lunedì 15 settembre 2014

Sono stato alla #festadellarete e non c'era un cane

Non fraintendetemi, i blogger, le twitstar e gli stand pubblicitari c'erano. Sopratutto gli stand pubblicitari. Ma le 20.000 persone dichiarate dagli organizzatori saranno rimaste nel comunicato di ANSA che, a proposito, ha vinto come miglior testata online.

Probabilmente Ansa è così contenta di aver vinto che ieri ha cambiato l'articolo pubblicato giorni fa (tenendo lo stesso url). Ora c'è scritto soltanto "partecipazione da record".


Al di là di tutto, mi ha fatto molto piacere incontrare persone che conoscevo e altre che volevo conoscere. Questi tipi di eventi sono senz'altro una bella occasione per incontrare persone con cui spesso ci si sente solo in rete per problemi logistici, ma se dovessi trovare un aggettivo per la manifestazione e sopratutto la premiazione direi che è stata imbarazzante. Lo dico senza cattiveria, vi elencherò i motivi (anche perché ho già cercato di spiegarne le cause e le dinamiche nel post scorso).


festa-della-rete-pubblicità-advertising-ovunque

Intanto trovo questa foto significativa, c'è talmente tanta pubblicità che non si vede l'entrata.


Ho provato imbarazzo per gli organizzatori quando sul palco è salito il rappresentante di Amazon.it a fare un monologo di 2 minuti, perché loro andavano così di fretta da non poter leggere la piccola vignetta che Zerocalcare aveva inviato, ma al rappresentante di Amazon va lasciato spazio perché ci racconti quanto ci tengono al cliente. Quando il rappresentante è sceso dal palco Gianluca Neri ha dichiarato "io ordino tutto da loro". Dai, c'era bisogno?

Un altro momento di imbarazzo l'ho provato quando ha vinto - con tanti fischi dalla platea - AlFemminile, che è al tempo stesso gold partner della manifestazione e Gabardini è stato troncato nell'istante in cui ha chiesto il motivo dei fischi (minuto 18:27).

Pinuccio a me non fa ridere, anzi mi fa proprio vomitare, ma la risata è soggettiva no? Il video di Zoro trasmesso capovolto invece penso sia un errore dilettantesco e Carlo Gabardini che ci ricorda per l'ennesima volta di essere gay è abbastanza noioso. Niente di personale Carlo, ma il meme lo spiega meglio.

carlo-gabardini-gay-meme-FDR14

Tanto per essere onesti, va detto che il teatro Novelli di Rimini era pieno. Anche se penso che gran parte degli spettatori fossero gli stessi candidati che guardavano i premi per cui erano stati nominati. Il teatro ha una capienza di 667 posti, ma c'era gente in piedi, quindi mettiamo che ci fossero state 800 persone. È un quantitativo ragionevole delle stesse persone che nel pomeriggio di sabato giravano per Rimini.

Insomma la Blogfest o "Festa della Rete" in realtà ha portato la capienza del teatro Novelli per le strade. La mia curiosità mi porta a chiedermi quanti soldi abbia sganciato la Telecom come sponsor per una kermesse che è più apparenza che sostanza.

Francamente secondo me il massimo di persone che ha portato questo evento è stato 2000. Ma proprio volendo strafare; sono convinto fossero di meno.

Chi si trovava a casa a guardare lo streaming degli *Oscar* della rete italiana poteva vedere il numero di spettatori attuali, numero che si aggirava sui 221 più o meno, mai sfiorato i 300. Dopo 2 ore di trasmissione erano scesi a 189 spettatori.

fdr14-festa-della-rete-pochi-spettatori

Inquadrature e i punti di vista: se l'inquadratura è vicina o dal basso sembrerà che ci sia più gente di quella che c'è effettivamente (click sull'immagine per ingrandire) .

festa-della-rete-2014-affluenza-bassa

Stesso posto, diversa l'inquadratura. Ora nessuno pretende che l'account ufficiale faccia vedere le foto delle sale vuote. È nel loro interesse dire che è andata bene, però almeno che non dicano che "erano tantissimi". Risparmiateci, ci sentiremmo meno presi per il culo e non diremmo niente.




Nel pomeriggio riminese di sabato c'era il sole e facevano 15/20 gradi, non proprio il tempo migliore per andare in spiaggia, ma abbastanza invitante per andare in giro per strada. Il tendone della FDR non era mai strapieno (vi linko una foto a caso, non mia; EDIT: mi rendo conto ora che la foto è di domenica, ad ogni modo la presenza era simile anche sabato).

Ciò che in realtà mi dispiace davvero tanto è che si utilizzi "la rete" come pretesto per veicolare quel che io definisco pubblicità occulta (in gergo "marchette"). Il fatto è che nella maggior parte dei casi i premi o i premiati non c'entrano con la rete:

  • Parte la premiazione, si accendono le luci con la band che inizia a suonare e all'improvviso si spegne tutto. La gente applaude, pare stiano per uscire i presentatori e invece bam! Spot della Tim con Pif proiettato a volume sparato. Finisce lo spot e salgono i presentatori. — Minuto 3:55 
  • Fischi per il premio al miglior sito di economia Il Sole 24 Ore. In risposta hanno detto che bisognava votare di più. — Minuto 12:10 
  • il premio alla "Migliore Start-up" lo vince MusixMatch, ma si approfitta del momento per conferire un altro premio "della giuria" alla startup OrangeFiber, arrivata terza in classifica. Li fanno salire sul palco e loro presentano il proprio prodotto in anteprima. Molto interessante la dichiarazione di Neri sul momento "questo è il premio WCAP". Ora WCAP è il programma di Telecom Italia che si occupa di nascita e sviluppo di startup,  nonché uno dei principali supporter di OrangeFiber. Quindi mi viene da pensare che il piano fosse farli salire sul palco a tutti i costi perché presentassero il loro prodotto. Insomma, bella marchetta. — Minuto 13:30 
  • Durante la premiazione per il Miglior Sito di Cinema Gianluca Neri interrompe tutto per dire che è arrivata la rappresentante di Discovery Italia (rappresentante di Dmax; altro main sponsor) a ritirare il premio come "Miglior Canale TV". Altri minuti tolti per fare quel che io trovo una pubblicità, neanche tanto occulta.  — Minuto 1:16:49 
  • I risultati: soffermatevi un momento a vedere i vincitori. Di 47 categorie ci sono 22 premi o premiati che con la rete hanno poco o niente a che fare:

Miglior sito di Economia: Il Sole 24 Ore
Miglior Startup –: Musixmatch – Premio Speciale: Orange Fiber
Peggior trasmissione radio: Lo zoo di 105
Peggiore Radio: Radioo Padania
Miglior trasmissione radio: Dee Jay Chiama Italia
Migliore Radio: Radio Deejay
Miglior polemica: Scienziati vs Le Iene
Miglior Selfie: Belen Rodriguez
Miglior campagna adv online: Durex: “Rocco tieni duro”
Peggior spot: Pittarosso
Miglior spot: Ikea
Trasmissione tv social: Gazebo
Miglior canale tv: Dmax
Peggior canale tv: Rete 4
Peggio trasmissione tv: Pomeriggio 5
Peggior film italiano: Fuga di cervelli
Miglior personaggio della Rete 2014: PIF
Miglior film italiano: La mafia uccide solo d’estate
Miglior trasmissione tv: Il Testimone
Miglior Chef: Chef Rubio
Miglior testata giornalistica: Il Fatto Quotidiano
Peggior testata giornalistica: Studio Aperto


EDIT, aggiungo un altro punto suggerito da Ideeperscrittori, che ringrazio:
  • Avevo sentito tanti fischi quando premiarono la pagina "Tua madre è leggenda" — (minuto 1:32:33) ma non sapevo il perché. In sostanza le pagine "Tua Madre è Leggenda" (1 milione di mi piace) e "Io Ti Maledico" (2 milioni di mi piace), rispettivamente al primo e al secondo posto, sono due pagine fortemente accusate di prendere battute da Twitter. Tua madre è leggenda è stata pesantemente attaccata in passato e ultimamente ha cominciato a citare regolarmente. Inutile mettere in dubbio un voto truccato, credo che con un numero così enorme di mi piace abbia avuto il gioco facile nel vincere, ma torniamo alla critica che facevo nel post scorso: ci vorrebbe un filtro migliore per controllare chi finisce tra i candidati, e qui la responsabilità è degli organizzatori. Immagino che ci saranno state proteste anche prima che la pagina vincesse. A mio parere tutta la faccenda diventa rilevante nel momento in cui la pagina sta per lanciare una agenda.

Ad ogni modo grazie per questi eventi del tutto italiani, ora posso rinnovare la tessera del Twitter Che Odia per un altro anno. Ci saranno tanti bei premi da votare.

PS: oh, sapevate che Gabardini è gay?

42 commenti:

  1. Marco Frullanti15/09/14, 09:55

    Concordo su tutto, per fortuna che c'erano "gli hooligans" in ultima fila!

    RispondiElimina
  2. ah eravate voi? :D

    a proposito, mi togli un dubbio? Te hai per caso sentito cosa urlano al rappresentante di Amazon quando inizia a parlare? Perché riguardo il video ma non riesco a capire del tutto, fatto sta che le hanno urlato qualcosa dal pubblico e poi sono partiti un sacco di applausi. http://youtu.be/5qZbK1CrknE?t=1h3s

    RispondiElimina
  3. Ieri sono entrata per curiosità nella pagina della festa della rete e mi sono spaventata: è un tripudio di loghi, sembrava di vedere http://www.milliondollarhomepage.com/.

    RispondiElimina
  4. Erano Libernazione e Vagabondo.net

    RispondiElimina
  5. sì adesso non è che dovete iscrivervi apposta su disqus per lasciare un commento col link al vostro blog però.. facciamo lo spamming più elaborato, ad esempio chi "erano"? quelli che occupavano il teatro?

    RispondiElimina
  6. Io ci sono stato domenica perché mi interessavano gli interventi di Paolo Attivissimo e la presentazione del libro di Azael.
    Di sponsor ce n'erano di tutti i tipi (dai formaggini alle automobili), ma quello che non si poteva né vedere e tanto meno tollerare erano i bandieroni di Microsoft. Soprattutto in una Festa dove si parlava (anche) di libertà.

    RispondiElimina
  7. Tra l'altro il primo url nel tweet dell'ansa (il bit.ly) ha avuto, in totale, 20 click. Tutto torna.

    RispondiElimina
  8. Gianluca Neri è una delle persone, in assoluto, che (a pelle) mi sta più antipatica. Non solo di gente del web, proprio in assoluto. Povero, non mi ha fatto nulla, ma quell'aria da saputello, l'umorismo che mi fa piangere, l'arrogranza, le leccate di culo a e da la sua banda di amichetti (a parte Bordone) mi fanno provare una repulsione per qualsiasi cosa faccia. Potesse essere pure un antidoto all'Ebola.

    RispondiElimina
  9. Ciao
    scusa, non volevo mettere il link, è che il sito si chiama così ed è apparso.
    Volevo rispondere a chi aveva chiesto chi erano gli hooligans in ultima fila. Dato che c'ero io in ultima fila lo so :)
    Sarita

    RispondiElimina
  10. Viola Zucchero15/09/14, 14:56

    vorrei aggiungere il paradosso di avere (ancora una volta) un evento web senza wifi open (epicfail) che aveva come sponsor la TIM (doppio epicfail) che, a sfottò, regalava invece un buono per scaricare una canzone da internet (triplo epicfail)

    RispondiElimina
  11. Ha urlato E SBAGLI.
    Grandioso ahahah

    RispondiElimina
  12. sai che mi hanno approcciato per provare il super surface di stocazzo, niente ho detto gentilmente no grazie.
    Io l'ho trovata davvero invasiva come pubblicità.

    RispondiElimina
  13. a posto, non l'avevo notata questa :D

    RispondiElimina
  14. guarda io non lo conosco, o almeno quello che so di lui è quel che ho letto e visto. Sinceramente io non credo che sia un genio del male, ma lui come persona mi interessa poco eh, quel che interessa è il risultato della manifestazione che in fondo tocca anche me e te perché essendo degli utenti che navigano in rete si trovano davanti a quei proclami e nomination ecc ecc, e tutto perché? Per veicolare pubblicità a palate. Ora a questo punto se dovessi dare un giudizio - nettamente personale e senza polemica - a me il risultato è sembrato davvero dilettantesco. Tutta la premiazione lo era, tutta la "festa" era in balia degli sponsor. La cosa acquisiva tratti nauseanti. Meno male che c'erano i conoscenti e altre persone che volevo conoscere per risollevare la giornata. Come ho detto è una bella occasione per trovarsi di persona, ma se è per questo non c'è bisogno di avere tanti spot e sponsor attorno.

    RispondiElimina
  15. Verissimo anche questo!
    A proposito di quel che hai nominato su twitter, il rebranding. Credo che qui si possa scrivere un post a parte guarda.
    Se ci fai caso il nome è stato cambiato improvvisamente, a ridosso dell'inizio, cosa uno o due mesi prima?
    In contemporanea si è annunciato che i TA (organizzati da Rudy Bandiera &co che quest'anno ai MIA non c'erano) si sarebbero svolti a Bologna. E hanno creato i "TwitterPride" al volo coi risultati che abbiamo visto.
    Oltre alla confusione e alla dispersione che è deriva io mi chiedo, ma questa gente che lavora con la rete lo sa che fare una cosa del genere ha del ridicolo? Meno male che poi hanno creato un talk per spiegare come organizzare una "festa" come la loro. Wow.

    Io ho idea che ci sia stato qualche divergenza tra Bandiera e Neri a ultimo momento. Se ci fai caso NetPropaganda, l'azienda di Bandiera e Skande, non figura più tra i loro partner, gli anni scorsi lo era.

    RispondiElimina
  16. Stat senza pensier. Non c'era problema :D

    RispondiElimina
  17. Ah ecco!! hahahah meraviglioso, infatti il pubblico ha applaudito all'istante

    RispondiElimina
  18. francescopiccinelli15/09/14, 18:09

    Faccio l'infedele al quadrato. Vittorio Zambardino, quando venne a farci una lezione allo Iulm tre anni fa, ci fece notare una cosa, guardando i trending topics di Liquida e ci fece notare come la Rete parlasse della Televisione. In fondo, il Festival della Rete è lo specchio fedele della nostra Internet. Scadente, Tv-centrica (vedi Pif...), basata più sulla relazione che sul merito. Non dobbiamo indignarci: banalmente, chi ama Internet e le cose "fatte bene" ha perso. Dobbiamo farcene una ragione e preparare la rivincita.

    RispondiElimina
  19. Diego Salvi15/09/14, 18:21

    Scusate ma come mai e stata una manifestazione poco seguita?. Come mai così poca gente? La rete praticamente ha snobbato l'evento.

    RispondiElimina
  20. Ciao, grazie del commento. In linea di massima hai ragione, però la mia "indignazione" (che poi in realtà chiamarla indignazione è parola grossa) non è dovuta al fatto che la televisione invada - e lo fa in modo pervasivo - la rete, ma sul modo in cui la presenza televisiva ci è stata proposta in questa particolare manifestazione.

    Partiamo dalla considerazione che il fenomeno che vede l'utilizzo della rete come un "secondo schermo" attraverso i social media è in continua crescita. Se non sbaglio uno dei primi a parlarne è stato Cass Sunstein in Republic.com, ma ormai questa teoria è citata ovunque e affermatasi grazie all'uso di social immediati come Twitter, tant'è che generare un commento in rete e utilizzarla come secondo schermo è uno dei primi obiettivi per certi programmi televisivi. Ad esempio XFactor ha un intera redazione o gruppo di persone che si dedicano al rapporto coi social.
    Per dirne una cavolata, a mio parere il concetto di Transmedialità su Gazebo non è quasi presente, perché Gazebo viene votata come "miglior trasmissione social" ma in realtà si limita a riportare i tweet sullo schermo e fare una classifica, niente di più.
    Ora il problema che metto in evidenza - e lo faccio sopratutto nel post scritto prima di questo, a cui ti invito a darne un'occhiata - è che presentare una categoria in modo vago come "trasmissione tv più social" non migliora affatto quell'intento di "rivincita" di cui parli nel tuo commento. Intanto cosa significa trasmissione tv "più social"? Non ci sono i requisiti, non c'è nessuna specificazione, ed è per questo che sostengo che in fondo un premio vale l'altro.

    Ma al di là di questa considerazione ce ne sarebbe un altra ancora più interessante da fare: ad essere pignoli durante la serata di sabato non ci sono state solo i premi "MIA" ma anche dei premi chiamati "PdR" (Premi della Rete) mischiati all'interno della kermesse. Nella teoria spiegata da Gianluca Neri i Premi della Rete sono diversi dagli altri perché è la rete a conferire un premio ad un altro medium di massa, come la tv o la radio. Ora l'idea non è male ma lo svolgimento lascia alquanto a desiderare: 1 - decidono loro le candidature e fanno votare le persone senza un minimo di requisito per i candidati
    2 - una volta stabiliti in candidati a conferire questi PdR ci sarà una "Academy" composta da ex vincitori dei MIA che avrà un peso del 50% sul totale dei voti (il restante 50% verrà votato dalla rete).

    Ora non so te ma vedendo i vincitori di questi premi mi viene da pensare che sia stato tutto un po' apposta. Passi pure OrangeFiber, di cui coloro che conferivano i premi erano i diretti interessati e in diretto contatto con gli sponsor passi, ma Pif è molto discutibile se non altro perché è il testimonial dello sponsor principale dell'evento. Possiamo fare la stessa considerazione con DMax o con Chef Rubio.
    Che poi è molto facile capire come i voti delle persone che valgono al 50% saranno dei voti dispersivi, mentre la suddetta "academy" potrebbe votare compatta a porte chiuse decidendo di fatto a chi dare il premio.

    PS: curioso anche il cambio nome, ho letto una dichiarazione di Neri in cui sosteneva che aveva cambiato nome perché ormai la rete giudicava anche gli altri media e c'erano anche i PdR, ma veramente i PdR sono stati un'invenzione all'ultimo momento, il post in cui vennero annunciati su Macchianera ha la data del 3 settembre.

    RispondiElimina
  21. Condivido parecchio di quanto hai detto, sono partito sprovveduto di qualsiasi aspettativa e, ahimè, disinformato sull'evento, avendolo conosciuto in prossimità dello svolgimento.

    A parer mio la situazione era abbastanza dispersiva, staff che non conosceva neanche la città, mancava un flusso di persone che attirasse verso le manifestazioni ritenute più interessanti, finestre temporali ristrette per passare da una discussione all'altra situata altrove, e son rimasto deluso da alcuni dibattiti.
    Rimane comunque molto distante anche dal mio concetto di "rete" tutto ciò, soprattutto le premiazioni.
    Avrei avuto anche piacere di conoscerti ma sarà per la prossima!

    RispondiElimina
  22. Cavolo, è veramente incredibile che un evento gratuito che esiste grazie agli sponsor dia spazio agli sponsor. Effettivamente è uno scandalo, non ci avevo pensato. Credo che richiederò indietro il costo del biglietto (che incidentalmente non esiste).

    Insomma, per carità: io lo capisco pure, il senso del tuo post. Se ti aspettavi Rimini invasa da gente con i computer in mano che vagava per le strade come zombie, allora sì è vero: non c'era nessuno. Un cazzo di nessuno.

    Ma forse era più un problema di aspettative (tue), che un problema di organizzazione (loro). Per quanto l'organizzazione potesse essere perfettibile (ma può capitare, ragazzi: mettetevi nei panni di chi deve mettere in piedi un evento di 3 giorni con - mi pare - almeno 5 location diverse), l'evento è stato esattamente quello che doveva essere: una "festa".

    Nelle feste si va, ci si incontra, ci si diverte. Si beve, si mangia, si balla. Qualche volta si fa un discorso serio, ma "ragassi è una festa ohibò".

    Chiudo con una piccola parentesi: se di un evento presenti come inaccettabili le cose negative, e minimizzi le cose positive, e non dai un contesto, *forse* fai un racconto falsato.

    Il Teatro Novelli era pieno ma pensi "che gran parte degli spettatori fossero gli stessi candidati che guardavano i premi per cui erano stati nominati". E sti grancazzi, di quello che pensi? :) Il punto è che era pieno, il punto è che c'era gente in piedi e c'era anche gente che se n'è andata a mangiare e basta e che va aggiunta alla somma delle persone presenti a Rimini in quei giorni.



    Posti foto delle location meno seguite (il Kids Corner, robe da mamme e handmade che per carità ha il suo seguito ma di nicchia) ignorando invece le location relative al food (con la gente in piedi in tutti i momenti o quasi) o al fashion o ai media. Posti foto di domenica, quando la gente se n'è andata, usandole come benchmark.


    Facile così. Per provare il tuo punto hai selettivamente presentato informazioni adatte al tuo punto.


    Tutto lecito, ma almeno non trasformare il tuo post in una filippica etica sull'ingiustizia di una Festa della Rete che "con la Rete non aveva nulla a che fare". Dai su, che siamo tutti adulti e vaccinati.

    RispondiElimina
  23. Cambia tema, il sito e' praticamente inutilizzabile da mobile, ed e' un peccato. (P.S. non e' critica, ci mancherebbe, ma un suggerimento. :D)

    RispondiElimina
  24. Solo come precisazione a livello personale: nessun problema tra me e Neri, semplicemente abbiamo avuto una ghiotta occasione per fare il #TA14 a Bologna e ci siamo buttati! Poi che loro abbiano fatto il loro twitter pride... beh ognuno fa quello che vuole ecco ;)

    RispondiElimina
  25. Ciao, guarda io mi metto nei panni degli altri senza problema, ma tu non stai mettendo le cose in proporzione:

    [...] Se ti aspettavi Rimini invasa da gente con i computer in mano che vagava per le strade come zombie, allora sì è vero: non c'era nessuno. Un cazzo di nessuno.

    Io ho scritto "non c'era un cane" rispetto alle 20.000 persone attese. Se tu dici che ti attendi ventimila visitatori e di questi si presenta circa un 15% allora scusa se qualcuno lo fa notare. Quindi come vedi non era un problema di aspettative "mie" ma di aspettative "loro", e dal momento che hanno rilanciato la notizia su Ansa (miglior sito di notizie online eh) mi attendo un po' di riscontro sul reale.

    Poi sul mettermi nei panni degli altri sfondi una porta aperta, l'ho scritto nel post scorso (che ti invito a leggere senza pregiudizi) e lo ripeto: so benissimo che fare eventi del genere senza sponsor non è fattibile, ma di tutti gli eventi a cui sono stato la presenza degli sponsor qui era invasiva, e la si trovava persino durante i premi e i premiati.

    Il Teatro Novelli era pieno ma pensi "che gran parte degli spettatori fossero gli stessi candidati che guardavano i premi per cui erano stati nominati". E sti grancazzi, di quello che pensi?

    Che ti devo dire? Nel loggione in alto c'erano tutti quelli di Vagabondo, Il Meglio di Internet e Libernazione. Se a loro aggiungi tutti i ragazzi di Spinoza, Hagakure e Lercio hai già riempito metà dei posti in basso.

    E nessuna "filippica etica sull'ingiustizia", davvero dove lo vedi? È solo un post eh, il fatto che abbia avuto tutto questo riscontro non me l'aspettavo, ma forse da la conferma del mio punto, non trovi?

    Sulle sale ho altre foto. Che ne dici di quella del teatro? Era pomeriggio di sabato. Quella foto linkata mi sono reso conto tardi che fosse di domenica ma basta guardare il video di Fanpage, per capire che pure all'interno del tendone di gente non c'era tanta.

    Guarda che la discussione sulle sale non ci porterà da nessuna parte, puoi fare come Domitilla Ferrari che su twitter risponde con una foto in cui c'erano 70 persone: https://twitter.com/domitilla/status/511586644622065665

    Ma ti starebbe sempre sfuggendo il punto, quello che ho ribadito sopra: la proporzione su cui mi baso è quella dichiarata da loro stessi, dichiarata dall'Ansa, e negarlo fa semplicemente ridere.

    PS: tra l'altro davvero, non sono l'unico a dire queste cose. Anche i ragazzi di Il Meglio di Internet l'hanno scritto un riscontro confermando che i panel e i workshop erano a detta loro "semideserti". Negli stand del cibo c'era più gente? beh il cibo lo regalavano (e ti faccio notare che pure lo stand dello yogurt era pieno nonostante fosse gratis, se vuoi ho pure la foto), ma al di là delle foto, mi interessa di più sapere cosa c'entri cucinare una grigliata in spiaggia con Chef Rubio con la rete.

    RispondiElimina
  26. Hai pienamente ragione, infatti me l'hanno già detto in tanti :/
    purtroppo mi è un po' difficile fare un cambiamento così e la cosa diventa ancora più difficoltosa dal momento che a questo tema mi ci sono affezionato. Ad ogni modo tra qualche ora provo a fare una modifica nel CSS per risolvere il problema, almeno renderlo più accessibile. Grazie.

    RispondiElimina
  27. Grazie della precisazione.
    Il dubbio mi era venuto dal momento in cui il cambiamento del nome e l'istituzione all'ultimo dei "twitterpride" sono avvenute nello stesso periodo in cui voi come TA siete andati a Bologna.

    RispondiElimina
  28. Quoto Gatto Nero, che ho avuto il piacere di vedere sul palco ma che purtroppo, pur essendo ad appena 10 metri da lui, non ho potuto salutare - e conoscere - di persona in quanto sono dovuto poi andare via.


    Io ho assistito a diversi speech, la maggior parte sotto al tendone (volevo andare anche a sentire Quintarelli a due passi, ma ero un po' di fretta e comunque non c'era posto nella sala...) e mi sento di poter affermare con assoluta certezza che qui sopra si sono scritte un mare di inesattezze, probabilmente trascinate dall'antipatia dell'autore per questo o quel personaggio (ti sta sul culo Neri? Forse un pochino anche a me, visto che mi ha cancellato dai suoi contatti, ma non sono certo cosi' intellettualmente povero da riconoscere cio' che di buono l'organizzazione ha fatto)


    Mi resta un solo dubbio su tutta la Blogfest 2014: ma alla fine, #unfidanzatopergattonero lo abbiamo poi trovato? :D :D

    RispondiElimina
  29. No, non mi "sta sul culo Neri", non lo conosco, come può starmi sul culo senza conoscerlo?

    Buttando la questione sul personale non state facendo altro che rendere ridicola la negazione.
    Basta che tu legga la risposta esaustiva che ho dato a GattoNero, basta leggere l'inizio del post per capire che il mio "non c'era un cane" è riferito alle 20 mila persone attese. Il resto sono chiacchiere.
    Ho scritto pure io che il teatro era pieno e non nego mica le foto di sale in cui si vedono 50 persone, sfondate una porta aperta.

    (tra l'altro ci sono stato l'anno scorso e credimi c'era molta più gente. Basta leggere Il Fatto Quotidiano che ha scritto un articolo complimentandosi per il premio ricevuto e puntualizzando che "Un’appuntamento che ha registrato, l’anno scorso, più di 10 mila presenze". Sì, l'anno scorso, ma questo? Non ne parla.)

    RispondiElimina
  30. Ciao a tutti, ho letto gli interventi e raccolgo qui, in maniera assolutamente anarchica, i pensieri che leggendoli mi sono venuti:Pensiero 1: un evento senza sponsor non è un evento ma è una festa di compleanno
    Pensiero 2: la pubblicità che c'è alla FDR non è per niente occulta, gli sponsor sono dichiarati, i loghi sono presenti così come veri sono i soldi che ci mettono
    Pensiero 3: convincere un'azienda a partecipare alla FDR è difficilissimo quindi, al di là di tutto, chapeau ai reparti marketing che accettano di esporsi, io se avessi lavorato in Barilla avrei organizzato un panel con Guido e LGBT...ma non tutti sanno cogliere le occasioni giuste
    Pensiero 4: concordo sul fatto che non c'erano 20.000 persone e che era impensabile che ci fossero, ma voi, se foste l'organizzatore di un evento dove le aziende mettono dei soldi, dichiarereste alla stampa: "ci aspettiamo poca gente, i soliti noti, i miei amici e qualche social media manager costretto dalla sua agenzia a lavorare nel weekend?" o sparereste alto? (se è dagil anni 70 che la questura dichiara la metà dei partecipanti a una manifestazione un motivo ci sarà, no?)
    Pensiero 5: se devo confrontarmi con le passate edizioni (per me questa era la quinta) il cambio di location ha sicuramente ampliato la partecipazione (arrivare a Riva del Garda era un incubo già da Milano, figuriamoci dal centro o sud italia..) ma a mio avviso siamo intorno alle 5000 presenze totali (che si intende anche il turista che tornando dalla spiaggia è passato a prendersi un gadget...)
    Pensiero 6: se volessimo misurare un evento come si fa per una campagna digital, la CTR è stata altissima
    Pensiero 7: io ero lì per lavoro, come per le passate edizioni (e già perchè per molti la FDR è lavoro...) e gli unici due panel che sono riuscita a seguire erano in overbooking (e non erano quelli delle tweetstar o dei soliti noti, ma parlavano di come si pianifica su Facebook e su retargeting, della serie: forse molti di quelli che sono lì con la rete ci lavorano sul serio)
    Pensiero 8: ne ho un sacco d'altri di pensieri, ma è da stamattina che lavoro a una presentazione che deve convincere il mio capo che i soldi per la FDR sono stati ben spesi e sono stanca
    Pensiero 9: analizzando le foto su instagram con hashtag #FDR14 1/3 sono di piadine


    ci vediamo alla #FDR15 ;-)

    RispondiElimina
  31. No, in compenso abbiamo trovato #unoconleideepocochiarepergattonero, ognuno c'ha le sue croci :D

    RispondiElimina
  32. Come ti dicevo, tu dichiari fondamentali le tue prove (la foto di un evento pomeridiano in un teatro - che non era location usata di frequente quest'anno) per sentire parlare ENRICO PAPI.


    Probabilmente vuoi prenderci per fessi? Dai, su, siamo seri.


    Poi invece minimizzi quello che ti ha risposto Domitilla perché il problema diventa "la proporzione" rispetto ai "dati dichiarati".


    Io ho risposto in maniera seria e esaustiva una volta. Questa volto sottolineo solo di averti dato una pageview in più, perché gli argomenti di risposta usano metodiche retoriche identiche a quelle usate nel post, che sono tristi.


    Ti auguro, però, buona fortuna.

    RispondiElimina
  33. ihaveadrin16/09/14, 21:46

    Non sono molto ferrato in tema di feste della rete (che diventerà, prima o poi, festa della meshnet/cjdns dei giornalisti-opinionisti-mangiapane ad ufo), ma volevo chiedere se per caso i bar fossero a gratis per i premiandi e gli invitati in quanto agitatori della rete.
    No, perché in tal caso benvengano tutti gli sponsor e la festa dell'anal rimming, se fa incontrare fans, attivissimo e scientificast nello stesso posto.

    Anyway, fino a che a queste festicciole non va Uriel ma ci vanno MATTEO BORDONE e FEDERICO MERLO, uno deve aspettarselo che abbia ampi orizzonti di porcheria. Just sayin', e con tutto il rispetto per frullo, te, bianchi, gattonero, enrico papi che c'eravate..

    RispondiElimina
  34. ihaveadrin16/09/14, 22:15

    UPDATE: astanti alla festa della rete mi hanno riferito che il bere dovevate pagarvelo. Allora son d'accordo, non è il modo, sembrano le festicciole in oratorio. Don Gianluca sei vergognoso, alla messa non vengo più

    RispondiElimina
  35. Petrello Taz17/09/14, 00:01

    Porco dio

    RispondiElimina
  36. Leggere tutto questo non fa altro che confermare i miei dubbi. Non ci sono andato: meglio così, pare.

    RispondiElimina
  37. Stai dicendo delle cose completamente false, e non so se lo fai perché non ci arrivi o perché fai finta. Ti tratto come qualunque lettore quindi penso che tu sia sufficientemente intelligente da capire che ti ho anche fornito le prove nella risposta prima. Ma fai finta di non vederle e dici che ti prendo per fesso. Mi dispiace ma sei tu che mi stai prendendo per il culo. E ho fiducia del fatto che chiunque verrà qui potrà leggere i commenti e riflettere con la sua testa riguardo questo scambio.

    Ora ti rispondo per punti:

    - Qui sotto trovi la risposta di una ragazza che ci ha lavorato. Lei ha risposto in modo sincero, dicendo che nei 3 giorni avrà contato sulle 5000 persone (considerando persino i visitatori che erano già lì e non venuti apposta). Allora tanto costa ammetterlo?

    - Se fai una festa di compleanno e tua madre ti chiede quanti sono gli invitati, quando le risponderai "20 amici" lei sborserà una somma relativa a questo numero per preparare il compleanno. Quando però si presenteranno in 5 (il 25%), forse tua madre penserà che sei uno che non ha tutti questi amici. Ecco forse non lo si ammette perché mamma TIM potrebbe chiedere spiegazioni? A meno che io non abbia detto a mia madre che sarebbero venute 5 persone, però abbia iniziato a spargere la voce che ci sarebbero state 20 mila e che i compleanno è in realtà una festa nazionale. Ecco, spero tu abbia capito l'esempio. Perché non so come spiegarlo meglio.

    - Quindi, il teatro era una location usata quest'anno come le altre. Ho foto di altre location, ma ti ho spiegato che disquisire su una manciata di gente seduta (che siano 20 o 60) non porta a nulla.. E comunque se ci tieni, hai detto che negli stand sul cibo era pieno? Qui c'è una foto beccata per caso sabato pomeriggio. (sedie pure vuote un pomeriggio alle 5, manco da dire che la gente era in spiaggia).

    - Non minimizzo un bel niente, Domitilla l'ho persino retwittata perché ha scritto un tweet che non coglieva il punto. Cosa voleva dimostrare Domitilla? Che lì c'erano 60 persone, e quindi? Hai letto la risposta che ti avevo dato prima? L'articolo su Ansa è vero, le dichiarazioni sugli "oscar" della rete e la manifestazione spacciata come nazionale pure.

    Ah, della tua pageview non me ne faccio nulla, figurati. Non sponsorizzo gadget come quelli che critico.

    RispondiElimina
  38. #MannaggiaCheCommentiBrillantiRagazzi!

    RispondiElimina
  39. Ciao. Ti ringrazio per il commento sincero. Sopratutto per l'ammissione che nei 3 giorni le visite si aggirassero attorno alle 5000 presenze (compresso i turisti per caso). Converrai con me che gli estremi per dire che in base quello dichiarato è stato un flop ci sono. Ma non importa, non è che voglio infierire, quel che mi meraviglia sono le altre risposte ricevute, come se altre foto potessero cambiare il numero complessivo.


    Hai comunque fatto il paragone con una festa di compleanno e oltre a trovarlo curioso lo trovo calzante, quel che però ti sfugge è adottando quest'ottica persino quando si è piccoli una festa di compleanno ha uno "sponsor": la mamma.


    Mi hai dato l'appiglio per fare l'esempio a GattoNero più sopra:

    Se fai una festa di compleanno e tua madre ti chiede quanti sono gli invitati, quando le risponderai "20 amici" lei sborserà una somma relativa a questo numero per preparare il compleanno. Quando però si presenteranno in 5 (il 25%), forse tua madre penserà che sei uno che non ha tutti questi amici. Ecco forse non si vuole ammettere il "flop" perché mamma TIM potrebbe chiedere spiegazioni. A meno che uno non abbia detto a sua madre che sarebbero venute 5 persone, però abbia iniziato a spargere la voce che ci sarebbero state 20 mila e che i compleanno era in realtà una "festa nazionale". In entrambi i casi si può parlare di piano malriuscito.

    RispondiElimina
  40. Evidentemente fai finta di non capire. Ti ho già spiegato che discutere delle foto non porta a nulla, ma eludi tutti i miei argomenti, ti impunti sulle tue foto e in più mi dai della "poraccia". Buttando tutto sul personale.


    Ci ho provato, pazienza.


    PS: ah, le tue foto non inquadrano mai le sale per intero, la seconda è pressappoco la stessa che ti ho linkato io (evidentemente non l'hai neanche vista) e ci sono gli stessi posti vuoti se ci fai caso. Non stare a rispondere non c'è bisogno.

    RispondiElimina
  41. Camillomiller26/09/14, 17:59

    Era la festa di "quelli che fanno tv e stanno in rete" allora e lo è adesso.

    RispondiElimina
  42. guarda, è un ottima definizione.

    RispondiElimina

Caro troll. Se proprio devi trollare, fallo con stile: Niente insulti personali, niente giudizi sugli altri, niente ordini. La critica è bene accetta, la merda invece verrà moderata. E ricorda, non bestemmiare, fa come Coniglio: miscredi.