lunedì 24 ottobre 2011

I becchini di Facebook - Necrobook

Il seguente testo non è mio. Ho collaborato soltanto nell'ultima parte. Tutta la creatività e spontaneità la trovate sul topic di Banda della Bandana. Lo pubblico perché, non so voi, ma io non ne posso più di leggere tutto questo cordoglio sui social network.

I becchini di facebook sono quelli che scrivono post in cui si annuncia la morte di un personaggio famoso. Si dividono in tante categorie spesso differenziate da meri criteri cronologici.

facebook-morte-necrobook

Ci sono i becchini-lampo: quelli che hanno beccato la notizia in TV o su un sito di informazioni in tempo reale. Si gettano a capofitto su facebook per essere i primi a dare la novella. Ne ricavano l'effimera gloria di aver battuto la propria cerchia di amici. In breve tempo i becchini-lampo vengono sopraffatti dai becchini-sul-pezzo. I becchini-sul-pezzo sono l'evoluzione dei precedenti. Non vanno subito su facebook a dare la notizia perché prima vogliono leggere un paio di articoli ed approfondire la questione. Desiderano, come i primi, far rimbalzare la notizia, ma l'arricchiscono con un minimo di informazione in più. Esempio:
"E' morto XXXXX YYYYYYYY" (becchino lampo)
"E' morto XXXXX YYYYYYYY , è andato fuoristrada mentre tornava a casa" (becchino sul pezzo)

A questo punto la notizia è già diffusa, in TV ne cominciano a parlare, e viene a galla la necessità di far vedere di essere scioccati. Il problema è che su facebook è ancora troppo presto per piangere perché non è ancora matura l'onda emotiva. Si affacciano timidamente i becchini-sentenziosi. Quelli che pubblicano una foto del personaggio scomparso accompagnata da una frase concisa ma emotivamente pregna.
"Ciao XXXXX, riposa in pace"
"Addio XXXXX, ci mancherai"
"E' morto XXXXX, nessuno come lui"

In brevissimo tempo facebook si riempie di emotività ed anche i più timidi, ossia quelli che aspettavano che si commuovessero tutti prima di addolorarsi in prima persona, scendono in campo per dire la loro. Ne consegue un'epica lotta all'ultimo sangue in cui si abusa di sentimenti in offerta 3x2, frasi fatte e citazioni terrificanti. Il terreno è pronto per i becchini-addolorati. Ovvero, coloro che scrivono cose agghiaccianti tirando in ballo angeli, fiori e paradisi.
"Gli angeli in cielo..."
"è stato strappato il fiore più bello..."
"dal Paradiso ci starai guardando e starai dicendo... (+frase del cazzo)"

È il momento più duro per frequentare facebook perché si accavallano una serie di poeti in erba che farebbero andare in depressione anche DJ Francesco. Il culmine si raggiunge quando i produttori di link professionali, sfruttando l'ondata emotiva, sono costretti a pensare per la prima volta una frase con la loro testa senza poterla scopiazzare da qualche autore classico. Ne derivano sgrammaticature urticanti che però tutti i sottoscrittori compulsivi condividono istantaneamente:
"Oggi moriva XXXXX, i suoi performans ci anno insegnato a vivere la vita con pienutidine"

Ultimi in ordine cronologico, ma possibilmente tra i peggiori in assoluto, arrivano i becchini-citazionisti, ovvero coloro che non avendo partecipato pienamente al rimbalzo della notizia desiderano evidenziarsi incollando una frase epica attribuita allo scomparso. Appaiono così frasi che nessuno conosceva ma che tutti, appena lette, sono pronti a diffondere senza minimamente preoccuparsi di verificarle. "fate questo in memoria di me" (il morto del giorno)

Nei commenti appaiono puntuali:
"sarai nella memoria di tutti"
"era un grande, ci mancherà"
"ha vissuto la vita fino all'ultimo secondo" (strano pensavo avesse vissuto anche 5 minuti dopo...)
"sarai sempre nei nostri cuori"

Ecco... "sarai sempre nei nostri cuori"... un must.
Nessuno scrive "sarai sempre nel MIO cuore". No! Casomai nei NOSTRI cuori. Il becchino addolorato di facebook non si emoziona se non in condivisione. Non può scrivere che lui è addolorato, deve sentirsi parte di un gruppo di addolorati ed in tal caso lotta fino allo stremo per dimostrare che è il più addolorato di tutti. Se non ci fosse facebook direbbe "chi cazzo è morto???" ma in bacheca è affranto, disperato, inconsolabile... purché in sharing.

Chiudendo la saracinesca del dolore troviamo i becchini-polemici, ossia quelli che non hanno partecipato con trasporto alla diarrea emotiva ma sentono comunque il bisogno di onorare la morte del mito del giorno segnalando, sottolineando, analizzando e polemizzando sulle cause della morte e sulle colpe di qualcuno che "deve prendersi le sue responsabilità". Esempio:
"Muore XXXXX andando a frantumarsi contro una pianta ed il becchino-polemico se la prende con chi ha consentito di far crescere una pianta proprio lì, dove era ovvio rischiare la vita uscendo fuori strada a MACH 2."

Una deriva insopportabile del becchino-polemico è il becchino-complottista. Tale soggetto scopre dal filmato su youtube (compresso, a quadrettoni di 30x30 pixel) una rondella piegata in modo sospetto che probabilmente ha causato l'incidente, e così incomincia ad ipotizzare piani segreti che presto arrivano a toccare UFO, satanismo e cerchi nel grano.

Curioso infine Il becchino-snob, assai raro, potenzialmente tutti lo siamo, il problema è essere nel mood giusto al momento propizio. Egli è il parente del becchino-nichilista, ma a differenza di quest'ultimo, ha facebook.

La differenza specifica - per dirla con Aristotele - sta nel fatto che questo becchino non si commuove mai, egli è duro anche con se stesso e il suo motto è "meglio stronzi che ipocriti". Tuttavia, dal momento che è su facebook deve far sapere a tutti che non si è commosso. E il suo obbiettivo è deludere schematicamente la commozione altrui. Partono allora commenti del tipo
"guardate che XXXXX non era mica un santo, cosa cazzo lo piangete?"
la discussione che ne deriva mette in luce la sua cattiveria, e per non sembrare una persona insensibile il becchino-snob cade nel bisogno di giustificare la sua anti-commozione tirando fuori argomenti che coinvolgono povertà nel mondo e gli svantaggiati, diventando a questo punto un becchino-polemico o becchino di massa.

EDIT 27/10 si ringrazia la collaborazione anonima nei commenti:

In rari casi il becchino-snob può diventare un becchino-alternativo, ricordando in modo addolorato un altro personaggio ai più sconosciuto, morto nello stesso giorno, ma il cui decesso è stato eclissato dal defunto mainstream. È molto probabile che il becchino-alternativo si comporti in tal modo per far vedere ai suoi pari quanto egli sia più giusto nel giudicare la gerarchia d'importanza che esiste tra i morti.

Impossibile, a questo punto, scordare i becchini-immagine. Ovvero coloro che sostituiscono la propria immagine profilo con la foto del morto di turno e che la tengono finché il loro bisogno di apparire non torna a gala o, in alternativa, finché non muore qualcun'altro.

Tempo 24 ore ed il dolore si placa fino scomparire del tutto. I becchini di ogni specie tornano a pubblicare video di gatti, canzoni di Jovanotti e citazioni di Camorra&Love.

-----------------------------------------------------
Altri post che fanno cagare come questo:
- Twitter, o come tuffarsi in questo mare
- #Twittofili o come Twitter somiglia a Facebook

171 commenti:

  1. Verissimo, ma non succede solo su Facebook. E' per non leggere quelle frasi che quando se ne va qualcuno di famoso evito di mettere piede su social network e siti di quotidiani per un paio di giorni.

    RispondiElimina
  2. la migliore è l'ultima frase: "Tempo 24 ore ed il dolore si placa fino scomparire del tutto. I becchini di ogni specie tornano a pubblicare video di gatti, canzoni di Jovanotti e citazioni di Camorra&Love."
    mi sto rotolando dalle risate!

    Grande San

    RispondiElimina
  3. Attenti, come ho scritto sopra il testo non è mio, ho solo collaborato nella parte finale :)

    Stez, fai bene infatti pure google+ era inguardabile quando è morto Steve Jobs...

    RispondiElimina
  4. Cippaciong24/10/11, 17:53

    A volte è bello sapere di non essere gli unici a pensare certe cose.

    Altre volte è molto più bello essere gli unici (più o meno) a non avere facebook e a vivere più sereni, inconsapevoli di quanto l'ignoranza delle persone si stia ingigantendo sempre più.

    RispondiElimina
  5. oddio non avere facebook per colpa degni ignoranti è come non scopare perchè c'è la sovrappopolazione, se uno vuole, su fb si mette solo gli amici "utili" e in più ci permette di controllare l'amico idiota che ha postato la foto in cui si rubava al bar tutti insieme mettendo tutti i nomi dei "colpevoli".
    Tornando IT (anzi IP) concordo con chi ha scritto questo testo, certe volte i socialnetTUork sono veramente pieni di ondate di dementi che non sapendo cosa fare della propria vita fanno quello che fanno gli altri, rompono i coglioni alla povera gente

    RispondiElimina
  6. la parte finale infatti è la più bella e, forse, autoironica :D

    RispondiElimina
  7. Veramente ottimo, io aggiungerei anche, prima del becchino-polemico il becchino-populista, ovvero quello che, dopo aver pubblicato la notizia sulla sua bacheca, sente la necessità di andare a mettere "mi piace" in qualsiasi foto/link/frase che contenga il nome del morto, per simulare dolore inesistente ma condiviso con tutti. Inoltre simula l'essere affranto, mentre in realtà sta solo cercando di aumentare la sua immagine.

    RispondiElimina
  8. Bellissimo e tutto molto vero.

    RispondiElimina
  9. Non sono d'accordo ... il becchino e' solo quello che ne annuncia la morte...non chi semplicemente lo saluta o lo ricorda...non vedo del "becchinaggio" a un semplice frase che ricorda una persona scomparsa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. paolo bucci ha scritto..... trattieniti , abbiamo a che fare con dei saggi ad oltranza , non penseranno mai che se metti una notizia su facebukke , probabilmente pensi
      non tutti , la avranno letta , punto e basta ........

      Elimina
  10. Il punto è che quello che succede nella vita reale succede anche sui social network, non capisco perché vi meravigliate che ci siano dei dementi su facebook. il mondo è pieno di dementi ...cazzo!

    RispondiElimina
  11. Sig.Rezzonico24/10/11, 23:50

    Ma la gente non si stanca o non si stancherà mai di questi socialmerdanetwork?
    Vorrei tornare nell'era dei paninari gasati dove l unico SN era la cabina del telefono...

    RispondiElimina
  12. Rimane solo una tipologia di becchini: il becchino-cazzaro.
    insomma, quello che fa la tipica battuta di umorismo nero per sdrammatizzare.

    tipo chi scriveva "iDead" alla morte di Stefano Lavori, per esempio.

    inutile dire che faccio parte di quest'ultima categoria.

    Mazzimo

    RispondiElimina
  13. il commento dell'anonimo mi ha fatto veramente sorridere... :-)
    anche io detesto i becchini, ma devo ammettere che per quanto riguarda stefano lavori ci sono cascata pure io....ed ho postato il link + banale, quello con il suo discorso all'università, che non conoscevo: forse tutti questi becchinni qualche volta possono persino diventare un "filino" utili!!!

    RispondiElimina
  14. e chi dedica il proprio tempo a elaborare pensieri come questo su certa gente a che categoria appartiene? perdonate l'anonimato ma non possiedo alcun account fra quelli nell'elenco: niccolò alterini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso "altezzoso-filosofo-sociologo-fancazzista-che-se-vai-a-scavare-scopri-che-è-solo-uno-sfigato-voglioso-d'affetto-e-approvazione". Lo sono stato anch'io nei momenti più tetri della mia vita.

      Elimina
  15. come ha fatto notare monossido, che ormai a forza di leggermi mi conosce, la parte finale, il becchino-snob è autoironica :)

    Tuttavia, per discostarmi dalla categoria becchino-snob, che alla mia coscienza sembra stronza, ho collaborato ancora con la categoria becchino-satyricus che non ho pubblicato ma trovi nel topic linkato, di cui, ricordo ancora il 90% del merito va all'utente Banda della Bandana. :)

    RispondiElimina
  16. Avete omesso i becchini più comuni di quest'ultimo periodo... I becchini-immagine, quelli che sostituiscono la propria immagine profilo con la foto del morto di turno e che la tengono finchè è giusto essere in lutto, ovvero finchè non muore qualcun'altro. (Vedi cambiamento di foto: da Steve Jobs, a Simoncelli).

    RispondiElimina
  17. @Anonimo
    hahahahaha
    Come abbiamo fatto a scordarci questi!
    aggiorno il post e li aggiungo, grazie! :)

    RispondiElimina
  18. prego Dio che il 5 novembre facebook chiuda per sempre forza anonymous

    RispondiElimina
  19. fatemi capire: nella vita reale funziona diversamente?
    su facebook tutto è solo enfatizzato e reso paradossale, come fai notare anche tu ("Tempo 24 ore ed il dolore si placa fino scomparire del tutto. I becchini di ogni specie tornano a pubblicare video di gatti, canzoni di Jovanotti e citazioni di Camorra&Love."), ma anche nella vita si alternano momenti di tristezza ad altri di svago, allegria o gioia.
    Non so se sia sintomo di superficialità, può esserlo in molti casi, di sicuro per continuare a vivere non si può far altro che assimilare il dolore alla svelta.

    RispondiElimina
  20. "Curioso infine Il becchino-snob, assai raro, potenzialmente tutti lo siamo, il problema è essere nel mood giusto al momento propizio. Egli è il parente del becchino-nichilista, ma a differenza di quest'ultimo, ha facebook." Che belle le persone, criticano, criticano e nel criticare finiscono con l'offendere pure se stessi. Tu stai facendo la morale a tutti questi "becchini" immaginari ma alla fine, scrivendo questo articolo, hai fatto proprio come loro. Intelligentemente, però, non su facebook bensì in un blog. Ecco quindi che è spuntato fuori il rarissimo BECCHINO NICHILISTA! Siamo tutti uguali nel voler essere diversi, non c'è niente da fare. Io ora, per esempio, potrei scrivere un articolo su coloro che criticano i "critica-becchini". Dopo un giorno ci sarà quello che critica chi critica i critica-becchini, e così via. Smettetela con queste cose, tanto ci saranno sempre. Bye!

    RispondiElimina
  21. bell'articolo. Io li ho tutti...saprò come comportarmi in futuro :)

    RispondiElimina
  22. il saggio,come al solito,guarda...ascolta...prende atto che ci sono questi e ci sono i detrattori di questi...e va bene,a meno che,sia per gli uni che per gli altri,non ci siano degli argomenti che meritano di piu' attenzione...e credo che ce ne siano,purtroppo per tutti...mi auguro che prima o poi anche una piccola parte di tutti questi ci pensi e abbia tutta questa verve per affrontare quelle emergenze o eventi che toccano gli uni e gli altri.anche se per farlo occorresse essere impopolari.....Andrea Bianchi (http://www.facebook.com/andreabianchi63)

    RispondiElimina
  23. e alla fine,dopo qualche giorno,arrivano gli omini sentenziosi coi lor bei ditini puntati dai loro blog

    RispondiElimina
  24. @Sig.Rezzonico infatti sei qua su internet a scrivere ste stronzate

    RispondiElimina
  25. Sig.Rezzonico25/10/11, 23:57

    @Anonimo

    Infatti io non sono un internet dipendente, mi connetto solo per seguire qualche blog e ascoltare un po di musica.

    RispondiElimina
  26. Io non vedo che cosa ci sia di male per un tifoso che non potendo andare di persona da l'addio al suo idolo usando dal suo profilo di fb. Saranno cazzi miei???

    RispondiElimina
  27. @Cippaciong

    Tu invece sei becchino negazionista. Quello che rifiuta persino l'idea che facebook possa avere un senso d'essere :D

    RispondiElimina
  28. Stanno spuntando fuori un sacco di becchini, quello negazionista è interessante :D

    @Anonimo 23
    darmi del becchino-nichilista è per me un'onore, ma purtroppo ho facebook. Nei commenti ho anche ammesso che ho scritto la parte del becchino-snob con uno spirito autoironico. Il resto non è stato scritto da me, anche se lo condivido in pieno, altrimenti non l'avrei pubblicato. Poi, per fortuna ho scoperto di essere un bechino-satyricus.

    "Smettetela con queste cose, tanto ci saranno sempre. Bye!"

    Bravo, ora che hai detto la tua puoi portare la tua saggezza altrove e levarti dai coglioni. Bye. :)

    RispondiElimina
  29. Colui che ha scritto parte dell'articolo26/10/11, 00:43

    Inutile che vi scaldiate tanto nei commenti solo perchè vi siete riconosciuti in qualche parte dell'analisi e vi rode un po' il culo. :-)
    Il bello è che siete(siamo) tutti o quasi inglobati in uno schema perfetto in cui è comodo prevedere le reazioni di milioni di utenti. Quello ho fatto... niente di più.
    Siamo tutti diversi ma tutti scioccamente portati a fare qualcosa di condiviso, sennò non vale...
    Le logiche di facebook sono le logiche della vita comune. Sbaglia chi separa i due mondi. Cambiano fisicamente le azioni che si compiono, ma il ragionamento (o il mancato ragionamento) che c'è dietro ognuna di esse... beh... è il medesimo.
    Quella che avete letto è un'analisi sociologica con un po' di humor, ma è comunque seria e soprattutto aderente alla realtà.
    Se siete capaci di fare altrettanto... beh, fatelo. Fate una contro-analisi sui blog che analizzano facebook e "vendicatevi" di questo articolo, ammesso che ci si debba vendicare della propria caricatura.
    Chi pensa di averne i mezzi ci provi e vediamo cosa ne viene fuori.

    Un saluto all'anonimo coniglio (BdB).

    RispondiElimina
  30. però avete dimenticato una categoria, il becchino-alternativo: sono quelli che ricordano addolorati un altro personaggio molto più sconosciuto, magari anche più intellettualmente/socialmente impegnato che è morto nello stesso giorno e nessuno se lo caca perchè eclissato dalla morte dell'altro...per far vedere che loro lo conoscevano, e che lui sì, che si merita di essere compianto!c'è anche una gerarchia anche nei defunti

    RispondiElimina
  31. Sono daccordissimo col Coniglio come al solito e questa cosa non vale solo per il bacchinaggio XD C'è la sindrome del mettere in piazza i cazzi propri ch eio non afferro proprio,su facebook si leggono cose assurde,ed io sempre che dico,ma che me ne frega a me XD ma perchè devi scriverlo lì XD a volte mi trattengo dal dare risposte XD
    Detto ciò,io per la morte del Sic sono andato su G + ho mesos una foto ed ho scritto Ciao Sic,ma effettivamente la cosa mi aveva colpito molto,come non mai,non credo lo farò in altre occasioni e nemmeno lo avevo mai fatto prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c' è sempre una prima volta .......

      Elimina
  32. @Cippaciong
    Facebook è uno strumento... come un martello.. c'è chi sa usarlo e chi si pesta le dita...

    RispondiElimina
  33. Oltre che molti dementi nel network noto che ci sono anche moltissimi snob, sovrarappresentati peraltro in questa pagina.
    C'è addirittura chi scomoda nientepopodimeno che Dio e la preghiera affinchè FB chiuda i battenti.
    Mio nonno (che non c'è più: in questo caso che tipo di becchino sarei? Becchino-postumo?) direbbe: 'ma cosa c'avè n'tel cervello? i brecci?'.

    RispondiElimina
  34. Ci metterei anche il becchino-pessimista. Quello che dice: "Tanto prima o poi toccherà a tutti."

    RispondiElimina
  35. Io mi sento molto becchino-Craxi. La morte, in fondo, è socialista.

    RispondiElimina
  36. complimenti al autore.. perche facendo ridere ha detto la pura verità!!! come i film di fantozzi ti facevi la pipi nelle mutande ma descriveva in moto perfetto l'italia e il suo lavoro...complimenti ho postato in fb questo articolo più volte.... grandi!!!!! poi ovviamente Fb è diventato il muro del pianto.... chi scrive il tipo di diarrrrreeea avuta al mattino..chi invece descrive le proprie corna... ecc ecc troppo triste

    RispondiElimina
  37. Pingback:

    http://nuvolealvento.wordpress.com/2011/10/26/la-morte-di-un-eroe/

    RispondiElimina
  38. manca il becchino-contestatore che puntualmente pubblica post contro gli altri becchini perchè si sono ricordati solo il giorno della morte del tizio che lui effettivamente esisteva

    RispondiElimina
  39. Ci sono anche io, becchino-snob! Non me l'aspettavo a dire il vero... però non ascolto quella m...a di jovanotti e non metto video di gattini, proprio no!

    RispondiElimina
  40. articolo inutile come un culo senza buco.mi sono fermato dopo aver letto "performans" che in realtà si scrive "performance"certo che il web è pieno di grandi conoscitori della lingua italiana che non hanno un cazzo da fare.andate a lavorare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se continui a leggere, noterai che in quella frase ci sono altri errori. Non hai pensato che fosse fatto apposta?! E poi, mio bel saccentello - per tua sfortuna ne hai beccato uno peggio di te -, "performance" non appartiene alla lingua italiana, ma è inglese (meglio: è un francesismo in salsa british); in italiano sarebbe "prestazione" o lemmi simili.
      Ti appunto anche che dopo il punto va la lettera maiuscola.
      Che fesso che sei...

      l'anonimo del "altezzoso-filos..."

      Elimina
  41. @Anonimo
    Cristo santo ma quanto sei coglione anonimo. Quel "performans" era parte del personaggio descritto da BdB, era fatto apposta, capisci? No, cosa vuoi capire se l'hai letto e poi ti sei detto "oh ma il web è pieno di grandi conoscitori della lingua italiana che..." che vengono a rompere i maroni in post come questo, soltanto perché gli rode in culo essere un qualche becchino. :D

    RispondiElimina
  42. santiago va caga

    RispondiElimina
  43. anonimo prima di me è stato esagerato,cmq santiago non te la prendere così.poi ti viene un colpo e chi ti farebbe da becchino su fb?nessuno!:D

    RispondiElimina
  44. Colui che ha scritto parte dell'articolo27/10/11, 00:52

    Mentre immagino che "i suoi", "anno" e "pienitudine" fossero corretti...
    Anonimo tonno.

    RispondiElimina
  45. leggendo tutti i commenti capisco la risposta così furente di quello che ha scritto che l'articolo è inutile...perche sta ciofeca l'hai scritta tu!ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaahhahaha

    RispondiElimina
  46. Credo di appartenere ai becchini "alternativi" sotto-categoria "OCHA", quello che ricorda a tutti con fare provocatorio che si dimenticano le tragedie di massa che quotidianamente avvengono... spesso senza merito di nota nemmeno delle più autorevoli testate. Nel senso che valgono di più 2 morti che 1, questo per la mia categoria è logico!!!
    Fantastico articolo e fantastici commenti!


    Anonimo

    "Cristo santo ma quanto sei coglione anonimo."
    "Bravo, ora che hai detto la tua puoi portare la tua saggezza altrove e levarti dai coglioni."

    RispondiElimina
  47. Colui che ha scritto parte dell'articolo27/10/11, 01:31

    @anonimo
    leggendo tutti i commenti capisco la risposta così furente di quello che ha scritto che l'articolo è inutile...perche sta ciofeca l'hai scritta tu!

    - - - - - - -

    Ci vuole la stele di rosetta per capire cosa hai scritto.

    RispondiElimina
  48. @Colui che ha scritto parte dell'articolo
    Grazie Banda, pensavo di essere l'unico a non aver capito niente di quello che l'anonimo 49 aveva scritto :D

    RispondiElimina
  49. ahahahah!!! Vabbèh, l'articolo è meraviglioso, ma i commenti sono da schiantarsi! Eh ragazzi, che ridere... Ho letto troppo di fretta o ancora non è arrivato qualche BUON CRISTIANO che vi ha augurato perlomeno di "fare la sua fine"? Dai aspettiamolo insieme...

    Edamamma

    RispondiElimina
  50. Pero' i necrologi su internet hanno un potenziale di pubblicita' illimitato. Se la morte di x verra' pubblicizzata su fb y, utente di fb e "cuggino che sta a milano" di x, non avra' scuse per non partecipare all'interramento ( o pratica equipollente nel trattamento delle spoglie) di x.
    Per chi auspica un ampliamento della sfera democratica attraverso internet (leggi partecipazione politica), dovrebbe accettare di buon grado che il potere della rete investa altri ambiti della vita.

    RispondiElimina
  51. Verissimo!!!e che palleee!

    RispondiElimina
  52. oddio signore grazie! qualcuno è ancora in grado di ragionare!!

    RispondiElimina
  53. Perchè sorprendersi? Anche la vita reale è così' e si è andati avanti per millenni. Siamo umani e a quanto pare la natura umana è così.
    Infatti, potrei scrivere anche che ci sono bloggisti, giornalisti ecc. che siccome non sanno cosa scrivere aiutano quella massa di persone (in questo caso li hai chiamati becchini) per farsi linkare da altri, magari becchini snob sui social ^_*
    Ciao!!!
    Katia

    RispondiElimina
  54. Oddio questo articolo è un capolavoro. Io ho sempre evitato di pubblicare epitaffi virtuali, non ne vedo il motivo: lo farei soltanto se il morto fosse un personaggio che amavo e stimavo davvero, ad esempio quando è morto Monicelli (grande personaggio che pochissimi hanno compianto su FB) ho pubblicato un pezzo di Amici miei con una frase di addio. Altrimenti evito di unirmi all'enfasi collettiva

    RispondiElimina
  55. e poi ci sono i becchini dei becchini come voi... ma che bel post del cazzo!

    RispondiElimina
  56. @Anonimo
    ma che bel commento 59! Fammi indovinare, ti sei visto rispecchiato nel becchino-polemico, o nel becchino-immagine. È tosta vedersi rispecchiati, a volte. Te lo dice uno brutto brutto e cattivo cattivo.

    RispondiElimina
  57. Cari anonimi (cattivi),
    per favore firmatevi altrimenti mi mettete in difficoltà perchè in questo modo non posso mandarvi a fare in culo direttamente usando il vostro nome.
    Sarebbe un "ma ci vai in culo" generico, buttato lì, diretto ad un qualsiasi anonimo e mi sembra un pò sprecato.

    RispondiElimina
  58. Ciao ragazzi,
    dopo aver letto questo articolo, mi sono messo a leggere tutti i vostri commenti perchè mi fa piacere che almeno qualche persona non si sia fatta abbindolare da questa asfissiante, ipocrita, tristezza per la morte di un giovane ragazzo, quale Simoncelli. E' vero che era un ragazzo che ispirava molta simpatia, ma....come sempre la televisione ci deve dire cosa dobbiamo fare! Dobbiamo essere tristi perchè è morto un "povero" ragazzo milionario, onesto,unico, esempio per molti giovani. Io mi domando: ma com'è possibile che prima non se lo cagava nessuno e adesso, anche gente che non seguiva la MOTOGP, lo piange come se fosse stato un loro parente? Lo piange perchè la massa ignorante è stata educata dalle televisioni ad "amare" chi è pieno di grana e conta qualcosa e deve quindi, diventare un idolo e un esempio, mentre una persona qualunque che muore tragicamente per un incidente stradale è un poveraccio di poco conto. Mi chiedo quando finirà questà massa di ipocrisia....e hanno pure il coraggio di chiamarlo amore per un amico scomparso....

    RispondiElimina
  59. EDIT: aggiungo il becchino-alternativo. Grazie anonimo 33.

    RispondiElimina
  60. Non ho letto tutti i commenti quindi spero di non ripetere qualche ovvietà, ma sarebbe possibili aggiungere tra i becchini complottisti (o inserire il becchino Nostradamus) quello che fa i conti con le date (sommando cifre alla cazzo di cane, è bene specificarlo) credendo di trovare inspiegabili presagi della sciagura nel nome del luogo o nelle sue fantomatiche somme?
    Articolo che offre un ottimo scorcio del modello socioculturale dei giorni nostri, comlimenti.

    Giovanni

    RispondiElimina
  61. bellissimo articolo è tutto vero! e quoto paolino ormai è colpa della televisione e dei giornali che che dice a tutti i dementi cosa devono pensare, come studio aperto che ogni volta fa i servizi di chi ha salutato i morti su facebook ma daiii! io forse sono il becchino sentenzioso mi viè la tentazione a volte ma sopratutto per Leslie Nilsen e Scott Columbus ce so rimasto male e ci so andato di video piuttosto che foto!

    RispondiElimina
  62. E' sicuramente un articolo molto attento alla psicologia umana e anche ai suoi lati grotteschi. Però mi permetto di sottolineare una cosa. Non credo che tutti quelli che postano un qualcosa per una persona lo facciano solo "per moda" o per farsi solo "vedere". Mi piace pensare che sia comunque un modo di reagire ad una disgrazia che in qualche maniera ci ha toccato. E' meglio quindi provare un qualche sentimento e manifestarlo anche se a volte in maniera goffa o "fare gli stoici" e guardare dall'alto? Questo io non lo so. L'unica cosa che credo sia giusta è, penso, rispettare colui o colei che se ne è andato. Un giorno qualcuno potrebbe mettere un post anche per noi. Saluti a tutti. Graziella

    RispondiElimina
  63. Colui che ha scritto parte dell'articolo27/10/11, 19:29

    All'ultimo anonimo (66) dico di stare attento. Ha scritto "Mi piace pensare...".
    Googli "mi piace pensare" + facchinetti... avrà brutte sorprese.

    RispondiElimina
  64. perennemente incazzato28/10/11, 02:06

    quoto paolino, alcune persone devono capire che se non si segue la massa con queste enfasi commemorative piu false e piu di moda della unghie ricostruite non significa che non si ha un cuore, ma semplicemente sta a significare che una persona preferisce ricordare in silenzio un defunto, senza il bisogno di andarlo a sbandierare a tutti gli amici di facebook...GRAZIE SIC....ma grazie di cosa scusate?? delle emozioni? sti gran cazzi...basterebbe soltanto seguire il tg e fare una preghiera...e stop!!! invece no..avanti x una settimana con sic, grande sic, super sic, eri un eroe sic, madòòòò!!! che bigottismo fasullo!! mi verrebbe in mente un altro discorso che ritengo parallelo a questo, il discorso politica e berlusconi: premetto: non credo nella politica cosi evitate fin da subito di darmi del berlusconiano! tutto il popolo facebookiano fa a mille e un pezzo berlusconi, lo sbeffeggia, lo distrugge, lo deride, pubblica immagini,foto, escort ecc ecc...ma mai nessuno che si degna di organizzare una bella rivolta e salirci veramente a roma x sbatterli fuori dai palazzi...che bello fare i fighi su facebook..ma va va....che gente col cervello bevuto!!!

    RispondiElimina
  65. Sebastiano Sebon Santaniello28/10/11, 03:45

    ...tutti quelli che hanno postato finora sono becchini polemici...io sono in becchino alternativo...

    RispondiElimina
  66. sinceramente aggiungerei:
    Becchino retrò - "1978 anni fa moriva gesù. ennesima vittima del complotto giudiziario. ancora oggi ci manca e ci stringiamo nel dolore ai familiari"
    Becchino immaginario - "è morto pappalardo, infarto in funivia durante l'oktoberfest", di solito nell'arco di 24 cominciano a girari ricordi ed epitaffi vari, con scaramantica scartavetrata inguinale della vittima.
    bione

    RispondiElimina
  67. Credo proprio d'essere un becchino-lampo, ma senza la gloria.
    Mal sopporto tutti gli altri becchini, ma specialmente quelli snob.
    @62 è normale però che una persona nota come Simoncelli abbia molta risonanza nei tg e che non l'abbia pinco pallino, mi puzza poi questa mania di fare i conti in tasca al morto, al che suggerirei una nuova categoria: il becchino-rosicone, che per mascherare il proprio rosicamento usa affiancare alla foto del morto quella di negretti denutriti.

    RispondiElimina
  68. @Anonimo (71)
    mi hai fatto ricordare a facchinetti. Per non rovinarvi la sorpresa ribadisco anch'io di seguire le linee guida di Banda della Bandana specificate nel commento 67.

    Cercate "a lui piace pensare facchinetti" e troverete un bell'esempio di come si possono abbinare il morto mainstream alla massa di morti del terremoto. Talmente ipocrita da diventare pietoso.

    RispondiElimina
  69. ciao raga, io ho iniziato a spedire condoglianze a tutti i Simoncelli iscritti a facebook

    RispondiElimina
  70. non saprei se definirmi becchino snob o becchino alternativo

    RispondiElimina
  71. Vorrei aggiungere un'altra categoria di becchini, quelli voltagabbana. 5 minuti prima che la persona famosa morisse sostenevano che non valeva niente, poi a piangere sconsolati.

    RispondiElimina
  72. avete dimenticato il becchino che appena scopre la notizia crea una pagina e invita tutti a diventare fan e invitare tutti gli amici per ricordare il personaggio morto

    RispondiElimina
  73. Bellissimo 'sto post!

    Simone

    RispondiElimina
  74. Coniglio santo subito!
    Parola di pulcino!

    RispondiElimina
  75. Mi ha fatto davvero ridere, complimenti!
    Posso suggerire il "becchino ad un'altro turno?" è quello che mediamente non posta niente per i morti "eclatanti" tranne rare volte?!?
    Per il resto... Mi associo in pieno!
    Anonimo Paolo per il quale l'account hotmail con cui accede a google qui non vale!

    RispondiElimina
  76. Fantastico, ma sopratutto tutto vero. E poi se fai commenti del tipo "Quanti finti moralisti" iniziano a scartavetrarti le ovaie!

    RispondiElimina
  77. E l'audience si impenna! (c.c. pravettoni)

    RispondiElimina
  78. Ragà, siamo d'accordo banalità conformismo presenzialismo eccetera. Però, se io mi rendo conto che forse mi sono perso qualcosa, i "suoi" libri, i "Suoi" discorsi", il suo insegnamento, beh, partecipare agli altri l'evento della sua morte mi sembra un modo per onorarlo (e forse domani andrò a comprare i suoi libri, sbeffeggiatemi anche per questo).
    Porcasottana, condividiamo le cassate più inverosimili, dal video di cochi e renato al colore degli occhi del nostro pipistrello preferito, però segnalare che una persona importante(per me, ovvio) non c'è più causa tanti sbeffeggiamenti.Ho voglia di mandarvi a quel paese, ma in questo momento c'è un residuo conigliesco in me che mi dice che anche questa sarebbe forse una presa di posizione troppo seriosa. Io continuo a ricordare le persone importanti, quando se ne vanno, e me ne frego del vostro berciare. Alba de Felice

    RispondiElimina
  79. Carlo Lubrano29/10/11, 10:58

    Penso che all'appello manchino i becchini "ironici". Comunque, mai se ne vedano, e mi tocco nel pensare che tanta gente non aspetti che queste occasioni per fare del macabro protagonismo.

    RispondiElimina
  80. Verissimo e allo stesso mi riconosco in uno di questi, quello snob e alternativo

    RispondiElimina
  81. sono un becchino, embè? nel giornalismo si fanno i " coccodrilli", dove al gusto di dare la notizia si aggiunge la voglia di condividerla con chi ancora non la sa e di tracciare un profilo del defunto, che di solito è uno che si ammira. ragazzi, probabilmente avete un brutto rapporto con la morte, male, maturità è anche questo.
    alessandro

    RispondiElimina
  82. Geniale!!! Ho riso 10 minuti di fila!!!

    RispondiElimina
  83. chissà perchè nessuno ha citato chi realmente seguiva quella persona che è scomparsa, che era informata su quello che aveva fatto e lo/a apprezzava per questo! Facebook è un mezzo di comunicazione e se scriviamo e pubblichiamo è anche perchè vogliamo far conoscere agli altri parte di noi stessi... allora perchè non possono esserci persone che vogliono sfogarsi quando viene a mancare una persona famosa in cui credevano??? Gli ipocriti siete voi che generalizzate e fate di un'erba un fascio... Io ho pubblicato una frase e un video per ricordare Simoncelli e non l'ho fatto perchè gli altri lo facevano o tutto ciò che avete elencato, ma semplicemente per dare uno sfogo a un dispiacere VERO, REALE per un ragazzo di 24 anni che seguivo e in cui credevo...e sono fiera di averlo fatto, perchè la mia bacheca è parte dei miei pensieri, dei miei umori e Simoncelli non poteva rimanere nel dimenticatoio!!!

    RispondiElimina
  84. @Anonimo 87
    Su questo post non ci sono nomi di persone morte. Sono venuti fuori nei commenti, e guarda a caso tutti parlano di Simoncelli perché è quello più recente, ma - parlo per me - queste cose che ha descritto BdB le pensavo da un bel po'. Anzi, secondo me tutto questo discorso si addice di più alla reazione sulla morte di Jobs che a quella più recente di Simoncelli.

    Credo che se io fossi stato un suo fan ed e fosse veramente dispiaciuto per la sua morte non mi incazzerei per post come questi, perché qui si mira all'ipocrisia di molti, non al dispiacere di pocchi. Vedi la faccenda di Facchinetti spiegata nel commento 72 di questo post.

    Nessuno ce l'ha con te o con le persone che erano veramente dispiaciute, il problema è l'ipocrisia di massa che ne deriva, quella voglia di rendere il cordoglio in modo più pubblico possibile. Fa schifo. Purtroppo con i social network si rafforza la voglia di apparire in modo inconscio. Sempre più apparenza. Prima lo facevano/fanno i famosi in TV. Ora lo fanno tutti sui social.

    RispondiElimina
  85. Sig.Rezzonico29/10/11, 14:27

    Ce anche il becchino contro la casta che scrive commenti tipo "con tutti i politici di merda che dovrebbero morire proprio(nome del defunto) ci doveva lasciare"e poi finisce il tutto con "e son sempre i migliori quelli che ci lasciano"

    RispondiElimina
  86. Azz@ coniglio anonimo ..mi riconosco in tutti i becchini che hai citato ;P ..oddio chi sono?? ..crisi di identita.. mi sento piu il "becchino-l'importante è che se ne parli" :) Ivan

    RispondiElimina
  87. C'è un problema di fondo: si muore uno (o quasi) per volta..

    RispondiElimina
  88. Ciao, volevo anch'io contribuire con un ragionamento originale e intelligente.

    Volevo quindi dire: attenti! Fb è come la vita reale!!!

    Ecco, spero di essere stato CHIARO e ORIGINALE.

    RispondiElimina
  89. Risposta per Alessandro del commento 85: penso anch'io che ci sia in giro un cattivo rapporto con l'idea della morte.
    Comunque io avevo postato la notizia della morte di Hillman che ha rifiutato la morfina per essere lucido fino in fondo, e se pensate che non ci sia più bisogno di esempi positivi vuol dire che siete già lessi.
    susy

    RispondiElimina
  90. Non dimentichiamoci del becchino del malaugurio che augura una morte crudele ad un tuo parente od amico solo perchè non hai messo mi piace al suo link sul morto di turno...

    RispondiElimina
  91. Per altro io ho seguito il consiglio di Santiago ed ho trovato la frase di Facchinetti e mi sono sorti due dubbi:
    1. perché i morti famosi diventano sempre angeli? ma anche perché vengono citati sempre gli angeli?
    2. se Simoncelli - è il più recente anche se son d'accordo che l'ottimo post si addice più alla morte, da me pianta, di Jobs ma è proprio con quest'ultimo che gli angelofili (?) paiono essersi scatenati - fosse diventato un angelo perché dovrebbe andare a salvare gli alluvionati e non i motociclisti?

    RispondiElimina
  92. non ho letto tutti i commenti...magari mi ripeterò...vorrei solo proporre una nuova categoria "il becchino timido" x essere gentile...quello che non osa pubblicare un post che entrerebbe in competizione con gli altricome quello più figo/originale/strappalacrime...e si limita a mettere il suo "mi piace" sulle pubblicazioni altrui.
    detto questo...mi complimento per l'articolo, terrorizzante x quanto veritiero...purtroppo.

    RispondiElimina
  93. hail hail ragazzi ai vgool gagnaatt porcha la puttana ci vuole gagnare.....siete capaci di accoltellare un aragazza se si, siete vberamente dei duri, uomini con i controcoglioni !!! yeahhh beasts hahahahahaahahaahh

    RispondiElimina
  94. Non so se è già stato fatto notare ma manca nell'articolo quello che personalmente odio più di tutti ovvero il becchino-alternativo. Si tratta del tipico finto-indignato che cerca di distinguersi dalla massa di dementi che condivide link orripilanti sul defunto, pubblicando stati del tipo "ipocriti! tutti a compiangere xxx solo ora che è morto", salvo poi concludere con una chiusa esattamente simile a quella dei suoi colleghi becchini:"ci mancherai..."
    Stile impareggiabile :D

    RispondiElimina
  95. @Rospa
    ma in realtà il becchino-alternativo c'è! però è un po' diverso da come lo descrivi tu. È un'evoluzione del becchino-snob guarda in alto. Diciamo che è alternativo perché ricorda un morto diverso facendo sempre il finto-indignato... il tuo sarebbe più un becchino-moralista

    RispondiElimina
  96. e che cazzo vuoi dire quando muore qualcuno? qualcosa dovrai pur dire. c#%@!0*& di me#@! : ) va#f@°^:ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché? Te l'ha ordinato il medico?

      Elimina
  97. la morte è morte e non risparmia nessuno, i nostri, i tuoi e i vostri commenti del çàzz@ non smuovono una virgola di questa triste, dura ma SANA realtà. Questo commento e il resto non sono altro che parole gettate via, inutili tanto quanto i commenti sui morti tanto esecrati in questo articolo.
    La morte arriva e non si fa annunciare, ripetetevelo ad ogni respiro! Tanto non cambia nulla lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.youtube.com/watch?v=AI96e1vGvpk

      Elimina
  98. @Anonimo

    Vero, ma vale comunque la pena che così mi sono fatto grasse risate! LOL

    RispondiElimina
  99. In questo articolo penso di non aver mai letto così tanti luoghi comuni e polemiche sterile pari o superiori a quelle a cui nelle intenzioni era rivolto.
    Da secoli il "trapasso a miglior" vita è stato sempre interpretato così ed ha da sempre suscitato queste più svariate interpretazioni, coinvolgimenti.
    Quanti tipi di "becchini" sono stati citati? Quanti altri se ne potrebbero citare?
    Se esistono infinite sfaccettature di una determinata cosa significa che non ci sta nulla di sbagliato, ipocrita, retorico ma semplicemente è la natura dell'uomo.
    Questo succedeva 1000 anni fa e questo succederà sempre, questo succedeva prima di facebook ed esisterà nel facebook 2.0.
    Mi verrebbe da citare a tal proposito il becchino anticonformista e saccente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te pienamente!

      Elimina
  100. Questo post è magnifico.

    RispondiElimina
  101. Sempre attuale questo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il bello di questo post è che risorge ogni volta che muore un famoso ben voluto a livello mainstream. Quando rivedo questo post girare è il segno che è morto qualche VIP. È una sorta di campanello di allarme: attento, non frequentare i social in queste ore

      Elimina
  102. geniale.. ahahah.. è un mondo di becchini

    RispondiElimina
  103. Verissimo ed esilarante :D solo un appunto (e non me ne vogliate): non criticate gli errori grammaticali degli altri se poi voi scrivete qualcun altro con tanto di apostrofo... Probabilmente è stata una semplice svista (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai cos'è è che a me piace scrivere "qual'è" con l'apostrofo. Sarà che così facendo mi sento un po' Saviano, un po' trasgressivo, mah.. =P

      Elimina
    2. "Oggi moriva XXXXX, i suoi performans ci anno insegnato a vivere la vita con pienutidine"

      gli ignoranti non mancano mai, tra FB e non...
      manca un H
      e tra l'altro pienutidine non esiste

      Elimina
    3. Il resistente12/02/12, 16:13

      @anonimo: fai meno il grammarnazi quassù, che non hai capito nulla ;)

      Elimina
  104. 10+. una delizia.

    RispondiElimina
  105. Se morissero più personaggi famosi avremmo due fattori positivi: 1) meno vips 2) più dolore su fb. Più dolore su fb = più patetismo su fb = meno utenti su fb = più mondo.

    Secondo me dimentichi il becchino nichilista-grottesco che non ha facebook ma pensa frasi come: E' morta Whitney Houston indimenticabile ed indimenticata con Kevin Costner in Waterworld.

    RispondiElimina
  106. Mortolandia e la meravigliosa peluria degli jack

    RispondiElimina
  107. ma l'idea che, tra tutti questi becchini, ci sia qualcuno dispiaciuto davvero, non vi passa proprio per la testa, vero? probabilmente si, ma considerando ed ammettendo ciò non si sarebbero potute scrivere queste banalità!
    Direi che chi ha scritto ciò è più polemico del suo "becchino-polemico" e che, basandoci sul suo punto di vista, ovvero quello di guardare sempre il lato negativo, potrei pensare che abbia solo trovato un'altra cosa sulla quale fare il critico, per dimostrare a tutti, chiaramente condividendo su i social network, che lui è uno fico e che ragiona sulle cose.
    Che tantissima gente vuol stare al centro dell'attenzione non è una novità: non esisterebbero FB,Twitter, ecc. ecc. Che tantissima gente sia banale, superficiale ed addirittura stupida non è nemmeno una novità. Quindi a che pro tutto questo? solo per offrirci un altro banale, scontato e risaputo punto di vista?
    Grazie per avermi fatto perdere 10 minuti del mio prezioso tempo! -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quest'analisi, è chiara e gentile seppur polemica e mi sento di sottoscriverla allegramente!:D che ne pensa l'autore?

      Elimina
    2. Penso sia un'analisi tristissima e perditempo, mi chiedo come tu faccia a sottoscriverla allegramente. O.o


      PS: basta i commenti più sopra, per quanto mi riguarda ho ammesso di aver collaborato nell'ultima parte, che guarda a caso è autoironica.

      Elimina
  108. L'atteggiamento da becchino snob terzomondista può anche essere un atteggiamento di difesa e di recupero. Per esempio, dopo 3 giorni di piagnistei per la morte di Steve Jobs, provare a spiegare che era solo l'inventore di uno stupido aggeggio, e che la massa di contrizione che ha investito l'etere è soltanto moda e suggestione, è un atteggiamento da becchino-responsabile

    RispondiElimina
  109. tutto vero ,tutto perfetto.Aggiungerei che ci sono poi,anche quelli che su un cadavere,si sentono di doverti fare la morale e spiegarti come funziona,e magari darti il decalogo del corretto comportamento da tenere suFB nel caso di morte.Quelli che si scompisciano da ridere,quelli che preferiscono un morto ad un'altro ,quelli che se la prendono con quella"merda" di jovannottiMaah per fortuna io continuo,senza postare video o fare commemorazioni,ad avere dubbi su tutto,buon per voi possessori di verita'.

    RispondiElimina
  110. aggiungerei il becchino-troll, che sapendo che dopodomani se ne saranno dimenticati tutti, inizia pubblicare minchiate tipo la frase famosa del caro estinto sulla foto di qualcuno che non c'entra un cazzo per vedere quanti becchini-immagine e becchini-filosofi condividono alla cieca

    RispondiElimina
  111. E poi c'è chi sui becchini ci fa tutto un post criticando chi decide di commerare gente come meglio crede. Come lo chiamiamo? Becchino-antibecchino?

    RispondiElimina
  112. grandissimo post :D

    RispondiElimina
  113. propongo il premio pulitzer ai creatori..complimenti!!!

    RispondiElimina
  114. Bel post, è divertente, anche se un po troppo scontato!
    ps: non c'entra molto, ma vogliamo parlare di chi pubblica immagini di animali uccisi o maltrattati? poi quando uno gli spiega che non è un'immagine così assurda da scandalizzarsi, vengono a dirti che non hai un quore, sei un'insensibile, oppure i più spavaldi ti augurano di morire nel modo descritto dall'immagine (questi ultimi non mancano mai, oltre a coloro che lo augurano al torturatore di animali di turno).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ed è eppur sì evidente che te ne nutri! chi le uccide le tue prede?

      Max80

      Elimina
  115. Manca il "becchino guardone", cioe' colui che rimane per giorni a leggere quello che scrivono le persone per poi ricavarne una classifica come questa.

    RispondiElimina
  116. esilarante! e, come ogni buona opera comica, lo è tragicamente...
    :D

    MAx80

    RispondiElimina
  117. Manca, soprattutto, il "becchino umorista"; quello che usa la foto del defunto a scopo dissacratorio contando sulla visibilità prodotta dallo scandalo che immancabilmente susciterà. Con la variante "crossover", che mescola sapientemente fatti diversi. Esempio classico, la foto di Michele Misseri che si autoaccusa della morte del commemorato di turno... ;)

    RispondiElimina
  118. Scusate ma perchè odiare facebook???facebook è una macchina e bisogna saperla usare con itelligenza...se prendi un palo con l'automobile mica è colpa sua...è colpa tua che sei un idiota...indi per cui il mezzo facebook è utile se usato con criterio...poi se uno è stupido lo è anche nella vita normale non solo su facebook,come si dice se nasci tondo non puoi mori quadro...

    RispondiElimina
  119. "Siate affamati, siate folli." (Amy Whinehouse)
    ...ci mancherai...

    RispondiElimina
  120. secondo me il problema è che la gente STA TROPPO TEMPO su facebook a scrivere cazzate o leggere le cazzate degli altri! invece di usarlo solo come una maniera per essere più vicini agli amici e parenti quando non si può..si stanno trascurando i veri rapporti faccia a faccia per stare su fb! anch'io ci vado ma le cazzate non le scrivo e non le leggo...quante volte esco e vedo gente che nei locali sta su fb a leggere cosa fanno gli altri o a taggarsi!!!

    RispondiElimina
  121. Complimenti a chi ha scritto il post, le sanguisughe da rete ci saranno sempre ma basta prendere le dovute precauzioni.

    RispondiElimina
  122. Ottimo blog, contenuti esilaranti! Aggiunto nei preferiti! Mi permetto di dare un consiglio per migliorare la visualizzazione: inserite un'interruzione in ogni articolo dopo 4-5 righe! ;) inoltre i commenti visualizzateli compattati di default. Renderete il blog molto più leggero e facile da leggere! ;) saluti. Fudish

    RispondiElimina
  123. Parole sante ! Condivido tutto e dico che questi becchini sono semplicemente "RIDICOLI" !

    RispondiElimina
  124. credo e spero di non aver mai fatto nessuna delle cose su citate. non sono quindi una becchina (fiuuuuu)... ma trovo veramente veramente snob l'atteggiamento che sottende questo 'brano'.. anche andare a cagare non è particolarmente figo, o elegante, o intellettuale, ma è umano, istintivo, e liberatorio, esattamente come dire, o scrivere 'è morto lucio dalla....' con tutti i commentucoli, non particolarmente ricercati e intrisi di spirito critico, che ne discendono. Sabrina

    RispondiElimina
  125. Genio. Voglio il test "Scopri che becchino sei"!

    RispondiElimina
  126. oh ma quanti commenti, non li ho potuti leggere tutti ma... mamma mia certi come la prendono sul personale! Dai siamo esseri sociali con quel po' di democrazia che c'è rimasta saremo liberi di scrivere quel che ci pare sui nostri blog! Poi non traspare arroganza ma una lettura di ciò che avviene con ironia.
    Carino invece l'articolo!
    Ciao :)

    RispondiElimina
  127. "Non può scrivere che lui è addolorato, deve sentirsi parte di un gruppo di addolorati ed in tal caso lotta fino allo stremo per dimostrare che è il più addolorato di tutti. Se non ci fosse facebook direbbe "chi cazzo è morto???" ma in bacheca è affranto, disperato, inconsolabile... purché in sharing."

    In sintesi quello che è un social network, e tristemente quello che è anche gran parte del nostro mondo! E' geniale

    RispondiElimina
  128. Mancano i becchini che tra il loro nome e cognome mettono il soprannome o il nome del morto in questione.

    RispondiElimina
  129. trovo quest'articolo veramente fuoriluogo. Facebook è un flusso di coscienza, ognuno ci scrive esperienze personali quotidiane. Cosa vuoi che scrivano il giorno in cui muore dalla, la ricetta della polenta? Siete voi i veri radical chic, quelli che non devono chiedere mai, in prima fila per il controcorrente, cinici fino alla noia. La vostra è sociologia spicciola. Preferisco uno che si emoziona per una canzone che mai più ascolterà dal vivo ad uno che perde il suo tempo a criticare. Dai, ormai siete grandi, basta sputare sentenze dietro ad un monitor, fatevi una vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmaaaa farsi una risata e imparare l'arte dell'autoironia no?
      Questo articolo è nel posto giusto, è il tuo commento ad essere fuoriluogo. :)

      Elimina
  130. ho fatto quasi tutti i tipi di becchino!! ho vinto qualche cosa? aggiungerei il becchino-pigro, che sono io a metà settimana, che non seppellisco nessuno. mi firmo cierre, sennò mi becco tutti gli insulti per anonimo qua sopra.....comunque, che battaglia per essere diversi, ma non solo, visto che diversi lo siamo per forza come i fiocchi di neve, ma per essere quelli col cervello migliore..

    RispondiElimina
  131. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  132. Non so se e' stato già detto ma...la mitica frase "e ora insegna agli angeli a..."???

    RispondiElimina
  133. A me atterriscono i giornali che adesso inseriscono il link del profilo facebook del deceduto di turno. :(

    RispondiElimina
  134. E poi ci sei tu,becchino super partes che dall'alto della sua ironia cataloga tutte le categorie di becchino riproponendo, ogni volta che muore un famoso (ne sono certo), quest'articolo.

    RispondiElimina
  135. R.I.P. LUCIO DALLA UN CARO AMICO, UN GRANDE (becchino ritardatario)

    RispondiElimina
  136. odio i messaggi smielensi, ed infatti li dedico solo a chi se li merita.
    io mosconi lo piangerò finchè campo, così come il caro leader. che uomini d'altri tempi

    RispondiElimina
  137. SIETE DEI GRANDI.
    Vi amo.
    Sappiatelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (a te io ti conosco)..... _|_

      Elimina
  138. Bello! Grande articolo!
    E chi lo critica non ha veramente un cazzo d'altro da fare. Se non vi piacciono questi articoli cosa li leggete a fare? E cosa li commentate a fare? Perchè perdete tempo?
    Andate a leggervi i blog pseudo-intellettuali e non criticate chi fa un po' di umorismo nel raccontare la nostra realtà. "Arlecchino si confessò burlando" si dice dalle ns. parti......
    By Bubu

    RispondiElimina
  139. La mia cosa preferita è sapere della morte di qualcuno prima dal gruppo facebook del fantamorto a cui sono iscritto che da altre fonti.
    Quello si che è essere sul pezzo... e poi tutti a vedere se qualcuno l'aveva in lista!

    RispondiElimina
  140. Bravo Santiago, dopo tutti i post su Linux, finalmente uno che ti da la visibilità che meriti :D (Linux 4ever)

    RispondiElimina
  141. Il "moto" è una cosa, il "motto" è un'altra.
    Quando impariamo la grammatica della lingua italiana, passeremo a parlare del contenuto.
    Comunque: TL:DR, una volta letto "Ultimi in ordine cronologico" uno pensa che sia finito davvero, invece siamo appena a un quarto della lista.

    RispondiElimina
  142. Chiunque abbia scritto questo pezzo ha il mio incondizionato amore.

    RispondiElimina
  143. Edit Agosto 2012:
    È aperta la fase preliminare delle votazioni per i Blog Awards 2012: seguendo questo link potete esprimere le vostre preferenze. Se vi va di segnalare questo post potete farlo nella categoria 18 (Miglior articolo o post dell'anno). A compilare il modulo si fa abbastanza presto. Comunque avete tempo fino al 1 settembre. Grazie :)

    RispondiElimina
  144. Beccato > Ho "snobbato" Neil Armstrong ... Colpa di una luna storta

    RispondiElimina
  145. Oggi, nella sua confortevole tana, si è spento un bel coniglio. Ci mancherà tanto e sarà sempre nei NOSTRI cuori...

    RispondiElimina
  146. Il gestore di questo blog si tocca le palle.

    RispondiElimina
  147. franco leverone01/04/13, 21:12

    ma chi cavolo è morto?

    RispondiElimina
  148. Luca Fadda05/01/15, 19:34

    Non vorrei sembrare quello che cita sempre suo nonno, ma citerò mio nonno. Lui diceva sempre "Mangiato hai?". Lo so che non c'entra niente, ma lo diceva sempre. Ok, comunque lui una volta, quando morì il vicino odiato, disse "Sono sempre i migliori che se ne vanno". Buonismo? Commozione? Onda emotiva pre-facebookiana? Onda Energetica di Goku? No, lui voleva solo dire quello che ha detto: quando uno muore è il migliore. Due mesi fa era Mango, ora le canzoni di Mango sono sparite, la gente ascoltava solo Pino Daniele. Chiediamo in giro chi asolta le canzoni dei Pooh, e poi rileggiamoci le risposte quando morirà Facchinetti. Ci faremo due risate.
    Una curiosità: ma secondo voi, quando morirà Gigi D'Alessio, assisteremo alla stessa cosa o si riuscirà a essere più sinceri? Perché tutti oggi negano di ascoltare D'Alessio, ma quando morirà dovranno dire che sono cresciuti con le sue canzoni. A quel punto è come il gatto con la tartina imburrata sulla schiena: come finirà?
    Grazie per lo spazio, non ho bevuto, sono così al naturale.
    Luca

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.