lunedì 15 agosto 2011

Ground Control to Major Mark

canonical-isola-isle-man
Fatemi capire. Io sono ricco sfondo, ho tanti soldi che potrei viaggiare nello spazio, così per sfizio. Insomma un bel giorno mi dico: "cazzo però, voglio fare del bene al mondo. Voglio portare luce, armonia e benefattorismo alla gente... farò una distro linux!!"

Sì, dai il ragionamento fila liscio (?). Soltanto che per fare tutto ciò istituisco una società in alcune isole che il governo inglese se le caga di striscio, così non pago le tasse. Se non mi lasciavano stabilire la mia società nelle isole - Man, si chiamano -, me ne andavo a sud dritto a San Marino, che dicono sia un bel posto dove si pagano poche tasse.

C'è qualcosa che non mi quadra: quando inizio a fare i soldi con la mia società - tramite il modello business di RedHat che, a differenza di me, paga le tasse -, dove li metto tutti i discorsi del "bene, armonia e benefattorismo" che volevo portare coi computer? 

Perché finché regalavo i CD e sopportavo in pieno il software libero ci poteva stare, in una no-tax zone, la mia società intendo. Ma ora anziché regalarli, i CD te li vendo sul Music Store e accorpo tutto tramite UbuntuOne, un sistema cloud e chiuso.

Ma non ancora soddisfatto, adesso ti chiedo pure di darmi il copyright del tuo progetto, perché in fondo la cosa è stata sempre parte dei miei piani (Canonical's contributor agreement). Forse la mia immagine potrebbe scemare. Magari potrei regalare un po' di Vuvuzelas ai sudafricani, no?

No, Marco?


------------
PS: questo post è dedicato all'anonimo troll che l'altra volta ci riempì di commenti pieni di insulti e bestemmie pensando di essere "libero" di dire quel che voleva perché aveva letto una frase erroneamente attribuita a Voltaire. No, io col cazzo che darei la vita perché tu possa dire quello che vuoi. E ci tengo a sottolinearlo solo perché so bene che mi stai leggendo, caro. :)

9 commenti:

  1. mmm... io quell'uomo non sono ancora riuscito ad inquadrarlo. Sarei capace di accettare i sotterfugi di cui parli purchè dietro ci siano buone intenzioni. Insomma, tutte le società hanno bisogno di soldi, anche quelle "umanitarie".

    Il problema è che ogni tanto mi viene da pensare che Ubuntu e il software opensource rappresentino una sorta di copertura e che le vere intenzioni siano fare soldi, profitto. In questo caso bisogna dargli atto, seppur maledicendolo, che ha saputo trovare il giusto "buco" nel mercato!

    Cmq, nel dubbio, continuo a dubitare!

    RispondiElimina
  2. @Oberon
    sia chiaro che secondo me, come disse Andreotti(?), "a pensar male si fa peccato ma a volte ci si azzecca."

    Ecco l'ultima intervista che gli hanno fatto poco fa, io riassumo tutto quel che penso in un tweet

    Se approfondiamo un'attimo vediamo come elogia google ed ammette che vorrebbe fare come il colloso.

    "What makes Android so unpopular [among Google’s rivals] is that Google doesn’t sell it, it has other ways of monetising it. I feel pretty confident in those principles."

    Ovvero: usare la forza lavoro dell'open source ma poi vendere le cose e i servizi closed. Come Android, come UbuntuOne.

    Ah, e poi, perché continua a dire che il unity non è pronta? voglio dire: c'era bisogno che lo dicesse lui per rendercene conto?
    Continuo a credere che Unity sia indirizzata ai tablet. Il solo motivo per cui non l'ammette è perché farlo significherebbe assumere per buono che finora gli utenti desktop sono solo dei betatesters. Non sia mai che si perdesse tutta quell'armonia e quell'amore che lui propaga sul suo blog. =P

    Secondo me, sia chiaro. ;)

    RispondiElimina
  3. i cd li paghi meno di 6 euro e sono 5! hai il coraggio di dire che li vende? dai none ssere ridicolo!
    per il resto posso pure darti ragione ma questa è una cazzata immane...
    non rispondermi tanto la pagina la chiudo non ho voglia di star dietro a una diatriba che poi tenteresti di portare al tuo mulino =D

    RispondiElimina
  4. @Anonimo

    "i cd li paghi meno di 6 euro e sono 5! hai il coraggio di dire che li vende? dai none ssere ridicolo!
    per il resto posso pure darti ragione ma questa è una cazzata immane...
    "

    Clicca sul link che c'è nelle parole "i cd te li vendo". Stavo parlando del Ubuntu Music Store.

    Ti ringrazio comunque del commento, perché in effetti sembra che parlo dei cd del sistema operativo, di cui me ne frega ben poco. Correggo così si capisce che faccio riferimento allo store musicale.

    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Ma a parte odiare ubuntu e shuttelworth, fai altro nella vita? ;P

    RispondiElimina
  6. Fun facts:
    Microsoft Europa ha base in Irlanda, dove paga pochissimo di tasse e nonostante ciò rende allo stato una quota assurda del gettito erariale. Ergo fa il buono ed il cattivo tempo ed i politici irlandesi in Europa sono suoi scagnozzi.

    L'isola di Man non ha limiti di velocità stradale.

    RispondiElimina
  7. @Strae
    Ma io non odio ubuntu. Cos'è che te lo fa dire? lo stile corrosivo e satirico è fatto apposta, ma non significa che lo odio. ;)

    Fosse per me Shuttleworth può fare quel che vuole.

    Quello che, se mai, detesto è la politica di alcune aziende, tra cui Canonical, che usano il software libero soltanto per i loro comodi. Ma è un parere personale, c'è chi lo condivide e ne prende le parte, c'è chi lo detesta, come me. Per fortuna non tutti la pensiamo uguale.

    A dirti la verità, pur non riuscendo a giustificare l'atteggiamento di queste aziende nei confronti del software libero, riesco a comprenderlo. Ma di questo ne parlerò in un prossimo post. ;)

    RispondiElimina
  8. @Santiago

    No ma guarda che su molte cose la penso come te, la mia battuta era solo perchè ultimamente mi sembra stai diventando un pò monotono...

    Fai un gnoccapost, porta una sferzata di novità!

    RispondiElimina
  9. @Strae
    ah su questo hai ragione, non lo so io ad agosto divento più nerd del solito. Infatti mi ero ripromesso che dopo il post di android avrei scritto di tutt'altro, e invece...

    va a periodi. XD Ma terrò conto della tua osservazione

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.