venerdì 24 giugno 2011

Maturando una fava

esame-di-maturità-ridicolo
Ricordo ancora, quella giornata di 3/4 anni fa, in cui mi sono alzato, non ho fatto colazione (perché di prima mattina ho lo stomaco chiuso) e mi sono avviato per fare il secondo esame di maturità, la seconda prova: matematica.

Ricordo pure che non essendo un asso - in realtà sì, me la cavavo bene, ma ho odiato matematica in quinta - mi ero preparato dei bigliettini stupendi: quadretti di foglio in bianco. Sì, in bianco, perché così potevo passarli d'avanti o dietro ai miei compagni e mi tornavano riempiti di gioia, disegni e risposte ai quesiti.

Esame di matematica

Mi trovo davanti un foglio che chiede di trovare le ascisse, le coordinate, le paratattiche e qualche eufemismo in due formule banalissime, ma proprio banali, erano qualcosa tipo: x2 = y - 1 e un'altra funzione facile. (esercizio che comprende metà dell'esame)

Ed eccomi lì, a dover ripetere il fatidico procedimento dell'analisi di funzione per trovare quali erano le aspetta! ma l'equazione è una cagata! e cosa ha sempre detto la prof? "dovete trovare il modo più facile e semplice di risolvere gli esercizi, ragazzi attenetevi al quesito ed alla premessa dell'esercizio." In altre parole KISS!

Andando a rileggere la premessa non veniva specificata alcuna procedura da utilizzare, insomma, per quanto ne sapevo io potevo anche sostituire i numeri come si faceva alle medie, affanculo l'analisi di funzione! sai che figata lo risolvo in 5 minuti e se va bene i punti del grafico mi vengono tondi, così ti disegno il grafico con un dito mentre con l'altro mi gratto le parti del mio corpo che con questo caldo, d'estate, sono molto sudate. Potevo. L'ho fatto.

Dialogo vero, al posto di Coniglio c'era il mio cognome:

- Prof! un'attimo.. va bene così? - 
- A che punto sei Coniglio?.. - 
- ah sono qui che ho già trovato i punti e sto facendo il grafico.. -
- ma hai fatto veloce.. come hai risolto con... .. . - scruta quel che avevo combinato e con sguardo severo e voce chiara, scandendo le parole pur senza nascondere un tono indispettito e, diciamolo, da prof stronza mi dice - Coniglio, credo che non sia necessario ricordarti che sei in quinta superiore, e ciò comporta che tu debba fare l'analisi di funzione. -
- eh, no prof, guardi lei ci ha sempre detto di attenerci alle premesse e qui non c'è mica scritt..- 
- Senti, non prendermi per i fondelli, ti conviene non scherzare, qui siamo all'esame sii serio, fai quell'analisi di funzione. -
- ma prof io sto facendo quel che lei ci ha sempre detto di fare, guardi la premessa.-
- È impossibile che tu riesca a risolvere tutto senz.. - 
- mah, la funzione è facile, ci sono riuscito come alle medie, sostituendo i numeri -
- ... -

Non ricordo come prosegue, lei se ne va incazzata come a dire "non finirà così", mentre io ho risolto tutto il problema a mio modo, e poi, visto che avevo molto tempo a disposizione, ho scritto:

In matematica, così come in quasi tutti i metodi scientifici, è sempre meglio trovare il modo più conveniente, e con meno complicazioni, per risolvere un problema. Ed è compito del matematico o scienziato individuare il metodo di risoluzione adatto, ogniqualvolta questo si trovasse in una situazione di scelta, per risolvere le sfide in modo semplice, lineare e più veloce possibile. Date queste premesse, e tenendo in considerazione il quesito che mi è stato posto nel esercizio numero 1, ho scelto di non fare l'analisi di funzione. Era inutile, visto che l'equazione e i punti richiesti potevano essere trovati e risolti con un metodo molto più facile.

Morale della storia

La maturità, è la più penosa, retrogradante ed inutile messa in scena che rispecchia il sistema di educazione italiano, ancora rimasto ad un metodo antico e disumano, talmente disumano da costringere ad una persona restare 6 ore incollato ad una sedia, facendolo patire cariche di stress, lungo tutto l'anno scolastico, che - se ce la fa - cercherà di mitigare con un po' di sana adrenalina, ma sotto sotto resterà sempre condizionato.

Bisogna rendersi conto, di una buona volta per tutte, quanto sia ridicolo ed assurdo pretendere che una persona dimostri 5 anni di studio in un singolo esame.

La maturità, l'esame di stato, non è altro che una gara di nozionismo.

maturita-esame-stato-liceo

Circa 20 giorni dopo

all'orale, davanti alla prof di matematica.

- Allora Coniglio... abbiamo discusso in commissione per via del tuo esame di matematica.. -
- ah.. -
- sai, non hai fatto l'analisi di funzione.. - 
- sì, lo so infatti ho giustificato la scelta lì nel... -
- sì, e ne abbiamo discusso... diciamo che avevi ragione, non veniva specificata alcun metodo di risoluzione... -
(ci sei rimasta di merda, vero?) 
- aha.. -
- e quindi, abbiamo ritenuto l'esercizio valido.. -
(vi-ho-fottuto! vi ho tremendamente fottuto voi e il vostro cazzo di terrorismo psicologico, sull'esame e sulla quinta, voi e il vostro sistema di stracazzo scolastico, fatto di insegnanti del CL che saltano il capitolo di Galileo e mettono dei + a chi va a messa, voi, e il vostro tremendo cagare il cazzo tutto l'anno, Fan-cu-lo)
- ah.. bene - 
- però, potevi farlo, visto che sei in quinta. - 
- so farlo, mi ha visto farlo lungo tutto l'anno, ci voleva troppo tempo e non avevo voglia -
- l'esame va preso con più serietà - (questa frase l'ha ripetuta l'intero anno)
- serietà non è sinonimo di intelligenza - 

Il vero discorso di ferma al "sei in quinta" dopodiché ho annuito e abbiamo passato ad altro, ma mi sarebbe piaciuto vedere come poteva andare a finire.

18 commenti:

  1. Ciao, mi complimento per il tuo "esame" e sono dispiaciuto per la prof che invece di esaltare il tuo ragionamento e quindi la tua maturità, sia rimasta ferma al metodo usato piuttosto che al risultato.
    Onore a te quindi che hai "sfidato" l'autorità costituita.

    RispondiElimina
  2. @Gianluigi Caputo

    Adesso, non la vedo molto così. Continuo a pensare che ho fatto solo una azione da cazzone e mi è andata bene. Ma comunque grazie :D

    RispondiElimina
  3. nuuuoooo ma sai un fottuto genio! Potevi anche instradarli verso l'uso del software libero e di arch!

    RispondiElimina
  4. Sei un maledetto genio! Toglimi una curiosità: il liceo in questione è per caso a bologna?

    RispondiElimina
  5. Alle superiori avevo anche io un'insegnante di matematica come la tua e, per me, era un dramma perché a me piaceva risolvere gli esercizi in 3000 modi diversi.

    Ma questo succedeva durante l'anno in cui le contestazioni dei miei metodi erano all'ordine del giorno.

    Credo che tu, formalmente, abbia avuto ragione, perché la risoluzione del tuo esercizio richiedeva solo implicitamente uno studio di funzione. Diverso sarebbe stato se (come capita spesso) la soluzione richiesta prevedesse esplicitamente l'uso di specifici strumenti. A questo punto, che fosse un'equazione di 2° grado o una funzione trascendente, saresti stato obbligato ad eseguire uno studio di funzione con tutto il suo carico di ricerca del campo di esistenza, punti di massimo e minimo, derivate prime e seconde ecc.

    Comprendo la frustrazione della prof ma non eri da biasimare solo che entrambi ne avevate fatto una questione di principio e vi siete scontrati come mufloni imbizzarriti.

    È normale che, potendo contare su un maggior distacco, tu ora riveda il tuo atteggiamento ma le tue posizioni sull'esame di maturità (che peggiora con progressione geometrica di anno in anno, tanto per rimanere in tema) sono assolutamente condivisibili.

    RispondiElimina
  6. io non concordo, l'esame di maturità non è fatto male, è reso schifoso da gente di merda (come un certo coniglio XD) che al posto di valutare una persona pensano solo a umiliarla e a mettersi in mostra; la prova in se però serve, uno studente ogni tanto deve soffrire per capire che senza impegno non si va avanti,

    RispondiElimina
  7. dimenticavo, foto stupenda, quel metodo ha il doppio effetto di trovare risposte giuste dal foglietto e dal prof di passaggio


    ps superato picchio, che barando e spammando, mi aveva raggiunto. Coniglio devi provvedere

    RispondiElimina
  8. Hai sconfitto il sistema impersonando l'essenza del mio amato principio edonistico (rif economia), minimo sforzo, massimo risultato :D

    RispondiElimina
  9. @Phoenix Fire
    Dipende da cosa s'intende per "soffrire" :)
    Preferirei che lo studente soffrisse (leggasi: si impegnasse) tutto l'anno in maniera costante, piuttosto che non facesse mai nulla per impegnarsi solo quei 3-4 giorni.

    RispondiElimina
  10. Io ero un cesso in matematica, e non avrei mai potuto passare l'esame di fine anno. Ricordo ancora la gioia di srotolare una molletta legata con la lenza dalla finestra del bagno, con cui ho poi issato il compito fatto da amici e fratelli all'esterno. Che culo, non sarei mai riuscito a superarlo senza.
    Tutta la mia stima, invece, per il tuo comportamento, e soprattutto per la vignetta di Batman, che cominciava a mancarmi. :)

    RispondiElimina
  11. @Phoenix Fire

    Effettivamente non hai tutti i torti molto spesso c'è gente al liceo che non fa altro che oziare per 5 anni di fila e un po di strizza all'esame finale se lo merita. Poi io ho sempre visto la maturità come una provata tecnica generale per gli esami universitari.

    RispondiElimina
  12. Innanzitutto, grazie a tutti dei commenti :)

    @Tomma
    no, il liceo scientifico a cui sono andato si trova nei pressi di Rimini, è pieno di professori del CL che insegnano scienze e su di Galileo dicono "non è che abbia dimostrato un gran che, la sua vita è stata avvolta da una grossa polemica, quindi possiamo passare ad un altro capitolo" e non scherzo l'ha detto veramente. :/

    @Aytin
    Ma quindi dici che mano a mano che passano gli anni odierò sempre di più l'esame di maturità? XD forte.
    Comunque anche a me succedeva durante l'anno, con molti professori, che contestano il metodo perché vogliono appunto soltanto "nozionismo". In matematica però me lo meritavo, perché verso metà anno ho smesso di fare gli esercizi e i compiti, sono stato ammesso all'esame con 4 per principio XD ma con la prof ci stavamo simpatici è solo che all'ora di parlare della materia non ci sopportavamo.

    @Phoenix Fire

    "la prova in se però serve, uno studente ogni tanto deve soffrire per capire che senza impegno non si va avanti..."

    vedi, è per questo che ho messo la vignetta di Batman =P

    @lelaman
    quindi tu ti sei fatto fare tutto l'esame?? hahaha altroché bigliettini in bianco!

    RispondiElimina
  13. Grande!
    Invece l'esame di italiano com'è andato?
    Maluccio eh? ;-)

    RispondiElimina
  14. @Anonimo
    ah quello è andato di merda! credo che ho presso 10/15 ma la prof ha avuto pietà, ho la scusa di non essere madrelingua italiano, a volte regge :D

    RispondiElimina
  15. ecco vedi: *preso

    però questo potrei attribuirlo alla tastiera del netbook eh. =P

    RispondiElimina
  16. "però questo potrei attribuirlo alla tastiera del netbook eh"
    mmm sarà colpa di unity? :P

    RispondiElimina
  17. Citando un famoso film oso dirti: "Sei un fottuto Genio!!!"

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.