domenica 22 maggio 2011

Ci sei? Ce la fai? Sei connesso?

Innanzitutto, ho scritto una premessa, ma poi l'ho spostata alla fine, quindi la trovate in fondo :) Buona lettura!

- Hai visto di Wired? che ne pensi? -
- No, cosa? -
- Hanno fatto un post su Ubuntu, il creatore di Sabayon si è scagliato contro -

(Qualche minuto dopo averlo letto)

- Letto. Secondo me, esistono motivi validi per criticare Ubuntu/Canonical. Non questi però. È vero che "Uno che si ferma a Ubuntu non è che impari molto di più" ma da lì a parlare dell'utente evoluto, dell'utente come "razza intelligente", mi sembra un tantino deterministico. Tant'è che poi finisce per criticare gli utenti e non il sistema, dicendo che sono dei lobotomizzati. Grosso errore. Beh, che altro dire... d'altronde da Wired non aspettavo altro -

- Perché? Cos'ha Wired che non va? -
- Mi chiederei cos'è Wired piuttosto. Secondo me è una rivista insipida, di cosa parla? Internet, Design, Informatica per svago, ne consegue una kermesse di informazioni, in fondo, inutili... ah già, sono gli stessi che hanno fatto la proposta insulsa di dare a Internet il premio nobel per la pace, ma per favore. Guarda, riassumerei il mio pensiero al riguardo in questo modo: Wired sta alla tecnologia come Rolling Stone sta alla musica -

Un po' di buon senso

Non mi interessa cosa pensino veramente i ragazzi di Wired, quindi non posso dire che abbiano pubblicato l'articolo apposta o per sbaglio. Ma posso affermare che, dopo leggere quel post, l'impressione rimasta in mente è la seguente: "chi critica Ubuntu no è altro che una persona rancorosa, disgustata dal fatto che gente ignorante di informatica usi gnu/linux." E non è - o non dovrebbe - essere così.

Vorrei chiarire una cosa: Non penso che Erculani sia un rancoroso, anzi io credo che sia una persona fin troppo ottimista per i miei gusti, dato che:

1- Non condivido il suo pensiero riguardante la natura del genere umano, quando dice:
"Io resto dell’idea che non siamo delle scimmie e il nostro desiderio più intimo è imparare."
Sticazzi, siamo delle scimmie, gregari, impulsivi e recidivi. La razionalità non è qualcosa di intimo, è qualcosa che si coltiva. Ecco, io sono un po' meno ottimista.

2 - Canonical non si occupa di diffondere "gnu/linux". Ma leggendo quell'articolo l'idea che passa è che Canonical voglia promuovere linux. In realtà la Casa del Parroco vuole "Ubuntu per tutti" e il gnu ce lo siamo scordati alla prima riga.

Ricordatevi sempre, miei nerd cari, che GNU sta per "Gnu is not Ubuntu" :D
Alla prossima. :)

---------------------
PS: questo che sto per scrivere era una premessa, ma è venuta talmente lunga che l'ho resa un PS conclusivo, e poi l'ho accorciata. Sì, sono malato. Scrivo tutto di getto.
Allora innanzitutto grazie a tutti voi questo blog è arrivato al numero 5 della classifica linux di wikio, anche senza meritarselo. Ora dato che in questo mese non ho pubblicato molto calerò, ma voi non lo permetterete perché linkerete questo post tantissimo! ahhahah. Sono serio. -.- 
E ora la nota dolente: scusate se non posto spesso, ma le circostanze in cui mi trovo mi tolgono il tempo e ultimamente, di conseguenza, l'ispirazione. :( Non toglietemi dai feed però, perché come disse terminator: Tornerò, e sarà fichissimo.

23 commenti:

  1. commento giusto per farti una visita in più XD

    cmq a me il creatore di sabayon dava proprio l'impressione di un rancoroso, dall'intervista sembrava quasi volesse prendere mark a pugni solo perchè ubuntu esista e non perché si crede Dio XD

    che poi la maggior parte degli ubuntiani siano dei lobotomizzati stile i melafan è vero, ma da qui a dirlo come lo ha fatto lui mi sembra la maniera più rapida per passare dalla parte del torto (dominio incontrastato del nostro amico occhialuto XD)

    RispondiElimina
  2. "(dominio incontrastato del nostro amico occhialuto XD) "
    ahhahahaha intendi quello che bazzica sulla socialbox di pollycoke di nick: Andrea900, vero? ahhahah

    RispondiElimina
  3. Ubuntu IMHO ho comuque una sua funzione e ostacolarlo non può portare frutti.
    Per adesso anche Ubuntu è una distro Linux e come tale se la sua diffusione aumentasse in modo lineare anche molta gente a cui Ubuntu arriva a star stretta dopo un pò migrerebbe verso distro più pure, più avanzate ecc ecc.

    A mio modo di vedere le cose finchè Ubuntu resta una Linux (seppure con dei propri canoni) la sua avanzata la vedo solo come un vantaggio generale per tutto il mondo GNU/Linux. Al momento resta la porta d'ingresso a Linux per molte persone che in seguito si spostano verso altri lidi e non tornano ad Ubuntu. Non conviene chiudere la porta.

    RispondiElimina
  4. Eh no però gli stones non toccarmeli eh!

    RispondiElimina
  5. @Alessandro

    RollingStone la rivista!
    CAPRA!

    RispondiElimina
  6. @Diego
    Ritengo che l'importante non sia essere Linux. Anzi, Linux è persino non necessario siccome esiste già una valida alternativa (*BSD, ...) e alternative ancora in sviluppo (HURD, ...).

    L'importante è essere Free-Software. Questo sì che è rock!

    RispondiElimina
  7. Ma quasi quasi, mi ha fatto venir voglia di provare sta sabayon xD (ho già sacrificato una partizione con su Ubuntu per provare (e non me ne pento) arch :D)

    PS: "Gnu is not Ubuntu" è ormai un must xD

    PSS: gli vuoi dire a Phoenix Fire di finirla con i commenti che voglio superarlo, altrimenti mi metto a spammare! xD

    RispondiElimina
  8. picchio ho letto della tua iniziazione alla sacra arte di robin hood XD
    PS di sabayon su L4N esiste un ottima guida XD

    PSS non mi supererai mai XD

    RispondiElimina
  9. Erculani ha perfettamente ragione: mia madre deve perfettamente sapere che se deve installare firefox deve non può dare il doppio click su una icona, ma deve digitare sudo apt-get install firefox ,così alla bellezza di 59 anni non è più utente scimmia e può finalmente aprire gli occhi.

    Poi che la filosofia di un OS open vada in secondo piano mi sta bene, meglio insistere che per chiudere una finestra è meglio avere un personal trainer che ti spieghi come funziona in realtà.

    Vacca_Boia

    RispondiElimina
  10. Premesso che Erculiani mi sta un pò antipatico perché prima aveva detto di si all'intervista per il mio blog poi è sparito
    Premesso che uso Ubuntu
    Premesso che prevedo il sorpasso di Santiago questo mese

    Quoto un pò di pensieri sparsi. Giustamente alla casalinga di Poggibonsi o al pensionato di Stornarella non serve avere a video mille mila informazioni ogni volta e giocare con mille settaggi. A loro serve qualcosa di semplice nell'uso quotidiano. Ho convertito un sacco di lobotomizzati informatici come li chiama lui al mondo dell'open source e del free software facendoli partire da Ubuntu e alcuni di questi con il tempo sono emigrati in altri lidi in maniera autonoma.
    Il bello del mondo GNU/Linux sta anche nel poter scegliere la distro, da quella per i lobotimizzati a quella per i nerd incalliti.

    E poi c'era un detto carinissimo, il maestro apre la porta, varcarla è compito dell'allievo.

    RispondiElimina
  11. We! grazie a tutti per i commenti :)

    Premetto anch'io una cosa: non volevo assolutamente attaccare i Rolling Stones, infatti mi riferivo alla rivista RollingStone, senza "s" alla fine. Ecco che sia chiaro! :D

    Capisco la prospettiva di Diego (commento 3) e la rispetto. Io però metto in dubbio che Canonical voglia - o anzi stia - promuovendo la filosofia Gnu. MA, da lì a dire che gli utenti di una distro sono dei lobotomizzati ce ne vuole. Quindi direi che siamo d'accordo, perché insomma, sono due piani diversi, era quello che volevo sottolineare col post (a parte il mio schifo per il giornale Wired). Diciamocelo Erculani l'ha fatta fuori dal vaso.

    RispondiElimina
  12. Le critiche di Erculiani sono fondate, e hanno fatto venire voglia anche a me di provare Sabayon. Comunque se uno vuole andare nei dettagli con Ubuntu, non è che manchi la documentazione, eh.

    RispondiElimina
  13. Ubuntu sta cercando di semplificare la vita all'utente... ma la stabilita' del s.o. lascia a desiderare nelle LTS (non parliamo neanche delle semestrali). Senza stabilita' la facilita' d'uso serve a poco.

    RispondiElimina
  14. Per me l importante e che la gente abbandoni il lato oscuro(Winzoz) per passare a quello dei free software,anch'io ho iniziato con ubuntu adesso uso mint, se avessi più computer proverei più sistemi, perché mi piacerebbe provarli un po tutti.

    RispondiElimina
  15. Lobotomizzato un par di palle...Linux mi apre la mente...Ubuntu un pò meno

    RispondiElimina
  16. @Santiago

    Santiago, so benissimo... anzi... sospetto anch'io che con l'andare del tempo se Ubuntu avrà successo si staccherà sempre più dalla sua parte "bufalina" ma credo che per noi utenti linux sia comunque un vantaggio avere un OS di punta e che fa "audience" (qualunque filosofia segua) che sia a tutti gli effetti un Linux perchè, nel bene o nel male, quanti utenti Gentoo o Arch sono nati su Ubuntu?
    E non mi dire che un Arciere non ha cognizione di cosa sia linux...

    A Ripeto W Ubuntu finche continua a essere Linux4dummies.

    Senza Ubuntu ci sarebbe stato questo?
    http://www.w3schools.com/browsers/browsers_os.asp

    Erculiani è stato molto sanguigno in quell'intervista da profondo conoscitore linux si è espresso come un professore universitario contrario alla possibilità di non continuare gli studi dopo i 16 anni. è evidente non sia possibile perchè se fossimo tutti professori universitari non ci sarebbero muratori e panettieri e schiatteremmo di fame e freddo.
    Per quello che concerne il computer c'è tanta gente a cui non frega di cme funziona il computer ma interessa che funzioni per farci cose, per lavoarrci e ubuntu da una buona alternativa a chi deve fare solo lavoro di segreteria, non sarà tanto ma si staccano dalla zizza premurosa e velenosa di mamma Microsoft

    RispondiElimina
  17. PS... riporto un articolo illuminante del caro Bl@ster
    http://dottorblaster.it/2011/05/fabio-ti-parlo-con-la-cpu-in-mano/

    RispondiElimina
  18. A leggere 'sto post, guardandomi, ho rivisto mia madre mentre cerca di mandare una mail.
    Sono un mentecatto.

    RispondiElimina
  19. @Diego, come ti ho scritto, ho capito la tua posizione, però ad esempio, cosa dire dello scarso contributo di ritorno che Ubuntu dà a Debian? delle diatribe con GNOME che in fondo non fanno altro che danneggiare la comunità open? E via discorrendo...

    Come vedi Canonical ha molti spunti su cui può venire criticata. Anche Android è "linux" ma non c'è niente di "gnu", e come vedi non è che ci sia una comunità attorno o insomma, decide Google.

    Tu dici: chi prova Ubuntu conosce Gnu/linux, si, ok, ma fino a quando sarà così? considerando tutto quello che stanno facendo, mi sembra che Canonical vada nella posizione inversa. Io ad esempio ho conosciuto e conosco persone che usano ubuntu ma non sanno cos'è Debian... e non dico per questo che siano lobotomizzati, hanno tutto il diritto di non dover provare ogni distro linux che capita, ma la colpa che non sappiano cos'è Debian gliela do a Canonica, che dovrebbe mettere un cazzo di cartello con la scritta: "sappi che questo sistema è 93% Debian"

    RispondiElimina
  20. @Diego

    davvero un bel post quello :D (Ti parlo con la CPU in mano xD)

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.