domenica 4 settembre 2011

Chiamatelo Free Software Day

linux-day-italia-dove
Sta arrivando il Linux Day. Come ogni anno mi toccano sentire sempre gli stessi discorsi. E invece giorni fa parlavo con i ragazzi di Frande - a proposito, vi consiglio di seguirli - e da Nedanfor è venuta fuori una soluzione interessante. Perché non chiamarlo Free Software Day e buona notte?

Scommetto che nei LUG le diatribe siano più di una. C'è chi inizia a discutere sul perché non chiamarlo Gnu/linux Day. In questo caso abbiamo 3 posizioni diverse:

  • C'è chi sostiene di dover chiamarlo Gnu/Linux perché è giusto che sia così.
  • Altri sostengono che è meglio chiamarlo Linux Day poiché ormai il nome è consolidato ed è esteticamente più attraente, se si tratta di diffondere la filosofia GNU questa viene spiegata alla gente che arriva.
  • E infine ci sono i "No, bisogna chiamarlo Linux Day perché ora c'è anche Android."


Sino a ieri mi trovato d'accordo con la seconda posizione, che non è tanto una posizione moderata ma bensì dettata dal buon senso.

Ora, ammettiamo una cosa: a volte il Linux Day diventa un Ubuntu Day, visto che ti rechi sul posto e l'unico sistema che vedi è quello della Casa del Parroco. E  visto che quest'ultima è ancora una distro Gnu/Linux, possiamo essere d'accordo sul fatto che non ci sarebbe niente di male nel chiamarlo Free Software day?

LUG o GLUG italiani, pensateci bene. Riflettete sui vantaggi: mai più una diatriba sterile sul nome, e potrete esporre distribuzioni Gnu/Linux o sistemi Android*, o qualunque cosa riguardi appunto il software libero. Perché in fondo lo spirito del Linux Day è quello di voler promuovere la diffusione della conoscenza, no?

E allora chiamatelo Free Software Day, veramente. Non venite a dirmi che così Android sarebbe escluso, perché avete sempre sostenuto che Android fosse Software libero, o no? E poi, se ve lo state chiedendo, fidatevi che a mio cugino attrae di più il marchio "free software" anziché "Linux". Linux è ancora visto come una cosa per nerd, suvvia.

Il punto è, che una cosa è promuovere la diffusione della conoscenza, tramite il software libero, e un'altra è fare pubblicità ad una distro, un sistema operativo. Non è importante che la gente usi Linux, è importante che conosca cos'è il software libero.

E se non siete ancora convinti,  sapete che vi dico? arriverà il giorno in cui tutti quanti useranno Linux, tutto compresso la lavastoviglie e la mia bambola gonfiabile avrà il kernel linux inside, e la gente saprà cosa significa Ubuntu e quanto sia buono Shuttleworth. Oh, voi che siete sempre affannati nel controllare a che punto è Linux nella percentuale mondiale, sempre all'1 per cento, Oh miei cari arriverà il giorno in cui Linux verrà usato nel 99% dei computer, tablet e smartphone. E quel giorno, non succederà un cazzo di niente.

-------------------------
* Sì, ecco, Android e il software libero hanno qualche eccezione, consultate: Android sei una troia oppure Android non è Libero

PS: Cosa? vuoi chiamarlo Open Source Day? No no, prova a pronunciarlo, lasciamo stare. Con l'inglese maccheronico che hanno alcuni potrebbe venir confuso con l'Opus Day.

14 commenti:

  1. Hai perfettamente ragione, anche io sono per un Free Software Day piuttosto che Linux o GNU/Linux Day.

    Il problema però è che purtroppo tale giornata è organizzata dalla Italian Linux Society, quindi purtroppo hanno tutto il diritto di chiamarlo così. Secondo me sarebbe necessario organizzare l'evento anche con la FSF in modo da chiamarlo free-software day o gnu/linux day, oppure creare un evento apposito in un altro periodo dell'anno.

    [1] http://www.linux.it/Pagina_principale

    RispondiElimina
  2. @risca
    Ma ti dirò, per me può pure sostituire il Linux Day. È solo un cambio nome per mettere d'accordo tutti.

    RispondiElimina
  3. Ma già adesso non succede un cazzo di niente... ero già pronto a esultare per una nuova escatologia (tipico degli analfabeti informatici, come me) :)

    RispondiElimina
  4. Ciao Santiago, secondo me dovrebbero chiamarlo "la giornata del software libero", non perchè sono un italianista convinto, ma perchè in inglese c'è sempre la trappola della traduzione di "free" che potrebbe essere inteso come "gratis" e non come libero.

    p.s. Cazzo, è il mio primo post e non potevo lasciarlo senza dire nemmeno un parolaccia!!

    RispondiElimina
  5. Il "Free Software Day" c'è già, e si chiama "Software Freedom Day", è un evento organizzato da SFI in tutto il mondo.

    http://www.softwarefreedomday.org

    E' snobbato e ignorato dalla stragrande dei LUG e FSG italiani. Con qualche lodevole eccezione, queste:


    http://wiki.softwarefreedomday.org/2011/Italy/

    RispondiElimina
  6. @Anonimo #5
    Grazie mille per i link, non ne ero a conoscenza :)

    RispondiElimina
  7. Brazzittu, hai ragione, però qualcuno potrebbe anche obbiettare che verrebbe più gente se ci fosse il free, e poi uno spiegherebbe in sede che free sta per libero.

    Humani Instrumenta Victus, ma infatti non succede un cazzo di niente e ora che l'anonimo 5 ci ha spiegato che in realtà la giornata esiste, c'è da vedere tutto con un po' più di pessimismo, visto che viene snobbato o addirittura non conosciuta.

    Il punto comunque è che è inutile fare una giornata con le stesse premesse del linux day. Tutte e due hanno le stesse premesse, quindi è meglio farne una chiamata Free Software Day e buona notte.

    RispondiElimina
  8. Esatto, come dice l'Anonimo 5 il Software Freedom Day esiste già ma è ampiamente snobbato. Peccato.

    RispondiElimina
  9. Riguardo all'affermazione "Ora, ammettiamo una cosa: a volte il Linux Day diventa un Ubuntu Day,......" posso dire che hai ragione, ma io per primo non credo che mi sarei avvicinato al mondo di Linux se non avessi trovato un OS abbastanza semplice... Credo che nonostante tutta la voglia di cambiare, qualsiasi profano che si affacci a questo mondo e che sia privo di conoscenze difficilmente iniziera' con distribuzioni meno intuitive e piu' laboriose. E' una curiosita' che si alimenta da sola col tempo. Adesso possiamo obiettare sul fatto che nei Linux Day difficilmente si trova gente che abbia volglia di sedersi e cominciare a spiegare sistemi piu' complessi (o forse io non ne ho trovati), piuttosto si trova gente che avendo alimentato la propria curiosita' ha fatto una scelta di distribuzione diversa e il piu' delle volta snobba chi e' qualche gradino piu' in basso, contrastando in pieno con la filosofia che continuiamo a professare...
    Ciao coniglio infedele a presto...
    Markuz UIELinux Africa

    RispondiElimina
  10. @markuz
    te pensa, e io che avevo pompato il sito per farlo diventare pesante così tu non potevi leggerlo con la tua connessione africana! :D

    Comunque, in questo post, non mi lamento che nei linux day ci sia soltanto ubuntu, il problema è che continuino a chiamarlo Linux Day quando in realtà c'è solo una distro Gnu/linux. Allora perché non chiamarlo Free Software day?

    Ora scopriamo che la giornata esiste già, ma perché viene snobbata?

    Secondo me ci sono degli interessi dietro, alla linux foundation non gli conviene che cambi nome, e i "mercenari del software" se ne fottono di Gnu/linux. Ma bisogna considerare che molte persone, quelli che organizzano i linux day, lo fanno con lo spirito e con la voglia di diffondere il software libero. A meno che non vogliano restare dei segregati sociali, questo è un'altro conto.

    RispondiElimina
  11. A me piacerebbe organizzare nel mio GLug il software freedom day, ma farlo a metà settembre è improponibile...

    RispondiElimina
  12. @Frafra
    Ma poi, oggettivamente, cosa ci sarebbe di diverso tra un Freedom Software Day e un Linux Day?
    Per un Glug, cosa cambierebbe? lo spirito e le iniziative sarebbero presapocco le stesse, o sbaglio?

    Quel che voglio dire è che per onore al vero, il Linux Day dovrebbe essere cambiato con il Free Software day, nella stessa data. Ma se non succede è perché ci sono interessi dietro, perché Linux in fin dei conti è un marchio mentre il free software è una filosofia (e se non fosse per quest'ultima linux non esisteva neppure)

    RispondiElimina
  13. Anche io non conoscevo il software freedom day...bella scoperta!
    Sono tra quelli che frequenta assiduamente il Linux Day e che molto spesso rimane deluso anche perchè, come dice il saggio Santiago, frequentemente si trasforma in un Ubuntu Day e vedere i relatori mandare a video la loro presentazione da un Mac mi innervosice.

    RispondiElimina
  14. I relatori non sono gli unici...

    http://www.emmanuelebassi.name/archives/2011/04/18/the-beast-and-dragon-adored/

    -.-"

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.