomento di moda nella blogosfera, non me ne frega unbeneamatocazzo. Così come non me ne frega se altri blogger evitano di parlare della Apple. :)

    Personalmente, quando scrivo, cerco di generare un buon contenuto, sia per me, sia per i lettori. E seguo blog che fanno altrettanto. Non vedo dove sia l'idiosincrasia.

    Vedi, il fatto che tu venga qui a dire che sarebbe meglio non parlare di Apple per non incrementare il flusso di parole spese per l'azienda, perché così facendo stiamo facendo pubblicità, mi fa pensare che tu non hai letto il contenuto del post. Se discerni i miei pareri personali da quella che è l'analizzi che c'è all'interno, allora non avresti detto che noi siamo immuni al fascino Apple Android e telefonini vari (mai scritto questo).

    Infine, io adopero, o cerco di adoperare, la dialettica per tirare fuori qualcosa, è questo lo scopo. Non vedo come la dialettica possa nascondere qualcosa, e se sì, non capisco cos'è che dovrei nascondere, visto che le mie posizioni sono chiare sin dall'inizio.

    Se rileggi il pezzo vedrai che la mia è una semplice analizzi, mischiata con pareri personali e qualche video a mo di parodia. E comunque sia mi trovi d'accordissimo sulla citazione di Epicuro e sul fatto che ognuno ha le sue opinioni. Anzi, ti ringrazio del commento. :)

    @kurtz77
    Dal mio punto di vista, la tesi di cui parli, ammesso che io abbia capito bene, è già trasposta nella pratica. Secondo me, la teoria di McLuhan ci sta a pennello. E le aziende riescono a vendere e fanno uso di questa teoria per vendere di più. Che poi, è quello che chiamiamo Marketing.

    Facciamo l'esempio con dei vestiti. Io comunico anche per il modo in cui sono vestito. Solo che oggigiorno non è più il modo in cui mi vesto a comunicare, bensì i vestiti che indosso, quelli diventano il messaggio. Apple rientra anche in quest'ottica, e vende proprio perché alcune persone (chiamate target) vogliono sentirsi dire, e vedere, certe cose. Sotto questo aspetto i prodotti di Apple sono riusciti.

    Anche se ho scritto che purtroppo [parere personale], oggigiorno innovare abbia un'altra accezione [fatto abbastanza obbiettivo], non significa che tutto ciò sia un male.

    PS: Che Steve Ballmer sia una scimmia che salta su un palco è qualcosa di corroborato :D, ma non è questo l'argomento che usa Stallman per dire che la MS è un male. Stallman si avvale di argomenti molto più logici dei miei, e restringe il "male" ad una sfera ben precisa.

    RispondiElimina
  18. @Santiago

    Permettimi di rassicurarti sul fatto che ho letto tutto il tuo articolo.
    Sono intervenuto perché ho apprezzato la sagacia del tuo scritto ma non ho potuto fare a meno di osservarti come all'interno dello stesso meccanismo che stavi analizzando.
    Dal mio personale, e limitato, punto di vista penso che sia un merito impegnarsi nel trattare argomenti in maniera discrezionale tanto più se è preso nei confronti di una azienda che, eticamente parlando, è all'antitesi di valori come le quattro libertà indicate da Stallman.
    Perciò è vero che sei libero di parlare di quello che ti pare ma saresti ancora più libero se di certe cose non ne parlassi affatto.
    Tutto qui. ;)

    p.s. perdonami la confusione tra i due filosofi.

    RispondiElimina
  19. @Santiago
    no è proprio Eraclito, Epicuro era l'edonista.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Panta_rei

    RispondiElimina
  20. Chiedo scuse ragazzi ho fatto confusione io. :/
    Ho scritto Epicuro convinto che stessi scrivendo Eraclito, aveva ragione Danielsan. Probabilmente ho avuto un lapsus post-rincoglionimento universitario.. di cui sono affetto tuttora -.-

    Comunque sia apprezzo tutti i commenti che siano mossi da un parere ragionato, al di là se condivido o no il contenuto. Quindi grazie :)

    RispondiElimina
  21. Bell'articolo, semplicemente corretto. Il filmato poi non lo conoscevo, ho rischiato di schiattare.

    RispondiElimina
  22. Wey TheAubergine :) grazie.
    se non conoscevi quel filmato allora ti lascio quest'altro, una bella parodia che questa volta ti farà morire :D Iphone parodia la nascita

    RispondiElimina
  23. Ben vengano analisi e critica ma almeno rispettate la lingua italiana: "soprattutto" si scrive con 4 "t".
    Saluti

    RispondiElimina
  24. Non ho mai letto qualcosa di così idiota. Fantastico! E non è neppure scritto in Italiano.
    Eccoti uno slogan:
    Write different

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.