giovedì 21 aprile 2011

E poi Stallman sarebbe un pazzo..

apple-cellulari-spia
Apre bocca ed è un estremista. "ormai è andato via di testa" o "vabbe è Stallman" sono i commenti che compaiono quando si parla di lui.

Perfino quando recentemente ha affermato che i cellulari compiono un sogno di staliniana memoria è stato tacciato da radicale. Eppure...

Eppure il tizio faceva soltanto notare che i cellulari sono "strumenti del Grande Fratello [...] un dispositivo di tracciamento che registra in ogni momento dove vado".

Oggi però, scopri che Apple rintraccia e salva tutte le posizioni del tuo iPhone o iPad, e ti ricordi, forse, che Stallman non è così pazzo come sembrava.

Ma tanto state tranquilli, tra poco uscirà sicuramente iPosition - in piena sintonia con la filosofia Apple -, un "app" che ti farà vedere dove sei stato in questi ultimi 4 anni, cos'hai mangiato e cos'hai cagato. E il panico finirà, Stallman tornerà ad essere un hippie radicale e i bambini compreranno gli iPad nei negozi di giocatoli.

17 commenti:

  1. Continuando il tuo pezzo.

    ... e i bambini compreranno gli Ipad nei negozi di giocattoli, qual'è la cosa ridicola di tutto questo... e che Iposition sara cosi fica ma cosi fica che dovrai pure pagarla, sarà per uso personale, non potrai installarla sù nessun altro dispositivo, e TU non potrai usarla per sapere dov'erano gli altri, perchè quella e violazione della privacy, mentre Apple tutela i tuoi dati, che saranno al sicuro in un immenso capannone dotato di aria condizionata,pieno di serverucci tutti interconnessi.

    RispondiElimina
  2. @Burt

    È la bellezza del software closed!! vogliamo poi parlare di quanto è fico perdere la garanzia se si cerca di cambiare firmware al dispositivo?

    Non so voi ma a me questa storia mi fa venire in mente il film "Io Robot"

    PS: bella l'idea di continuare il pezzo :)

    RispondiElimina
  3. Oltre alla Apple, anche gli sviluppatori di apps possono includere la trasmissione della posizione gps. Un noto caso è il famoso angry birds, che tra l'altro trasmette la posizione pure su Android.

    Ah, ma lo sapevate che il nuovo iPad avrà ADDIRITTURA una porta usb? già nel 2011?
    La apple è troppo avanti, finitela di lamentarvi stupidi fanboys linux... :)

    RispondiElimina
  4. stallman può sembrare pazzo ma ha fottutamente ragione! Solo quando si userà software libero e si adotterà la sua filosofia in tutte le ditte allora potremmo usare i socialcosi e i cellofoni con tranquillità.

    Certo anche li uso e quindi non mi metto a criticare chi li usa ma se questi interventi di stallman fanno riflettere anche un paio di persone e queste persone approfondiscono e si documentano sulla filosofia del software libero io sono contento :D

    RispondiElimina
  5. La geolocalizzazione e' un tema che andrebbe approfondito, non riguarda solo la privacy ma potenzialmente anche la sicurezza personale.
    In certi casi e' sufficiente controllare la timeline su Twitter di un utente per capire dove e' stato negli ultimi tempi. Ma almeno su Twitter sei tu che scegli di dire dove ti trovi, a quanto ho capito Apple lo faceva in automatico all'insaputa dell'utente. Poi bisognera' anche capire come vengono usate tutte queste informazioni (o come verranno usate).

    RispondiElimina
  6. @Idl3

    Il problema non è capire come vengono usate queste informazioni, il problema più grande è che si è taciuto fino ad ora nella speranza di non essere mai sgamati. Io ho paura che alla fine il tracciamento venga spacciato come cosa buona e giusta, uno strumento in più per le mamme per poter controllare dove sono i loro figli.

    Per quanto riguarda Stallman io ero uno di quelli scettici, lo vedevo come un filosofo sulla collina pronto ad inveire contro chiunque ma dopo averlo incontrato e approfondito la sua storia non posso che essere d'accordo con lui su ogni sua levata di scudi.

    RispondiElimina
  7. @Idl3
    "a quanto ho capito Apple lo faceva in automatico all'insaputa dell'utente."

    Esatto, anch'io ho capito lo stesso e penso sia veramente da grande fratello.

    Io credo che finché non ci saranno reti telefoniche libere come quelle al burning man. Saremmo sempre rintracciati. Bisogna un po' rassegnarsi, non del tutto.

    Per il resto quoto in tutto e per tutto Marco. Quando dicevo dei iPosition intendevo proprio che tra un po' inizieranno a dire che è cosa buona e giusta. Balle.

    Un po' come le stronzate che spara Zuckerberg quando parla di privacy. O peggio ancora, quando un dirigente di Google ha voluto passare il concetto del "se non fai niente di sbagliato da non devi preoccuparti". Come se in Cina, con la censura che hanno non ci fosse il bisogno di usare TOR.

    RispondiElimina
  8. mi domando se tutta questa tecnologia non ci renda più schiavi delle religioni in passato o almeno è quello che penso che tu creda vista la fresa "Non bestemiare, fa come Coniglio: miscredi"

    magari fa parte dell'evoluzione, ci staremo trasformando in una sorta di colonia di formiche! quelle funzionano da centinaia di milioni di anni!

    tanto comunque tutti noi staremo minimo minimo in 7/8db di altrettanti enti! me preoccupa di pià la banca che sa dove sto grazie al bancomat che una società americana, all'apple non je interessa niente de dove sto, unicredit magari ha qualche motivo in più!

    RispondiElimina
  9. Stallman non è pazzo è soltanto "alternativo":).
    E vivere tutta la vita da alternativo, con ferrea coerenza e "indefessa abnegazione" per la causa non dev'essere affatto facile.
    Quando Stallman dice che non usa il cellulare o nessun software proprietario c'è da credergli.
    Non so' quanti di noi, me compreso, possano vantare altrettanta integrità morale...
    Solo che ogni tanto mi chiedo che cosa ci faccia davvero col suo portatile (anch'esso open) all'infuori di Emacs.
    Probabilmente, ha raggiunto il suo "nirvana informatico".:)

    RispondiElimina
  10. Non sono d'accordo con l'ultimo concetto, il mondo è già piccolo...
    Se posti qualcosa di trasversale su Facebook o youtube ti censurano con una telefonata della polizia-postale.
    Se scrivi una app che non piace a qualcuno dalle nostre parti non ti censura la apple?
    Se scrivi per wikileaks o hai un server personale ti trovano dopo 5 minuti, almeno che il tuo server non è sulla luna, hai poche possibilità.
    Se poi mi dici che non lo fanno sempre è solo perchè alcune verità le fanno passare per verosimili, e le falsità le cavalcano per screditare la rete

    RispondiElimina
  11. Finalmente c'è qualcuno che capisce che RMS ragiona adesso come ragionava 20 anni fa, quindi in maniera abbastanza arguta direi, viste le conseguenze e visto che raramente viene smentito.

    Io vorrei proporre a tutti quelli che:
    1-hanno a cuore il software libero
    2-lo usano gratuitamente
    3-e non sono dei quaquaraquà
    di iscriversi alla Free Software Foundation.
    L'iscrizione student costa 60$ l'anno (<45€) e quei soldi danno corda a Stallman contro la banda dei politically correct (o corrupt?) a cui fondamentalmente manca ogni ideologia.

    Io a settembre entro nel mio quarto anno di coscienza a posto.

    RispondiElimina
  12. Ti ho risposto sul blog di mantellini, e siccome chiedevi un po' di senso critico ora credo che farai un post anche sul fatto che si è scoperto che anche Android tiene traccia della posizione. Attendiamo il post.
    http://thenextweb.com/google/2011/04/21/its-not-just-the-iphone-android-stores-your-location-data-too/

    RispondiElimina
  13. sempre da mantellini, ho precisato meglio.

    RispondiElimina
  14. Jakkar,
    "mi domando se tutta questa tecnologia non ci renda più schiavi delle religioni in passato o almeno è quello che penso che tu creda vista la fresa "Non bestemiare, fa come Coniglio: miscredi".. "

    :) la storia dietro quella frase la trovi su questo blog, riguardava una discussione sulle bestemmie, ma comunque sia hai azzeccato una cosa che penso veramente. Io credo che in certe persone la funzione che aveva la religione sia stata rimpiazzata dalla tecnologia, anzi, più che dalla tecnologia, dal Dio Consumismo.

    Sì probabilmente fa parte della natura umana, come dici. Non basta con dire che l'uomo sia un'animale, bisognerebbe anche aggiungere che è un'animale gregario.


    Quando dicevo che potremmo anche rassegnarci lo dicevo perché non solo Apple o iPhone rintracciano, ma anche le banche e tutto il sistema ti rintraccia se ne hanno il bisogno. Come fa notare Kurtz77, chi di noi non usa un cellulare come Stallman? Io lo uso, potrei farne a meno ma avrei parecchie beghe personali che ridurrebbero la mia scarsa, ma pur sempre, qualità di vita. :D

    Quello che però bisogna distinguere, è che Stallman non di dice cosa fare, ma dice quello che pensa, su basi fondate e ragionate, e poche volte sbaglia. Io l'ho visto dal vivo e in nessun momento ha detto: "dovete" o "siete obbligati". Se mai lui fa notare come quando non usi software libero possano succedere queste cose.

    Ecco l'unica cura a questa rassegnazione sarebbe considerare la remota possibilità che un giorno ci siano reti telefoniche libere e software libero per gestirle. Avremo un minimo di sicurezza in più.

    Roger, anche MrMars me l'ha fatto notare nel commento numero 3, so già che capita su Android, ma come vedi la citazione di Stallman riguarda i cellulari in generale. Inoltre Android non è software libero, quindi non mi meraviglia che capiti anche lì. E in più, anche se fosse software libero - e quindi non ci fosse niente di nascosto - resterà il problema delle reti telefoniche private.

    Andrea R, e per chi non ha soldi come me? =P Per quanto mi riguarda però, per adesso mi sento a posto, sia per post come questi (ti segnalo quest'altro articolo) sia dopo che l'anno scorso, con il LUG dove scrivevo prima, abbiamo vinto l'asta del piccolo GNU che lui mette in palio ad ogni talk =P .. ed è costato ben di più del prezzo dell'iscrizione.. :/

    silvio1964, se ti riferisci al concetto che ho espresso nel mio ultimo commento, io facevo sopratutto referenza alle dichiarazioni dei manager di Google quando cercavano di "giustificare" la censura. Non metto in discussione che internet non sia libero, anzi io credo che sia parecchio controllato anche al giorno d'oggi (vedi Miti da sfatare: Internet è libero?) Quello che dico è di non far passare l'idea che avere una "indentità virtuale" pari ad una carta d'identità sia una buona cosa. Ecco io preferisco l'anonimato in rete, se non altro per difendere la libertà di oppinione.

    RispondiElimina
  15. @Santiago
    In teoria un utente gnu/linux sta già risparmiando dei soldi e sfruttando banda e risorse gratuitamente.
    Bisogna realizzarlo, mettersi una mano sul cuore e una sul portafogli.
    Io pure ne ho pochi di soldi, ma 4 euro al mese li sto riuscendo a cacciare fuori e quando stallman fa il "fanatico" ho la soddisfazione di sapere che lo sto finanziando per quello

    RispondiElimina
  16. ...e poi sarebbe meglio usare le distro free al 100% come quelle indicate dal sito FSF, per non vanificare con l'inclusione di belle porzioni di SW non libero, il duro lavoro degli sviluppatori GNU.

    Io che sto usando con immensa soddisfazione la sconosciuta Trisquel 4.5 GNU/Linux (kernel Linux libre), che, nonostante non supporti nemmeno la lingua italiana, siccome quasi tutti i pacchetti provengono da Ubuntu, è molto più localizzata in italiano (vedi i "man" ed "--help" da Terminale) del costosissimo e chiusissimo Mac OS X...
    Che dire ?? Miracoli e meraviglie del Free Software.....

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.