lunedì 30 dicembre 2013

Caro Beppe Grillo, leggi questo o ti sparo - Feat Gino

Come immagino saprete — non è vero, voi avete una vita e ve la state giustamente godendo —, domani Beppe Grillo leggerà il suo discorso di fine anno. Lo farà alla stessa ora di quello di Napolitano, così perché lui non è ossessionato e non vuole sostituirsi al Presidente della Repubblica nell'immaginario collettivo dei suoi seguaci, no no.

beppe-grillo-discorso-fine-anno-capodanno-M5S
Mi raccomando, in alto i cuori e non fate le merde che poi non potrete raccontarlo ai vostri nipotini

Allora l'amico virtuale e drogato Gino (@ginosansonetto sul tuidder), ha scritto in anteprima per noi il meraviglioso discorso di fine anno di Beppe (con una pistola puntata alla tempia) e visto che la licenza del suo blog è la stessa che si trova qui e a noi l'open source piace, non farò altro che riportarvelo facendo una piccola aggiunta, ossia ipotizzando le parole di Beppe dopo aver finito di leggere il discorso obbligato.

Ecco il testo del discorso di fine anno alternativo a quello del Presidente della Repubblica letto da Beppe Grillo con una pistola puntata alla tempia:

Sciao care sciao magici,
l’uomo che mi sta puntando la pistola alla tempia mi impone di chiamarvi così e non “italiane e italiani”, tantomeno “cittadini”, così come mi vieta di iniziare subito con tutto quell’immaginario e quel linguaggio para-fascista che uso in genere sul mio sito internet per farvi ridere tipo “Taci il nemico ti ascolta!” oppure “Siete morti!” ed altre lugubri esaltazioni e spreco di testosterone.
Ovviamente a fine anno sono qui a chiedervi scusa per tutto quello che ho combinato. Stavolta mi mando affanculo io insieme a tutti gli altri politici. Del resto sono il proprietario del simbolo del primo partito italiano a cui impongo ogni giorno la linea politica assieme a Casaleggio e ho fatto parecchie cazzate per mantenere saldo il controllo sul mio partito (sì lo chiamo così altrimenti se dico MoVimento il tizio preme il grilletto).
Avevo le idee un po’ confuse da sempre, da quando pontificavo contro la tecnologia spaccando i computer sul palco fino a quando ho costretto un partito politico dentro un sito internet che mi ostino a chiamare blog senza motivo, un sito pieno di pubblicità e robaccia su cui ho persino osato chiamare in causa Stallman che mi ha prontamente sputtanato ricordando che impallo qualsiasi browser GNU/Linux per la munnezza proprietaria presente.
E comunque tutte quelle idee confuse si sono poi esplicitate per un riciclo della paccottiglia del vecchio MSI, dal “parlamento pulito” alla lotta alla “Casta” alla “casa di vetro” fino all’abolizione delle province e al sistema elettorale maggioritario. Quindi nell’ordine chiedo scusa per aver leccato il culo ai capetti di CasaClownItalia dicendogli che condividevo molte delle loro posizioni e tacendo esplicitamente sulla discriminante antifascista così come su quella destra-sinistra. Tra l’altro mento spudoratamente quando associo il Partito Democratico alla sinistra.
Chiedo scusa per aver messo prima deliberatamente fuori dall’ordine del giorno la condizione vergognosa cui sono sottoposti i migranti e poi rivendicato una linea anti-immigrazione con l’esplicito intento di raccogliere voti e consensi dalla peggiore pancia razzista del paese. Napolitano, che per le altre cose critico tantissimo, è colui che ha inventato i CPT, ora CIE, i lager per migranti di cui tanto si parla oggi per alcuni drammatici episodi che non sono certo sporadici o eccezionali. I CIE vanno chiusi immediatamente e non riformati perchè violano qualsiasi principio giuridico, etico e morale ed è per questo che dovrei chiedere l’impeachment di Napolitano. Tra l’altro chiedo scusa per aver fatto continuamente uso della distinzione tra italiani e stranieri, tra “noi e loro” dimenticando che il proletariato (sfruttato dai padroni e non dalla “Casta”) non ha nazione e che ogni posizione interclassista e nazionalista è solo un imbroglio a favore di quel capitalismo che a chiacchiere dico di combattere.
Ho scritto una legge sul reddito di cittadinanza, l’unica cosa che il tipo qui dietro ritiene ragionevole, però l’ho scritta veramente una merda. Ho messo più obblighi e limitazioni all’accesso al reddito per i disoccupati che manco Ichino o la Fornero. Lavori socialmente utili, controlli e soprusi ad una forma di integrazione nella cittadinanza che diventerebbero quasi un boomerang per chi è senza lavoro. Il testo che è uscito fa letteralmente schifo e mi riprometto di scriverne un altro prendendolo non dalla “rete” del mio portale che ho chiamato “Sistema operativo” ma semplicemente ascoltando per una volta il lavoro che i veri movimenti sociali fanno da anni.
Infatti per troppe volte mi sono impossessato di temi altrui manco li avessi scoperti io e li ho rimessi alla finta discussione nel mio partito, un partito per giunta gestito verticisticamente tipo Forza Italia.
Per questo e per tutto il fallimento di quest’anno, prima che questa farsa dei cittadini che occupano le istituzioni prosegua diventando tragedia, dichiaro sciolto il Movimento Cinque Stelle da me fondato. Tutti i soldi che abbiamo li daremo non alle “microimprese” ma all’associazione Antigone che si occupa dei diritti dei detenuti: per troppe volte abbiamo rotto il cazzo invocando nuove carceri con questa deriva giustizialista orrenda.
Per quanto riguarda i militanti che mi hanno seguito non posso che augurare loro di investire le energie in modo migliore, puntando sull’impegno dentro i movimenti veri di questo paese, come quelli per il reddito, la casa, l’ambiente etc, spendendosi in prima persona piuttosto che seguendo dal web un guru che gli detti la linea.
Auguro a tutte e a tutti un buon anno, ricco di droga e Real Ale e sempre Forza Salernitana.

*****
però posso dire una cosa? Adesso sto tizio mi sta puntandomi una pistola in testa voi lo vedete, lo vedete voi siete lì seduti come me qui e lo vedete, MI STA PUNTANDO UNA PISTOLA PORCA PUTTANA, e io sto qui a leggervi questo che non volevo leggere ma rischio LA VITA, rischio la vita PER VOI e anche per questo disgraziato qui a fianco me mascherato che chissà quali problemi, io ti capisco sai? io ti capisco a te che mi punti quest'arma e a tutti gli italiani e i cittadini che ci guardano, stiamo passando un brutto periodo eh, e io mi sono sempre sacrificato per te per loro e ho rischiato la mia carriera la mia reputazione. Ma se non era per il movimento, sì lo so tu mi punti ma io continuo a parlare, voglio vedere cosa fai voglio vedere se non sei curioso di quello che sto per dire, il movimento ascolta qua, è nato anche per gente come te, sì come te che non ne può più e si è rotta le balle, che è dissocupata perché i tuoi padroni hanno deciso che assumere un cinese era più economico, capisci? gente che si è rotta della casta che ti ha rovinato la vita, di quei vecchi come D'Alema, Prodi e Berlusconi sono tutti uguali e ti hanno fottuto! Se non era per noi in Italia poteva scoppiare una guerra civile e sorgere alba dorata e tu ora staresti puntando quest'arma a chissà quale innocente, ma se sei qua è anche per causa mia, mi hai visto mi hai seguito mi hai fermato, prima in macchina ti vedevo da lontano eri piccolo, piccolo così. E prima ci ripenso ancora con terrore, prima che mi portassi qui che sono sceso dalla macchina m'hai guardato hai taciuto e ho pensato "beh son piaciuto", mi hai chiesto un'autografo e ti ho creduto, e ora siamo qui cosa vuoi fare? Mi vuoi sparare davanti a tutti gli italiani? E sia allora.. spara (bang), spara (bang) SPARA (bang)

khoff, khoff , khoff, khoff , (colpi di tosse da beppe)

e pensare che eri piccolo, ma piccolo, tanto piccolo, così.


Colpo di scena:
Lo svitato si toglie il passamontagna e svela la sua chioma da Telespalla Bob.

Era Casaleggio.


Perché lui vale, (più di uno)

Buon anno.

10 commenti:

  1. L'ho visto dimagrito uno due etti.

    RispondiElimina
  2. Mah, cosa dire ? Hai già detto tutto tu, almeno le cose che non vanno e le storture del M5S, la conduzione verticistica (ma io non la paragonerei con forza italia) la proprietà del marchio con le stelle e persino il passato antitecnologico di Grillo. Meno male che non l'hai chiamato assassino per quella sua vicenda di omicidio colposo mentre guidava.. o su quella foto che lo ritrae davanti ad un fiammante macbook con tutto il suo riempirsi la bocca di software libero.. (ma non hai mancato di far notare il software proprietario sul blog..)

    Non si salva nemmeno per la questione sullo IUS SOLI, quella sua uscita di qualche tempo fa che lo pone su un piano para-leghista.

    Al guru cappellone che hai armato con la pistola a salve poi è molto facile dirne di ogni, è come sparare sulla crocerossa.. non credo sia simpatico a molte persone con il suo fare ambiguo e i suoi presagi post apocalittici da SCIENTOLOGY de no'altri.

    Detto questo però (c'è sempre un però) sono fermamente convinto che la maggior parte degli elettori di Grillo, io sono uno di quelli, oltre ad essere consapevoli delle cose di cui sopra, vedano nei loro rappresentanti eletti un'ultima chance per cambiare le cose e dare una scossa elettrica (la respirazione bocca a bocca non serve più ormai) per rianimare questo ns popolo italiota dal coma catatonico in cui è precipitato.

    Chi scrive non è certo uno sfegatato sostenitore grillino e sono orgoglioso delle mie umili e dignitose origini contadine; e non sto difendendo l'indifendibile, ma (non il “ma anche”di memoria veltroniana) ho preso una posizione e la rivendico con orgoglio.

    Non sono riuscito a capire se l'hai fatto anche tu.

    E con VIVA E VIBRRRANTE inquietudine per il '14 alle porte auguro a te e a tutti (ma sì proprio a tutti) una buona fine.

    P.S. : Questa sera voglio sentire il discorso del presidente

    il presidente dell'Uruguay José Pepe Mujica.

    RispondiElimina
  3. "Non sono riuscito a capire se l'hai fatto anche tu."

    cambierebbe qualcosa?

    che tu sappia o no se io abbia preso una posizione e la rivendicassi cambierebbe qualcosa?

    Il tifo in politica qui è diventato talmente nauseante che pare bisogna esplicitare il proprio schieramento prima di parlare. Ma se ti dicessi che odio profondamente il PD? Che vorrei che quel partito sparisca nel nulla, cambierebbe qualcosa? Credo che penso la stessa cosa sia per il PD sia per il M5S, sono utili al sistema. Andrebbero distrutti dalle fondamenta. Ma cosa toglie questo alla critica di cui sopra? Niente.


    Tu dici di aver votato il M5S perché hai visto "nei loro rappresentanti eletti un'ultima chance per cambiare le cose e dare una scossa elettrica ... per rianimare questo ns popolo italiota dal coma catatonico in cui è precipitato."


    E che ti devo dire? Che non ha funzionato? che ti sei sbagliato? Probabile, ma sinceramente non ho mai criticato chi ha votato Grillo, se mai ho cercato di capire le ragioni per cui Grillo e il suo movimento prendono voti, e sono elencate lì sopra: populismo, demagogia, argomenti filo-razzisti al livello della Lega, ecc, ecc.. ecco, il Movimento 5 Stelle.

    Buon 2014 :)

    RispondiElimina
  4. Se io prendo posizione qualsiasi essa sia, se scelgo di appoggiare una parte politica piuttosto che un'altra, vuol dire che mi hanno convito le idee che quella parte esprime, magari non tutte e con mille riserve e dubbi. Se mi limito ad inveire e fare satira su quello che non mi piace che odio e che "Andrebbero distrutti dalle fondamenta" non propongo un'alternativa per cambiare le cose. Mi sfogo e basta.
    A questo punto della discussione sovente l'interlocutore ti spara a palla incrociate e dirdignando i denti ti dice: NON C'È NESSUNO CHE MI RAPPRESENTI ! SONO TUTTI DEI FARABUTTI CHE HANNO TRADITO LA MIA FIDUCIA !! cioè ti dice che sono tutti uguali che una volta accaparrato il potere pensano solo agli affari loro ecc. ecc.
    Questo per me è populismo.
    Ciò che voglio dire è che il valore di un confronto sta nel giungere ad una soluzione, e questa la si raggiunge proponendo le proprie (di soluzioni) cioè prendere posizione. Altrimenti è solo un esercizio di stile tanto divertente quanto sterile.
    Non è una questione di tifo ma vorrei che fosse chiaro che SI, cambierebbe qualcosa, (non vorrei che tu pensassi che sapere in che cosa sei d'accordo mi provochi insonnia..)
    Continua a scrivere che sei bravo.

    RispondiElimina
  5. "A questo punto della discussione sovente l'interlocutore ti spara a palla incrociate e dirdignando i denti ti dice: NON C'È NESSUNO CHE MI RAPPRESENTI ! SONO TUTTI DEI FARABUTTI CHE HANNO TRADITO LA MIA FIDUCIA !! cioè ti dice che sono tutti uguali che una volta accaparrato il potere pensano solo agli affari loro ecc. ecc.
    Questo per me è populismo."


    Totalmente d'accordo.
    Tuttavia, a parte il fatto che per me non sono "tutti uguali", c'è un dettaglio importante da non tralasciare: io non aspiro al potere. Non mi interessa.

    E quando dico che non mi interessa intendo dire che l'aspirazione al potere non si frappone fra la mia critica e le sue conseguenze.

    Il populista è Beppe Grillo che dopo fare lo stesso identico discorso ti propone la soluzione come un mero prodotto. Ossia, si avvale di argomentazioni populiste per raccogliere voti a favore del M5S (in altre parole: per raggiungere il potere).

    Bada bene, il fatto che io non ti proponga nessuna alternativa né voglia farlo, e che dunque la mia critica sia pura e semplice una critica, dovrebbe farti capire che è il più disinteressata possibile. E, come mi piace sottolineare nel disclaimer di questo posto:

    La critica è tale. Sarà costruttiva nella misura in cui tu riuscirai a cavarne qualcosa di costruttivo.

    Anche perché, se proprio la vogliamo mettere sul piano della legittimità o della validità morale allora mi avvalgo del diritto di critica e diritto di satira, tra l'altro sanciti nella costituzione italiana, in cui non viene mai resa esplicita né richiesta una "posizione" o una proposta di "soluzione alternativa" ogniqualvolta si fa una critica. In parole povere, non c'è scritto da nessuna parte che per esprimere dissenso su un dato argomento ci sia bisogno di una idea alternativa.

    Non ce l'ho assolutamente con te davvero, è che vorrei farti capire perché questa voglia perbenista di "costruttività" da talk show sia una cosa che mi da abbastanza i nervi. La trovo dannosa per un dibattito che possa dirsi proficuo.

    RispondiElimina
  6. Visto che " mi avvalgo del diritto di critica" e basta e sia. Non avevo letto bene il disclaimer del tuo blog.


    P.S. La formula "mi avvalgo" viene spesso usata per il diritto di non rispondere.

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.