lunedì 19 settembre 2011

Cercano qualcosa da fare

Età media 19 e passa, ma c'è pure qualcuno più grande con la sindrome di Peter Pan. Gente che si sveglia presto, parte alle due del mattino e fa la fila dalle 16 del pomeriggio per essere primi il giorno dopo. Avrei pieno rispetto per queste persone - a cui un lavoro darebbe dignità alla loro esistenza - se non fosse che fanno la fila per l'Apple Store.
«chi me l'ha fatto fare? eeh  la forza cioè.. la forza di volontà... cioè, perché, è un'esperienza da fare, l'inaugurazione di un Apple Store è un'esperienza assolutamente da fare» - Alex, 18 anni, chi sono i suoi genitori mi è ignoto, ma poverini.
bologna-apple-store-fanatici

Bologna, quattro del mattino, un ragazzino pettinato alla Justin Bieber e uno sguardo da "questo che sto per dirti è la fine del mondo" punta dritto al suo interlocutore e parte:
«659 euro; 16 gigabite di memoria... [si lecca le labbra, poi guarda in alto a sinistra per ricordare] ... 779 euro; 32 gigabite di memoria» [mentre tu, spettatore, ti chiedi "e quindi!?!?!" la telecamera fa un piano ad altezza uomo, lui è davanti alla vetrina illuminato dalle luci che provengono dall'interno, in piena notte bolognese, sullo sfondo intravedi persone che nella fretta potresti identificare come dei punkabestia fatti di qualche sostanza a random, il suo sguardo è diretto verso l'apple store; inquadratura primo piano, conclude] «mi piacerebbe lavorare in un Apple Store, sì

Ti piacerebbe lavorare in Apple Store, già. Mi piacerebbe darti una randellata ai denti, a te, ad Alex e pure a quella "sensata" ragazza che paga l'iPhone a rate. Ma sfortunatamente, non tutto si può nella vita.


Cristo, che poi penso: se li avessi davanti non riuscirei a colpirli perché fanno veramente pena. Ma proprio tanta, ma tanta pena.

Per un commento ed un'analisi più interessante su questo narcisistico torpore non posso che linkarvi un articolo di qualche mese fa:

34 commenti:

  1. Cazzo se sta male, la gente. E sto scrivendo da un iPhone.

    RispondiElimina
  2. @SCIUSCIA
    Mi auguro tu l'abbia pagato a rate perché è così che si fa!

    RispondiElimina
  3. Poveri diavoli che pena mi fanno :(

    RispondiElimina
  4. Sono troppo avanti 'sti ragazzini. Io al massimo la fila la faccio per i concerti, per quelli si che ne vale la pena anche perchè in quei casi ci sono sempre un paio di birre che ti fanno compagnia!

    so' vecchio ormai.

    RispondiElimina
  5. PS: santiago io ti sto ancora aspettando sul blog nella sezione Voi e GNU/Linux

    RispondiElimina
  6. Se i genitori di questi ragazzi vengono a dirmi che c'è crisi, compro un pacco di dieci Ipad e glieli infilo nel culo 5 alla moglie e 5 al marito!!! A crudo e senza vasellina!!!

    RispondiElimina
  7. Dio, neppure la pronuncia di "store" sanno.

    RispondiElimina
  8. "l'inaugurazione di un Apple Store è un'esperienza assolutamente da fare".

    In effetti sembrano aver ragione.

    RispondiElimina
  9. Get a Mac? Get a life!

    RispondiElimina
  10. Sig.Rezzonico19/09/11, 13:36

    Come si diventa fan della mela?Basta essere un idiota lobotomizzato!
    700 euro per un coso con 32 giga di memoria?Con quei soldi io vado in vacanza altro che comprarmi un prodotto della mela marcia

    RispondiElimina
  11. Avete visto il padre che ha fatto saltare al figlio il primo giorno di scuola per essere lì? minuto 0:30

    è pieno di ricchi spunti quel video

    RispondiElimina
  12. Aspettate la morte di Jobs e cominceremo a sentire storie sulla sua resurrezione e i suoi miracoli... e già mi immagino iPray per richiedere una grazia...

    Saro

    RispondiElimina
  13. purtroppo conosco anche qualche 40-50enne conciato come questi qui

    RispondiElimina
  14. Non c'era così tanta attesa sai tempi di Willy Wonka!
    https://www.youtube.com/watch?v=eYqrTPu-FnA&t=12
    Buona sera, coniglio!

    RispondiElimina
  15. ahh ahhhh lollai sonoramente e ricordai questo diagramma nerd

    https://joindiaspora.s3.amazonaws.com/uploads/images/scaled_full_025187bcdab296a4b012.jpg

    RispondiElimina
  16. Sono indeciso se sarebbe meglio riempire un iCoso di nervino o di usare il napalm.

    Vada per il napalm.

    RispondiElimina
  17. boh, posso capire che iphone è un ottimo smartphone, che paragonato ad altri di fascia alta, merita un prezzo alto (ma non così alto), ma da qui a scatenare risse per quando esce un iqualcosa pur di essere uno dei primi....
    poi ho visto ciurme di ragazzini con genitori che piangono perché non hanno soldi, però loro hanno l'iphone

    RispondiElimina
  18. dov'è il tasto per condividere su Diaspora* ?? :D

    RispondiElimina
  19. L'uomo è nato per essere schiavo di qualcosa, infatti gli errori che commette piu' di frequente sono quelli di associarsi a sette, partiti politici, religioni,club calcistici, etc..etc.., allora anche il commercio si è fatto avanti proponendo oggetti dei quali non puoi farne a meno, pur essendo assolutamente inutili, ma potendoli possedere... ebbene si ti senti schiavo, ma felice, non importa poi se sai usarli questi, l'importante è esibirli.

    RispondiElimina
  20. Io userei l'iNapalm

    @Joif
    Touche!
    hai vinto tu :(

    stavo pensando di farmi diaspora in questi giorni, ma tra twitter, g+ e tumblr penso che dovrò rinunciare a qualcosa :D

    forse potrei rinunciare la blog e farmi diaspora :) comunque vedrò di mettere quel dannato tasto (se la pesantezza di java e altri widget me lo permettono)

    RispondiElimina
  21. @Anonimo
    Io la vedo in un modo leggermente diverso. Per me non si tratta di essere schiavi, credo che la "religiosità" sia intrinseca nell'uomo. (fino a un certo punto) Molti però devono trovare un senso alla vita o insomma a qualcosa. Molte volte una persona può dichiararsi atea, ma adorare o professare cose senza sospettarlo. Potrebbe tranquillamente essere il caso questi ragazzi devoti ad Apple, devoti verso Apple come una sorta di chiesa. Che poi, siamo sinceri, il Vaticano e Apple sono tutte e due delle aziende, cambia solo il l'oggetto di culto. Nella prima potrebbe trattarsi di un'entità astratta, nella seconda il loro dio è il Consumo.

    RispondiElimina
  22. @Santiago
    =======================

    Santialgo, abbiamo detto più o meno le stesse cose.

    Diciamo che hai migliorato il mio pensiero, certo mi dispiace molto per quei ragazzi, anche se come abbiamo visto nel video, molti genitori assecondano i capricci dei loro figli (o i loro stessi), e quindi la scena proposta sembra più quella di un gregge, che non quella di persone ragionanti.

    Buona notte.

    RispondiElimina
  23. @Santiago
    se serve ho un paio di inviti per D* (:

    RispondiElimina
  24. "Randellata ai denti"...IS THE SOLUTION!

    RispondiElimina
  25. Oltre al tuo post sulla Apple, ecco un decalogo sul perché la Mela conquista i clienti. Esatto, metodico e pienamente condivisibile.

    RispondiElimina
  26. ben venga la crisi

    RispondiElimina
  27. @Neoben

    "Randellata ai denti"...IS THE SOLUTION!

    +1

    RispondiElimina
  28. ah dimenticavo, avete notato la pronuncia per il cantino alla fine?

    "un'impostore
    c'è solo un'impostore
    uuuuuun impostoooree
    c'è solo uuuun impostoreeee"

    :D

    RispondiElimina
  29. Insomma, ho una domanda seria sull'iPhone xD
    Non penso proprio che l'acquisterò, ma in questi giorni mi stavo chiedendo, se si sceglie di comprarlo le rate con Internet + chiamate + sms convengono o no ?
    O si risparmia sempre prendendolo direttamente e mettendoci una sim apparte che abbia le opzioni attive ?

    RispondiElimina
  30. @Anonimo
    ah, guarda non saprei, secondo me Alex saprebbe risponderti per filo e per segno.

    RispondiElimina
  31. Il problema è che ormai questo post è troppo vecchio, per un blog, non penso si accorgerà del commento :P

    RispondiElimina
  32. oltre che i ristoranti sono pieni anche gli Apple Store...

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.