lunedì 5 dicembre 2011

Twitter, o come (s)tuffarsi in questo mare

twitter-stampa-come-si-usa-vip

Me l'immagino sì, Vendola. Seduto nella sua cameretta, con il cuore a mille scrivendo questo tweet davanti al MacBook Air Pro con Linux Inside. Le dita effervescenti, lo sguardo veloce, si lecca le labbra e conclude: Eccomi! nichi

Pinne, occhiali, e un bel tuffo.

92 retweet. 93, col mio.

Se domani scrivessi che il mio cuore è in palpitazione perché ho appena fatto il login su un social network verrei presso a randellate sui denti. Giustamente aggiungerei. Ma che ti frega, seguilo, 120.000 followers non possono sbagliare. E non è che ce l'abbia con Vendola, è solo un esempio.

Perché ormai di questi tempi ti svegli e senti parlare di Twitter. È una rottura. In Televisione, sere fa, TG1 dava un servizio intitolato «Tutti pazzi per Twitter». Non vedo l'ora che Minzolini si tuffi. Vederlo perdere followers in diretta deve essere uno spasso.

L'altro giorno a pranzo, il nonno mentre raccontava i suoi soliti ricordi di guerra e di quanto fossero stronzi i fascisti se ne è uscito dicendo «che poi, voglio dire, è ovvio quanto la non sequenzialità del mezzo sia fuorviante, ma non per questo bisogna snobbare un social come Twitter, dove la regola del mezzo-messaggio di McLuhan si dimostra, ancora una volta, corretta, ma le potenzialità sono più di una.»

La vuoi smettere e mangiare quella cazzo di minestra?! - gli urlò la nonna - Sempre a parlare di questo twitter, twatter, twiligh! Mo' scinneme 'a cuoll!! -.

È evidente che mio nonno è una persona del calibro di Andreotti, altrimenti non mi spiego come sia possibile che da un giorno all'altro tutti i giornalisti italiani siano diventati stralunati per questo social network.

La considerazione che va per la maggiore è quella secondo cui ciò che importa su Twitter non è "esserci" ma "starci". Bene, se tu, che stai leggendo, hai capito qual è la differenza tra esserci e stare allora smetti di farti le canne. Perché non c'è nessuna differenza. Non esiste.

Per giunta ci tocca assistere alla mania del momento, vogliamo vedere a tutti i costi i politici su Twitter. Alcuni, se vedono il nuovo account di un ministro si eccitano. Non hanno tutti i torti però. È una grave mancanza che la Fornero non abbia Twitter. Il suo staff avrebbe potuto twittare "snif snif" durante la diretta di ieri.

Vedi, l'idea è quella di spingere per una «cultura della digitalizzazione nella pubblica amministrazione». Perché? non lo so, ma stay hungry stay foolish, mi raccomando.

Idee fantastiche, partorite dalla mente di persone che con la rete "ci sanno fare". Mi ricorda quando volevano candidare Internet al premio Nobel per la Pace. Se non sbaglio erano i ragazzi di Wired Italia. Gli stessi che hanno appena premiato Napolitano come "uomo dell'anno" per aver mostrato una «Sorprendente velocità nel rimanere collegato alla realtà»

Ora, io non so chi di voi possa sorbirsi questo giochino semantico di parole in cui "velocità" e "collegato" giustificano un premio che non ha senso, ma sono sicuro che tra Napolitano e i ragazzi di Wired quello più vicino alla realtà sia decisamente il presidente. Gli altri secondo me pensano di essere - no scusate, stare - in cielo con Steve Jobs. Quando in realtà, Jobs era buddista, e quindi per quelle vie inscrutabili del karma si sarà reincarnato in un operaio della FoxConn.

Io avrei intitolato: 
Steve Jobs operaio dell'anno.
per aver mostrato una sorprendente velocità nel montare iPad e perché non stacca mai dal lavoro
No?

No ma loro per Jobs "provavano affetto". Faccio una piccola digressione poiché quando l'ho letto sul blog Freddy Nietzsche non ci potevo credere (Steve Jobs la differenza). Meno male che il sito porta il sottotitolo "Il blog che abbraccia i cavalli".

Io l'avrei intitolato diversamente.

freddy-nietzsche

Ah, caro Friedrich. Cosa direbbe di questi tempi? Avrebbe usato Twitter? Secondo me sì. Secondo me avrebbe iscritto "Così Twittò Zarathustra". Opera filosofica in cui un punkabbestia - dopo aver visto Into the Wild - decide di andare in montagna con l'idea di twittare i suoi pensieri da là su, finché non arriva in cima e, dopo aver cercato invano di trovare campo per dieci anni, scende per fare causa alla "3" e le sue tariffe telefoniche, incazzato nero con il mondo. La trama potrebbe non piacere a tutti, però il primo Tweet di Friedrich, ve lo ricordate ragazzi? Io al vederlo mi eccitai.

twitter-nietzsche

E poi retweet di se stesso all'infinito.

Ora la domanda sorge spontanea: Napolitano ce l'ha un account Twitter? Se sì, non basta. Deve Starci! Se no, allora sta andando contro l'idea di una «cultura della digitalizzazione nella pubblica amministrazione». Attenzione, come la mettiamo? Gli togliamo il premio? Steve è sempre là in Cina eh. A Freddy non possiamo darlo perché è morto.

Bei tempi, vero? In cui ad essere nichilisti erano i seguaci di Nietzsche e non quelli di Nichi.

23 commenti:

  1. Ultimamente commento poco i tuoi post perchè ho poche idee in merito. Oh meglio, ho poche idee in generale. Limitatissimo. Però leggo, leggo... leggo con interesse.

    Tuo nonno è un mito. Il mio a malapena si ricorda come mi chiamo... e mi chiamo come lui.

    :)

    RispondiElimina
  2. ma sono veri i tweet? veramente?

    Andrea

    RispondiElimina
  3. @Anonimo
    quello di nichi vendola si

    http://twitter.com/NichiVendola/status/141892110768021504

    quello di nietzsche non credo

    RispondiElimina
  4. Questo post è una perla: non dici un càzzo di nuovo, ma lo fai con grande stile. Complimenti :)

    RispondiElimina
  5. Ho letto l'articolo dell'affetto verso i mac, poi mi son soffermato su questo commento:
    "eco.logico -56 giorni fa

    @Loris e a tutti gli altri. Se non hai mai avuto un Mac, magari negli anni '80 o '90, quando il resto del mondo impazziva dietro a problemi di compatibilità e righe di comando criptiche, non puoi capire di cosa si sta parlando. Questo non vuol dire che l'affetto di un appassionato Apple sia sempre stato giusto, ma si parla davvero di affetto, un sentimento, per sua natura in parte irrazionale. E solo chi ha avuto la fortuna di provarlo può capirlo."

    Assolutamente dovevo condividerlo con te!

    Io ho scoperto twitter, penso, qualche mesetto prima del boom mediatico (fiorello ci ha dato una bella botta) ma giusto per la mia malsana idea di provare tutti questi social network. Giustamente i politici oltre a dirle le cacchiate devono pure scriverle altrimenti il gioco non vale la candela. Comunque voglio Napolitano su twitter! "Eccomi! Sono Napy!

    RispondiElimina
  6. Non male questo post, meglio degli altri. Ci vuole poco, in effetti, ma è corretto riconoscerlo. Quasi condivisibile in alcune cose.
    Peccato tutti il tuo "pensiero" sia permeato di quell'insopportabile "sinistrismo italiota" tanto in voga dal '68 in poi e i cui prezzi li stiamo ancora pagando adesso... Cioè, li pagano altri, non tu che stai da quella parte e scaricherai sempre il barile sul prossimo.
    Qualche esempio: l'essere sempre e per forza dalla parte del più "debole" (fa molto figo e ti rende, senza fare nulla, migliore degli altri. Come un prete), il non mischiarsi con le cose vere ma parlarne soltanto dall'alto, il non riconoscere mai il valore di chi è, nell'immaginario collettivo, "qualcuno" (Jobs nella fattispecie), l'essere sempre "contro", ecc...
    Insomma, Jobs non è un cattivo stronzo carnefice, così come un operaio della Foxxon non è necessariamente una povera vittima. Il generalizzare in queste due categorie sempre e comunque non porta a nulla.
    Jobs è persona di grande valore, non un santo, non un dio, nulla di tutto quello che i tuoi rigidi schemi mentali suggeriscono. E' una persona che ha fatto ciò che né tu né io saremmo mai in grado di fare, e che nessun altro ha mai fatto. Non ha rubato nulla, aveva delle capacità fuori del comune e le ha fatte fruttare bene, è arrivato dove molti (e non cazzoni qualsiasi) hanno fallito. E non ha fatto del male, ricordiamolo. Ha moltissimo del mio rispetto e stima, anche se posso non essere d'accordo con alcune sue scelte. Non bisogna necessariamente tenere una squadra.
    L'operaio Foxxon... faranno le loro battaglie, così come noi abbiamo fatto le nostre, così come mio bisnonno veniva menato quando faceva i picchetti davanti alla fabbrica e nessuno con compassionevole e pretesca benevolenza piangeva per lui.
    In ogni caso i "cattivi" sono quelli della Foxxon, non quelli della Apple, anche se, lo ammetto, poteva essere una buona occasione per creare qualcosa di nuovo e diverso. E "disumano" (l'umano è, mi spiace, la Foxxon...).
    Ma il concetto di "responsabilità" è sconosciuto al sinistrismo italiota, è sempre colpa degli americani, delle scie chimiche, di Jobs, degli altri. Così come i conti li pagheranno sempre gli altri. Elargiamo a piene mani il denaro degli altri, diciamo agli altri cosa fare, rendiamoci migliori agli occhi degli altri, aiutiamo i deboli con il denaro degli altri, diciamo agli altri come devono trattare i loro dipendenti, ecc... Tutto molto simile a ciò che fa la chiesa cattolica apostolica romana, non ti pare? Che strano eh...
    Per questo non sopporto ciò che scrivi, anonimoconiglio, tutto è permeato di questo. Questa volta ho perso un po' di tempo a spiegartelo, mi sento buono. Ma ho perso del mio tempo, giocandomi parte del mio pranzo...
    Il trollione

    RispondiElimina
  7. @Anonimo trollione
    Mi sono fermato a "sinistrismo italiota". Il resto del commento non l'ho letto :)
    davvero credimi, sembra un pippone assurdo. Tra l'altro mi hai fatto ricordare di cancellare i commenti che hai fatto negli altri post in cui arrivi a infastidire anche i lettori.

    Questo invece forse lo lascio perché ogni blog che si rispetta hai il suo troll :D ma spero che nessuno ti risponda, sarei costretto a far pulizia. Ciao!

    @Pako.M
    quel post è pieno sunto di "affetto" digitale :D

    @enrico,
    Grazie in effetti è lo penso anch'io che non ci sia niente di nuovo, ma mi andava di scriverlo ;)

    RispondiElimina
  8. Ma poi che palle, 'sto Twitter. Serve solo a spammare il blog.

    RispondiElimina
  9. @SCIUSCIA un po' come i commenti ai blog insomma.

    RispondiElimina
  10. No Roscia, i commenti sono pompino all'admin del blog.

    RispondiElimina
  11. Santiago tu devi fare un cazzo di saggio, un libro un qualcosa poi crei un PDF lo metti su CC e lo diffondiamo in rete!

    PS: You are a blood genius!

    RispondiElimina
  12. @SCIUSCIA
    oh, non ci avevo mai pensato, ma se così stanno le cose Sciuscia, devo dire che tu commenti molto bene.

    Certo non disdegno i commenti della roscia.

    dovremmo fare un contest...

    RispondiElimina
  13. Guarda il lato positivo, almeno non parlano di Facebook :D

    RispondiElimina
  14. devo concordare con anonimo sul discorso identità, tanto si capisce che è sempre lui, che cambia se mette Anonimo,trollione o MangiatorediConigli?

    @trollione
    apprezzo sempre un altro punto di vista, serve, appunto, a vedere le cose da un altro verso, meglio o peggio dipende dai casi
    La cosa che non mi piace nei tuoi post è questo odio che hai verso il coniglio
    Ti sta antipatico? Non postare
    Dice stronzate? Lo sappiamo però ci fa ridere XD
    Seriamente se non sei daccordo con quello che scrive, lo dici e lo motivi (come hai fatto in questo post, in cui però compare sempre questo odio che, secondo me, rovina il post come elemento di discussione)
    Non dico di moderare il linguaggio che tanto su questo blog la volgarità è di casa, ma solo di mostrare meno odio, altrimenti sembra che scrivi tanto per mandare affanculo il proprietario

    @tutti
    sul discorso job buono/cattivo, coniglio secondo me esagera, bisognerebbe ricorrere a una posizione più moderata, visto che è pur sempre un imprenditore (e quindi non un santo), ma da qui a dare a lui la colpa per il povero operaio secondo me ce ne vuole.
    Discorso diverso lo si fa invece quando lo si prende come elemento di sfottitura per tutti quelli che lo hanno santificato

    RispondiElimina
  15. @Marco
    "Guarda il lato positivo, almeno non parlano di Facebook :D"

    Cazzo in effetti, non so cosa sia peggio! :D

    @Burt
    Grazie del commento. Riguardo l'amico trollione hai visto come risponde, si commenta da sé. :D (sappi che mi/ci legge da tanto, ma non usa il suo solito nick quando sbrocca)

    @Phoenix:
    Steve Jobs Reincarnated
    ;)

    RispondiElimina
  16. @Phoenix Fire

    Io non ho mai letto (magari sbaglio), da parte di Santiago, commenti sulla "persona" SJ, al massimo valutazioni sul "personaggio", o più di frequente sul suo fan-club.

    Questo, però
    "è pur sempre un imprenditore (e quindi non un santo)"
    è un messaggio pericoloso: un pensiero così schematico e manicheo su un'intera categoria di lavoratori può essere definito in molti modi, non certo "moderato" (un termine, fra l'altro, di cui si è talmente abusato in Italia negli ultimi vent'anni da essere quasi diventato sinonimo di "mediocre"; è prossimo all'eliminazione dal mio personale vocabolario).

    RispondiElimina
  17. @Enrico
    anche tu hai ragione, una frase del genere era un pò troppo generalizzatrice. Avrei dovuto scrivere qualcosa di diverso
    Sorry XD
    Per il discorso job persona/personaggio, dico che in altri post o commenti a me ha dato l'impressione di attaccare entrambi, se poi ho avuto un impressione sbagliato o comunque il buon coniglio intendeva altro me ne scuso.

    @trollione
    Vabbè ma tu allora te le cerchi. Nonostante uno voglia instaurare una discussione tu te ne esci così...

    RispondiElimina
  18. @Phoenix Fire
    niente scuse, l'importante è capirsi :)
    Il punto è che, da un po' di tempo a questa parte, sembra che per essere "moderati" si debba, durante l'esposizione di un argomento, portare un contro-argomento (o qualunque cosa ci possa assomigliare), con la sola funzione di "equilibrare" il discorso.
    Io, per dirla in maniera banale, non posso parlare dei campi di concentramento nazisti senza mettere un altro tizio che parli delle foibe, altrimenti sarei un "pericoloso comunista".
    Credo che questa sia una forma mentis da estirpare :)

    Santiago non ha certo bisogno della mia difesa però, a lui la parola se ha voglia di rispondere :)

    RispondiElimina
  19. @enrico
    hai perfettamente ragione, purtroppo ne sono stato vittima anche io XD

    @coniglio
    non fare il "cattivo" e rimetti quel commento che hai censurato

    RispondiElimina
  20. Ho pulito il porcile, cercando di lasciare alcuni vostri commenti. Perché fa bene a sottolineare Enrico quanto il messaggio: "è pur sempre un imprenditore (e quindi non un santo)", sia pericoloso.

    Poi per quanto mi riguarda ho sempre dichiarato da che parte sono e non ho mai preteso di "influenzarvi". Siete già prevenuti e ognuno ragiona con la sua testa.

    Le critiche personali, cerco di non farle mai, se mai vado contro certe idee e "personaggi". Basta leggere l'articolo "RIP Steve Jobs discorso controverso".

    Inoltre questo post non è serio, e la battuta Jobs reincarnato in operaio della FoxConn la si trova un po' ovunque, nella vignetta che ho linkato a Phoenix sopra e su Bile N/1 – Non avrai altro Stato all’infuori di questo:

    http://www.scaricabile.it/category/pdf/

    Leggetelo a pagina 7 e ditemi se non è meraviglioso quel trafiletto :D

    RispondiElimina
  21. Hmm is anyone else having problems with
    the pictures on this blog loading? I'm trying to figure out if its a problem on my end or if it's
    the blog. Any suggestions would be greatly appreciated.

    Look into my website: acheter des followers
    My webpage > acheter followers

    RispondiElimina
  22. Hi there would you mind letting me know which webhost you're utilizing?
    I've loaded your blog in 3 completely different internet browsers and I must say this blog loads a lot faster
    then most. Can you suggest a good web hosting provider at a fair price?

    Kudos, I appreciate it!

    Here is my blog kraamkado

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.