domenica 18 dicembre 2011

E invece... (Strafalcione de IlPost su Software libero e Opensource)

Me lo segnala @silviogulizia su twitter.  Avevo letto la notizia già giorni fa, velocemente. E l'avevo riportata sulla pagina GPlus del blog, qui, come qualcosa di positivo.

Mea culpa, mi ero concentrato sul fatto in sé, ho detto "bene, hanno aggiunto software libero e non solo open source". Poi il resto lo lasciai perdere, tanto la differenza tra software libero e Open Source la sappiamo già. E invece...

È proprio qui il problema, mi ero fermato a "la differenza", ma è subito dopo dove si trova lo strafalcione, insomma, secondo voi quanti errori ci sono in questa frase?
"La differenza, almeno tecnicamente, non è di poco conto anche se è sfumata e porta spesso a confondere software libero e open source. Il software libero viene pubblicato con una licenza che lo rende utilizzabile e modificabile da chiunque. È diverso dal codice sorgente aperto (open source) perché questo si concentra sugli aspetti etici, sulla libertà di chi lo utilizza e non solo sull’accessibilità del codice informatico che lo costituisce (che è comunque un prerequisito per il software libero)."

14 commenti:

  1. non vedo errori, vedo solo che la frase è scritta un po' alla cazzo e magari può essere interpretata male.

    RispondiElimina
  2. hanno ribaltato tutto! XD
    Devono essersi confusi fra le due pagine di wikipedia... :P

    RispondiElimina
  3. chi lo ha scritto è un pò confuso

    RispondiElimina
  4. ripeto, da quel che vedo il problema sta tutto nelle parole "perché questo si concentra".
    Sono convinto che sia soltanto una frase mal scritta.

    RispondiElimina
  5. @Anonimo
    Ma se mai quella frase è corretta, il soggetto di quella frase è errato. È il software libero a concentrarsi sugli aspetti etici e sulla libertà di chi lo utilizza, non l'open source.

    RispondiElimina
  6. @Santiago
    Esattamente!
    Invece di "perché questo si concentra" avrebbe dovuto dire "perché il precedente si concentra".
    Ma penso (spero) che il senso si capisse.

    RispondiElimina
  7. @Anonimo
    Credo che l'errore non sia solo quello, ma anch'io trovo che sia stato un copia incolla fatto male, per questo lo chiamo uno "strafalcione". Tuttavia temo che non si capisca. Noi lo capiamo ma un lettore che non sa di cosa si tratta no.

    RispondiElimina
  8. Il giornalista non sapeva di cosa stava parlando e il lettore ne risulta male informato.
    La normalità insomma :).
    Il non credo sia solo un problema nelle parole. Il giornalista voleva proprio dire quello.

    RispondiElimina
  9. @monossido
    piuttosto io mi chiedo, ce l'avranno una fottutissima redazione che assegna i pezzi a chi è se ne intende dell'argomento? Questa considerazione non vale solo per Il Post ma per tanti altri servizi di informazione in cui di solito quando si parla di Software libero nella PA tendono a confondere tutto. Allora se il giornalista non è un minimo afferrato sull'argomento perché gli danno il compito di scrivere l'articolo?

    RispondiElimina
  10. Una considerazione più generale (scusa Santiago, io non resisto alla tentazione di "fare un passo indietro" per dare uno sguardo d'insieme alla situazione): non sentite anche voi la mancanza di giornalisti "ben informati", prerequisito necessario (ma non sufficiente) per informare?

    Io sto constatanto che, con poche (e anche notevoli) eccezioni, ci sia una povertà desolante in questo ambito: il vuoto culturale e il berlusconi-centrismo degli ultimi vent'anni ci hanno lasciato un paio di abilissimi cronisti giudiziari, in mezzo al marasma di lacché, cerchiobottisti, "NonE'SoloLuiIlCattivo" e in generale parolai che fin troppo spesso pasticciano con la logica e con l'italiano.

    E il pubblico non è da meno: è stato indottrinato e puntigliosamente abituato a questo linguaggio :)

    Forse è una considerazione che ho già scritto, in questo caso mi scuso per la ripetizione.

    RispondiElimina
  11. @Enrico
    scusa per cosa? ;)
    anch'io sento questa mancanza di preparazione, ed è per ciò che mi meraviglio più di uno strafalcione de Il Post e non di altri giornali, proprio perche questo tipo di testata si propone come un nuovo rispetto ad altre testate più vecchie e di cui ormai non mi lamento più. Invece sembra che non fa differenza, assegnano pezzi a giornalisti poco preparati e poi si ritrovano a fare copia incolla di wikipedia. Un trafiletto così potrebbe scriverlo la metà dei lettori di questo blog senza il bisogno di usare wikipedia per controllare la differenza tra opensource e free software.

    RispondiElimina
  12. Il software libero viene pubblicato con una licenza che lo rende utilizzabile e modificabile da chiunque. È diverso (=Questo differisce) dal codice sorgente aperto (open source) perché [...]

    Non sarà espresso benissimo, ma da qui a dire che il giornalista "non sa di quello che parla" ce ne va IMHO.
    Più che sul "poco informato" io mi preoccuperei del fatto che il giornalista non sappia scrivere e farsi capire chiaramente. Magari l'hanno fatta scrivere a un informatico...

    RispondiElimina
  13. Ha ragione Groudge (e l'autore dell'articolo. Ma perché non si firma?), solo è scritto con i piedi.

    Grazie per la segnalazione de Il Post, non lo conoscevo ma lo terrò d'occhio :)

    Comunque sei proprio un necrofilo: attendi ansioso la caduta dell'eroe per poi indicare con supponenza il suo cadavere che galleggia sul fiume :)


    P.S: ebbi una reazione simile nei confronti de Il Fatto, nel corso delle sue prime settimane di vita: un articolo del càzzo di cronaca sportiva accusava, sulle basi delle dichiarazioni di Mario Corsi ("Marione", conduttore di una radio romana, fra le altre cose ex terrorista fascista dei NAR), Fiorentina e Inter di una presunta combine, del tipo "io faccio vincere te in campionato, tu fai vincere me in coppa Italia".
    Da tifoso della Fiorentina, e da lettore entusiasta del giornale, scrissi una mail piuttosto rabbiosa facendogli notare le minchiàte che conteneva.

    Non ricevetti risposta, naturalmente, ma ragionando a mente fredda mi resi conto che l'astio era immotivato. Però non ho più acquistato l'edizione di martedì :)

    RispondiElimina
  14. @Enrico
    in realtà il post mi è sempre piaciuto, e mi piace ancora.

    se volevo infierire però, ad onor del vero, mi è caduto molto in basso dopo questi accaduti:

    - http://mazzetta.wordpress.com/2011/12/14/per-fortuna-non-siamo-tutti-oscar-giannino/

    - http://jumpinshark.blogspot.com/2011/12/non-siamo-tutti-casa-pound-su-il-post.html

    Il post di Stefano Nazzi su casapound sembrava un elogio a quel centro sociale di destra a cui era tesserato il tipo che giorni fa ha sparato ai due senegalesi.

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.